Complicanze varie/eventuali

Le risposte metaboliche all’ipoglicemia singola e ripetuta nel diabete di tipo 1

lonely, man, crying

Photo by PoseMuse on Pixabay

L’ipoglicemia ostacola la gestione glicemica ottimale nel diabete di tipo 1 (T1D). La lunga durata del diabete e l’ipoglicemia compromettono le risposte contro-regolatorie ormonali all’ipoglicemia. Lo studio danese è stato progettato per verificare se (1) le risposte metaboliche e la sensibilità all’insulina sono compromesse e (2) se sono affette da ipoglicemia antecedente di breve durata nei partecipanti con T1D.

Materiali e metodi: in un disegno fattoriale 2×2 randomizzato, crossover, 9 partecipanti maschi con T1D e 9 partecipanti di controllo comparabili sono stati sottoposti a 30 minuti di ipoglicemia (p-glucosio <2,9 mmol / L) seguiti da un clamp euglicemico su 2 interventi separati: con e senza 30 minuti di ipoglicemia il giorno prima della giornata di studio.

Esiti: Durante entrambi gli interventi la sensibilità all’insulina era costantemente inferiore, mentre gli ormoni contro-regolatori erano ridotti, con un glucagone inferiore del 75% e un’adrenalina inferiore del 50% durante l’ipoglicemia nei partecipanti con T1D, che mostravano anche un lattato inferiore del 40% e un chetone aumentato da 5 a 10 volte le concentrazioni corporee a seguito di ipoglicemia, mentre il palmitato e il turnover del glucosio, l’assorbimento del glucosio nell’avambraccio e l’ossidazione del substrato non differivano tra i gruppi. Nei partecipanti con T1D, il contenuto della fosfatasi del tessuto adiposo e dell’omologo della tensina (PTEN), la fosforilazione della lipasi sensibile all’ormone (HSL) e il contenuto del trasportatore del glucosio muscolare di tipo 4 (GLUT4) erano diminuiti rispetto ai controlli. E episodi di ipoglicemia antecedenti della durata di 30 minuti non hanno influenzato la contro-regolazione o la sensibilità all’insulina.

Risultati: i partecipanti con T1D hanno mostrato insulino-resistenza e alterata contro-regolazione ormonale durante l’ipoglicemia, mentre i flussi di glucosio e acidi grassi erano intatti e le risposte chetogeniche erano amplificate. Abbiamo osservato sottili alterazioni della segnalazione intracellulare e nessun effetto dell’ipoglicemia antecedente di breve durata sulla successiva contro-regolazione.

Ciò riflette plausibilmente la presenza di insulino-resistenza e implica che il T1D sia una condizione con una risposta metabolica difettosa ma preservata all’ipoglicemia di breve durata.

Pubblicato il 14 settembre 2020 in JCEM.