Ricerca

Il piacere della scoperta: come il sistema immunitario si occupa della pletora di microbi dell’intestino?

Una vasta collezione multicolore di centri germinali osservati nel linfonodo mesenterico di un topo.

L’intestino è un luogo insolitamente rumoroso, dove centinaia di specie di batteri vivono accanto a qualsiasi microbo che abbia fatto l’autostop per il tuo pranzo. Gli scienziati sospettano da tempo che il sistema immunitario dell’intestino, di fronte a così tanti stimoli, adotti un approccio insolitamente schietto al controllo della popolazione e alla protezione dagli invasori stranieri, sfornando anticorpi non specifici con ampi mandati per falciare l’intero prato microbico dell’intestino senza pregiudizio.

Ma ora, una nuova ricerca pubblicata su Nature suggerisce che il sistema immunitario locale dell’intestino può essere abbastanza preciso, creando anticorpi che sembrano essere presenti su un microbiota specifico.

“Si pensava che il sistema immunitario intestinale funzionasse come un antibiotico generico, controllando ogni insetto e patogeno”, afferma Gabriel D. Victora , immunologo e capo del Laboratorio di dinamica dei linfociti. “Ma le nostre nuove scoperte ci dicono che potrebbe esserci un po ‘più di specificità in questo targeting”.

La ricerca suggerisce che il nostro sistema immunitario può svolgere un ruolo attivo nel plasmare la composizione dei nostri microbiomi, che sono strettamente legati alla salute e alla malattia. “Una migliore comprensione di questo processo potrebbe un giorno portare a importanti implicazioni per le condizioni in cui il microbioma è fuori equilibrio”, afferma Daniel Mucida , capo del Laboratorio di immunologia mucosale.

Specificità nell’intestino del topo

Di fronte a un agente patogeno, le cellule B del sistema immunitario entrano in siti chiamati centri germinali dove “imparano” a produrre anticorpi specifici fino a quando non emerge una cellula B, finemente sintonizzata per riconoscere il suo bersaglio con alta efficienza. Soprannominato un clone vincitore, questa cellula B si replica per generare una folla di cellule che producono potenti anticorpi.

Victora, Mucida e colleghi hanno deciso di studiare come queste cellule B interagiscono con il crogiolo di specie batteriche nell’intestino, una sovrabbondanza di potenziali bersagli. Osservando i centri germinali che si formano nell’intestino dei topi, hanno scoperto che circa 1 su 10 di questi centri germinali associati all’intestino aveva chiari cloni vincitori. Quindi si sono concentrati sui linfociti B vincenti e hanno scoperto che i loro anticorpi erano effettivamente progettati per legarsi con una potenza sempre maggiore a specifiche specie di batteri che vivono nell’intestino.

I risultati mostrano che anche nell’intestino, dove milioni di microbi agitano le loro migliaia di antigeni diversi e si contendono l’attenzione del sistema immunitario, i centri germinali riescono a selezionare vincitori specifici e coerenti.

“Ora possiamo indagare sui vincitori e considerare l’evoluzione nei centri germinali come una questione ecologica che coinvolge molte specie diverse, mentre cerchiamo di capire le regole alla base della selezione in questi ambienti complessi”, dice Victora. “Questo apre una nuova area di indagine”.

Categorie:Ricerca

Con tag: