Mangiare

Le persone con diabete di tipo 2 non devono evitare di mangiare patate in base all’indice glicemico

potatoes, vegetables, erdfrucht

Photo by Couleur on Pixabay

I risultati di un nuovo studio mostrano che le persone con diabete di tipo 2 possono mantenere meglio il controllo glicemico durante la notte quando le patate ad alto indice glicemico (IG) sono incluse in un pasto serale rispetto al riso basmati a basso indice glicemico

Alle persone con diabete di tipo 2 (T2D) viene spesso detto di evitare di mangiare patate e altri alimenti ad alto indice glicemico (GI), a causa della percezione di lunga data che questi alimenti rendano difficile il controllo dei livelli di zucchero nel sangue. Ciò è particolarmente problematico durante la notte, quando la glicemia tende a salire, un fenomeno che è stato associato a malattie cardiovascolari e disfunzione endoteliale. Tuttavia, per la prima volta, uno studio clinico rigorosamente controllato, di cui 24 adulti con T2D, dimostra che l’IG non è un accurato surrogato della risposta glicemica (GR) di un individuo a un cibo consumato come parte di un pasto serale. Nello specifico, i risultati pubblicati su Clinical Nutrition mostrano che i partecipanti hanno avuto una migliore GR ‘notturna’ quando hanno mangiato un pasto misto con patate bianche senza pelle rispetto a un pasto misto isoenergetico e abbinato a macronutrienti che includeva un cibo a basso indice glicemico di carboidrati – riso basmati.

“Nonostante il suo uso frequente tra i ricercatori di nutrizione, l’IG non è uno strumento appropriato per capire come un pasto influisce sul controllo glicemico; è una misurazione molto specifica per gli alimenti consumati in isolamento, tipicamente condotta in condizioni di laboratorio controllate”, afferma il dottor Brooke Devlin, PhD, il ricercatore principale, presso l’Australian Catholic University di Melbourne. “È raro che le persone mangino cibi isolatamente e i risultati di questo studio dimostrano come altri fattori, come l’ora del giorno o gli abbinamenti alimentari, debbano essere presi in considerazione quando si studia il GR dei pasti misti negli individui con T2D”.

Ai partecipanti sono stati forniti la stessa colazione e il pranzo, ma sono stati assegnati in modo casuale a una delle quattro cene, ciascuna comprendente patate bianche senza pelle (pasto di prova) preparate in tre modi diversi (bollite, arrostite, bollite, poi raffreddate e riscaldate) o riso basmati ( pasto di controllo). I partecipanti hanno ripetuto l’esperimento, con una pausa di 9 giorni tra ogni prova, per scorrere tutti i pasti di prova e il controllo. Oltre ad avere campioni di sangue raccolti regolarmente (sia immediatamente dopo il pasto e di nuovo ogni 30 minuti, per 2 ore), i partecipanti indossavano anche un monitor del glucosio continuo durante la notte per monitorare i cambiamenti nei livelli di zucchero nel sangue durante il sonno.

Non c’erano differenze tra i pasti nella risposta al glucosio dopo la cena che conteneva uno dei piatti a base di patate o riso basmati. Inoltre, il GR durante la notte dei partecipanti è stato più favorevole dopo aver mangiato il pasto serale che includeva uno qualsiasi dei contorni di patate ad alto indice glicemico rispetto al riso basmati a basso indice glicemico.

“Questi risultati sono contrari a quelli della ricerca osservazionale e della guida dietetica tradizionale che ha portato alcuni a credere che le patate non siano una scelta alimentare appropriata per le persone con T2D”, ha aggiunto Devlin. “Il nostro studio mostra che cibi ad alto indice glicemico, come le patate, possono essere consumati come parte di un pasto serale sano senza influire negativamente sulla GR e fornendo nutrienti chiave in relativamente poche calorie, il che è essenziale per le persone con T2D”.

Questo studio ha seguito una metodologia rigorosa utilizzando un disegno crossover randomizzato e misurando i livelli di glucosio sia immediatamente dopo il pasto che durante la notte per ottenere un quadro migliore dell’impatto delle patate sulla GR. Tuttavia, i ricercatori hanno notato alcune limitazioni: il GR di base dei partecipanti allo studio è stato valutato per un solo pasto serale, la cena fornita era più grande di quella tipicamente raccomandata per le persone con T2D (ma in linea con i modelli alimentari australiani, al 40% di un l’apporto energetico totale dell’individuo) e l’impatto delle patate sul controllo glicemico a lungo termine non è stato valutato.

Nonostante tali limitazioni, i ricercatori hanno concluso che “le patate sono un ortaggio sostenibile, economico e denso di nutrienti, e quindi possono svolgere un ruolo importante nelle diete moderne indipendentemente dallo stato di salute metabolico”.

###

L’articolo, “Risposta glicemica notturna inferiore a un pasto serale misto a base di patate rispetto al riso in soggetti con diabete di tipo 2”, è pubblicato su Clinical Nutrition (doi: https: / doi. Org / 10. 1016 / j. clnu. 2020. 09. 049 .) Gli autori includono Brooke L. Devlin, Evelyn B. Parr, Bridget E. Radford, e John A. Hawley della Australian Catholic University. Il finanziamento è stato fornito dall’Alliance for Potato Research and Education.