Mangiare

Il salmone Chinook, in pericolo di estinzione, subisce il peso maggiore della predazione dei leoni marini

Un leone marino divora un salmone.

Il fiume Columbia ospita una delle più importanti discese di salmoni Chinook della costa occidentale. Durante la tarda primavera e l’inizio dell’estate, i pesci maturi ritornano dal mare e iniziano il loro arduo viaggio a monte per deporre le uova. Negli ultimi anni, questi pesci hanno dovuto affrontare un’ulteriore sfida: gli affamati leoni marini della California.

Un nuovo studio dell’Università di Washington e della NOAA Fisheries ha scoperto che i leoni marini hanno il maggiore effetto negativo sul salmone Chinook in via di estinzione che arriva presto nel fiume Columbia inferiore. I risultati di questo studio verranno pubblicati il ??18 ottobre sul Journal of Applied Ecology .

I leoni marini opportunisti hanno imparato che nuotando fino a 145 miglia a monte, possono facilmente banchettare con i salmoni in migrazione, compresi quelli ostacolati dalla diga di Bonneville.

“Abbiamo studiato se i tassi di mortalità variavano a seconda della specifica popolazione di salmone Chinook minacciata, determinata dal momento in cui arrivano nel fiume”, ha detto l’autore principale Mark Sorel, uno studente di dottorato presso la UW School of Aquatic and Fishery Sciences. “Abbiamo scoperto che, in base ai tempi di ritorno individuali e all’abbondanza di leoni marini nel fiume quando tornano, le singole popolazioni sperimentano diversi livelli di mortalità associata ai leoni marini”.

I ricercatori hanno appreso che le prime popolazioni di salmone Chinook in arrivo hanno sperimentato un ulteriore 20% di mortalità rispetto agli anni precedenti e le popolazioni in arrivo più tardi hanno sperimentato un ulteriore 10%. Questo aumento della mortalità è stato associato a una maggiore abbondanza di leoni marini in quei periodi dell’anno nel periodo dal 2013 al 2015 rispetto al periodo dal 2010 al 2012.

Il numero di leoni marini della California è più alto alla foce del Columbia all’inizio della primavera, prima che partano per i loro luoghi di riproduzione nel sud della California. I ricercatori hanno anche scoperto che i primi salmoni che arrivano migrano attraverso il fiume Columbia inferiore più lentamente di quelli che arrivano più avanti nella stagione, aumentando così la loro esposizione alla predazione.

“Queste informazioni su come le diverse popolazioni sono influenzate dalla mortalità associata ai leoni marini è fondamentale perché il recupero del salmone Chinook in via di estinzione richiede che più delle singole popolazioni siano in buona salute”, ha detto Sorel.

I leoni marini della California hanno visto il loro numero rimbalzare lungo gran parte della costa occidentale degli Stati Uniti dall’approvazione del Marine Mammal Protection Act del 1972, che li protegge dall’essere uccisi, catturati e molestati. La maggiore presenza di leoni marini è ora in contrasto con le popolazioni di salmoni a rischio di estinzione di cui si nutrono, mettendo i gestori in una posizione difficile.

I ricercatori sono preoccupati che qualcosa debba essere fatto rapidamente man mano che questi comportamenti di caccia vengono appresi e il problema potrebbe continuare a crescere in modo esponenziale. Ad agosto, il National Marine Fisheries Service ha concesso l’autorizzazione a Washington, Idaho, Oregon e diverse tribù del Pacifico nord-occidentale per catturare ed eutanasia i leoni marini della California e dello Steller in un’area più ampia dei fiumi Columbia e Willamette inferiori. In precedenza, solo i leoni marini della California potevano essere uccisi in questi fiumi se i manager li consideravano una minaccia per il salmone.

Questa complicata decisione è stata adottata dopo che metodi non letali, come il trasferimento e il nonnismo, per limitare l’impatto dei leoni marini sul salmone – oltre a una rimozione letale mirata – hanno avuto un successo limitato.

“Questo è spesso un problema di gestione impegnativo poiché sia ??i leoni marini che i salmoni sono di forte interesse per il pubblico ed entrambi sono protetti dagli statuti federali”, ha affermato Sorel. “La direzione deve considerare molteplici valori sociali e operare all’interno dei quadri giuridici esistenti”.

Il monitoraggio continuo contribuirà a ridurre la rimanente incertezza sugli effetti dei leoni marini sul salmone e sui risultati attesi delle azioni di gestione alternativa.

Categorie:Mangiare

Con tag:,