Reni

Un farmaco ipoglicemizzante può proteggere i reni nei pazienti con diabete di tipo 1

Johan Jendle, professore di medicina. Credito: Örebro University

Un farmaco ipoglicemizzante comunemente usato nei pazienti con diabete di tipo 2, può proteggere i reni nei pazienti con diabete di tipo 1. Secondo i risultati mostrati in un nuovo studio pubblicato su The Lancet .

Pubblicità

“Questo può essere enorme e indurre molti a cambiare trattamento. L’ insufficienza renale cronica è un grave problema, che porta sia a sofferenza che a costi elevati “, afferma Johan Jendle, professore all’Università di Örebro.

Un farmaco ipoglicemizzante comunemente usato nei pazienti con diabete di tipo 2, può proteggere i reni nei pazienti con diabete di tipo 1. Secondo i risultati mostrati in un nuovo studio pubblicato su The Lancet .

“Questo può essere enorme e indurre molti a cambiare trattamento. L’insufficienza renale è un grave problema, causa sia sofferenza che costi elevati. Ma sono necessari ulteriori studi per confermare questi risultati”, afferma Johan Jendle, professore presso l’Università di Örebro.

Dapagliflozin ha dimostrato di proteggere i reni nei pazienti con diabete di tipo 2 e i ricercatori vogliono scoprire se ha lo stesso effetto nei soggetti con diabete di tipo 1. Il nuovo studio ha incluso 351 pazienti con diabete di tipo 1 e con livelli aumentati di proteine ??nelle urine. I pazienti partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: un gruppo ha ricevuto un placebo, un altro ha ricevuto una dose bassa di dapagliflozin, 5 mg, e il terzo ha ricevuto una dose leggermente più alta, 10 mg. I ricercatori hanno quindi confrontato i livelli di proteine ??nelle urine dei partecipanti.

“Abbiamo esaminato la funzione del rene. I livelli di zucchero nel sangue e ipertensione rendono il rene vulnerabile e incapace di far fronte. Di solito lo paragono a un filtro da caffè che si rompe: i fondi passano poi nel caffè. Non vogliamo che la proteina lo faccia passa attraverso l’urina “, spiega Johan Jendle.

Nel gruppo che riceveva la dose più bassa, i livelli di proteine ??nelle urine sono diminuiti del 13%, mentre nei pazienti che assumevano la dose più alta, sono diminuiti del 31%.

“Inoltre, gli effetti secondari erano bassi”, afferma Johan Jendle.

Un grave effetto collaterale della classe di farmaci a cui appartiene dapagliflozin è un rischio elevato di aumento dei corpi chetonici nel sangue. I chetoni sono un segno di carenza acuta di insulina e possono portare a chetoacidosi. Nessuno dei pazienti nel gruppo placebo ha sviluppato questa condizione. Dei pazienti che assumevano una dose bassa di dapagliflozin, è stato riscontrato che l’uno per cento aveva chetoni nel sangue mentre il quattro per cento nel gruppo che riceveva la dose più alta.

Nello studio, il tre percento nel gruppo placebo e il cinque rispettivo sei percento che riceveva una dose bassa o alta di dapagliflozin, ha sviluppato un’infezione genitale comune. I ricercatori hanno anche visto un aumento delle infezioni del tratto urinario nei pazienti che assumevano il farmaco.

“Questi effetti collaterali sono in linea con quanto riportato in precedenza nei pazienti con diabete di tipo 2. E anche se i numeri sono bassi, l’obiettivo è quello di utilizzare una dose più bassa possibile per evitare possibili effetti collaterali. Per la prima volta abbiamo avere uno studio che indica che la terapia aggiuntiva all’insulina è associata a un ridotto rischio di complicanze renali “, afferma Johan Jendle.

Poiché la protezione renale non era un endpoint pre-specificato nello studio, ma sulla base di dati raccolti in precedenza, il passaggio successivo consiste nel condurre un cosiddetto studio clinico randomizzato prospettico per confermare i risultati.

Pubblicità

Categorie:Reni

Con tag:,,