Compliance

L’influenza del tempo nell’intervallo glicemico sull’umore quotidiano negli adulti con diabete di tipo 1

Punti salienti

Un tempo maggiore ogni giorno entro i target glicemici (70-180 mg / dL), noto come “tempo nell’intervallo”, è associato a un migliore umore.

Allo stesso modo, meno tempo nell’intervallo iperglicemico “grave” (> 300 mg / dL) è associato a un umore peggiore.

Quando inseriti insieme come predittori, TIR ma non TAR> 300 è emerso come predittore indipendente della maggior parte delle variabili dell’umore.

Né i cambiamenti giornalieri nel tempo trascorso nell’ipoglicemia né la variabilità glicemica erano significativamente correlati all’umore riportato.

Questo studio fornisce la prima prova che il tempo nell’intervallo è associato e probabilmente migliora l’umore quotidiano.

I ricercatori del Behavioral Diabetes Institute, San Diego, CA, USA hanno studiato l’impatto del tempo nell’intervallo (TIR) ??sull’umore negli adulti con diabete di tipo 1 (T1D).

I ricercatori hanno seguito una coorte di 219 adulti in T1D, tutti che attualmente impiegano un sistema di monitoraggio continuo del glucosio in tempo reale (RT-CGM), per studiare come i cambiamenti giornalieri nelle metriche CGM fossero associati a rapporti notturni di umore positivo e negativo per un periodo di due settimane .

Una maggiore% TIR giornaliera (70-180 mg / dL) e meno tempo nell’iperglicemia “grave” (% tempo sopra l’intervallo (TAR)> 300 mg / dL) erano entrambi significativamente associati a valutazioni più elevate su tutti gli elementi positivi dell’umore e valutazioni inferiori su elementi dell’umore più negativi (tutti p s <0,05). Quando inseriti insieme come predittori,% TIR ma non% TAR> 300 è emerso come predittore indipendente di molte delle variabili dell’umore positivo e negativo. Né le variazioni giornaliere del tempo trascorso nell’ipoglicemia (<70 mg / dL) né la variabilità glicemica (rappresentata dal coefficiente di variazione) erano significativamente correlate all’umore riportato.

Questo studio fornisce la prima prova che il tempo nell’intervallo (% TIR) è associato e probabilmente migliora l’umore quotidiano. Coerentemente con studi precedenti, i ricercatori anche scoperto che più tempo trascorso nell’iperglicemia “grave” è legato a un umore più negativo.

Lo studio è stato pubblicato il 7 ottobre 2020 sul Journal of Diabetes and its Complications.