Batticuore

Migliora la sopravvivenza dei pazienti obesi sottoposti a chirurgia metabolica con precedente infarto miocardico

Erik Näslund, professore presso il Dipartimento di Scienze Cliniche, Danderyd Hospital, Karolinska Institutet e chirurgo consulente presso il Danderyd Hospital.

I ricercatori del Karolinska Institutet e del Danderyd Hospital in Svezia hanno studiato il rischio di ulteriori infarti miocardici e morte precoce in pazienti gravemente obesi sottoposti a chirurgia metabolica a seguito di un evento miocardico. Lo studio del registro su 1.018 individui mostra un minor rischio di ulteriori infarti miocardici e una migliore sopravvivenza che non può essere semplicemente attribuita alla perdita di peso. Lo studio è pubblicato sulla rivista Circulation .

Secondo la misurazione dell’OMS e dell’indice di massa corporea da essa ideata, attualmente ci sono due miliardi di persone in sovrappeso, 650 milioni delle quali classificate come obese, con un indice di massa corporea (BMI) superiore a 30 kg / m2.

L’obesità grave (in questo studio definita come BMI superiore a 35 kg / m2) aumenta il rischio di diversi problemi di salute, tra cui diabete di tipo 2, ipertensione, malattie cardiovascolari e cancro.

Le persone che perdono peso possono migliorare la loro salute ed è stato precedentemente dimostrato che dopo la chirurgia metabolica, il diabete e l’ipertensione entrano in un periodo di remissione in cui i sintomi scompaiono, almeno temporaneamente.

In questo studio, i ricercatori del Karolinska Institutet, dell’Università di Orebro e dell’Università di Uppsala hanno esaminato il rischio di infarto miocardico aggiuntivo e morte precoce nelle persone con obesità grave e un precedente infarto che successivamente hanno subito un intervento chirurgico metabolico.

Incrociando i registri di qualità SOReg (Scandinavian Obesity Surgery Registry) e SWEDHEART (per le persone che hanno subito un infarto miocardico) tra il 1995 e il 2018, i ricercatori sono stati in grado di identificare le persone gravemente obese che sono state sottoposte a bypass gastrico o procedura di manicotto gastrico come trattamento per la loro obesità dopo aver subito un infarto miocardico.

Un bypass gastrico comporta la disconnessione di gran parte dello stomaco e parte dell’intestino tenue; una manica gastrica comporta la rimozione della maggior parte dello stomaco per lasciare una struttura simile a un tubo che conduce il cibo nell’intestino.

Il gruppo di 509 individui che hanno subito un intervento chirurgico è stato abbinato a persone dello stesso sesso, età e BMI e che avevano subito un infarto del miocardio nello stesso anno ma non hanno subito un intervento chirurgico metabolico.

“Abbiamo scoperto che gli individui operati per la loro obesità avevano un rischio molto inferiore di subire un altro infarto miocardico, di morte e di sviluppare insufficienza cardiaca”, afferma il primo autore dello studio Erik Naslund, professore presso il Dipartimento di Scienze Cliniche, Danderyd Hospital, Karolinska Institutet e chirurgo consulente presso il Danderyd Hospital. “Questi dati suggeriscono che alle persone gravemente obese che soffrono di infarto miocardico dovrebbe essere offerto un intervento chirurgico metabolico per la loro obesità come prevenzione secondaria”.

Secondo i ricercatori, è improbabile che la perdita di peso sia l’unica ragione per la correlazione osservata dallo studio tra la chirurgia metabolica e un minor rischio di eventi cardiopatici, come ictus, infarto miocardico o morte precoce.

Una teoria è che la chirurgia metabolica di per sé ha un impatto positivo sui fattori di rischio cardiometabolico, vale a dire condizioni fisiologiche che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari.

“Molti dei pazienti sottoposti a chirurgia metabolica in questo studio presentavano una remissione clinica del diabete di tipo 2, ipertensione e dislipidemia (alti livelli di lipidi nel sangue). Uno studio precedente, Look AHEAD, ha dimostrato che un lungo e intensivo intervento sullo stile di vita non chirurgico in pazienti con tipo 2 il diabete ha comportato una perdita di peso del 6%, ma non ha ridotto il rischio di infarto miocardico “.

Prima che i risultati dello studio possano diventare parte della prassi clinica, sono necessarie ulteriori ricerche in cui le persone gravemente obese che hanno subito un infarto del miocardio vengono assegnate in modo casuale a un intervento chirurgico oa una regolare cura post-infarto.