Sport e movimento

Un vero gladiatore. Mark Andrews: ho lasciato che il mio diabete di tipo 1 mi spingesse in avanti, non mi trattenesse

Molte persone, in particolare gli atleti professionisti, sono ossessionate dall’idea del ” sé quantificato ” , dalla convinzione che si possano analizzare i dati sulla salute personale per migliorare la qualità della vita o le prestazioni atletiche.

Ma non molte persone, specialmente gli atleti professionisti, hanno il diabete di tipo 1 come me, dove quantificare ciò che sta accadendo nel mio corpo non è solo necessario per continuare a giocare nella NFL (il campionato di football americano), ma anche per la mia sopravvivenza.

Questo può avermi messo un chip sulla spalla sin dalla giovane età, ma mi ha spinto a lavorare di più per dimostrare a me stesso e a tutti gli altri che il diabete non mi tratterrà mai e, in effetti, è in realtà la mia più grande forza.

Lasciatemi spiegare.

Avevo 9 anni quando mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 1, una malattia autoimmune in cui il mio sistema immunitario distrugge le cellule del pancreas che producono insulina. Gestire il diabete è un lavoro 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e richiede un monitoraggio costante del glucosio e iniezioni di insulina. Senza insulina, lo zucchero nel sangue non può entrare nelle cellule e accumularsi nel flusso sanguigno. L’alto livello di zucchero nel sangue è dannoso per il corpo e causa molti dei sintomi e delle complicanze del diabete.

Una vita di monitoraggio

Nella storia del football americano, pochissimi giocatori con diabete sono riusciti a raggiungere il livello più alto, ma dopo la mia diagnosi, ho lavorato duramente sul campo per superare le idee sbagliate su cosa significhi essere un atleta con il diabete. Ho eccelso nel football delle scuole superiori e continuato a scalare i ranghi presso l’Università dell’Oklahoma, prima di essere arruolato nell’organizzazione dei Baltimore Ravens.

Quando ti viene diagnosticato il diabete in giovane età, sei costretto a crescere molto rapidamente. Ero ancora un bambino quando ho imparato a contare i carboidrati che avrei consumato, in modo da poter calcolare con attenzione il corretto dosaggio di insulina che avrei poi iniettato nel mio corpo. Ogni giorno convivere con il diabete è stata ed è un’opportunità per conoscere meglio il mio corpo e la mia salute, nonché per istruire chi mi circonda.

Sebbene il mio regime pre-partita non fosse molto diverso dai miei compagni di squadra, includeva sempre un passaggio in più: controllare i miei livelli di glucosio per assicurarmi che fossero stabili e in grado di sostenere i quattro quarti sul campo. Quale altro ragazzo di scuola media sa così tanto di ciò che sta accadendo nel suo corpo?

Ma forse la cosa più difficile del diabete è che una volta che pensi di averlo finalmente sotto controllo, l’imprevedibile realtà di questa malattia ti sorprenderà. Durante il mio primo anno di football all’Università dell’Oklahoma, ho sperimentato l’ ipoglicemia, la prima, che mi ha fatto perdere conoscenza.

I miei livelli di glucosio sono scesi estremamente in basso, e mentre stavo sonnecchiando dopo una lunga giornata di allenamenti di calcio, prima che il mio compagno di stanza scoprisse che non rispondevo e chiamasse i servizi di emergenza. Intervenire prontamante può significare vita o morte.

Massimizzare me stesso

In definitiva, praticare sport professionistici richiede di essere molto più in sintonia con il proprio corpo rispetto alla persona media, ma questo è ancora più vero quando si ha anche una malattia cronica.

Dopo aver sperimentato il primo grande spavento per la salute, il mio medico mi ha detto che lo strumento migliore per gestire il mio diabete era un monitor continuo del glucosio, che ho indossato quasi ogni giorno da allora. Il mio piccolo indossabile  utilizza un minuscolo sensore per misurare e inviare i valori del glucosio al mio telefono. Mi avvisa ogni volta che i miei numeri aumentano o scendono al di sopra o al di sotto di un intervallo sicuro e invia avvisi predittivi quando vanno verso l’alto o verso il basso.

La tecnologia non solo toglie parte dello stress della convivenza con il diabete, ma mi consente anche di condividere la responsabilità di gestire questa condizione con la mia famiglia e i preparatori atletici, poiché possono monitorare i miei livelli di glucosio a distanza. Tracciando i livelli di glucosio con un dispositivo per monitoraggio continuo del glucosio, sono stato in grado di collegare i punti tra il modo in cui diversi cibi, esercizi, fattori di stress e sonno influenzano la mia salute generale e le prestazioni dentro e fuori dal campo.

Ad esempio, ho imparato che il burro di arachidi e i panini alla gelatina sono la combinazione perfetta di proteine ??e carboidrati complessi che sosterranno i miei livelli di glucosio e impediranno loro di precipitare durante i giorni di gioco. Uso queste informazioni per personalizzare i miei pasti e il programma di riposo per massimizzare la mia energia e le prestazioni garantendo che il diabete non ostacoli le mie prestazioni sul campo. Certo, i miei compagni di squadra potrebbero pensare di sapere quali schemi comportamentali li aiutano a dare il meglio, ma nel mio caso, ho i grafici e i dati per dimostrarlo.

Oltre ad avere quella visione rara della mia salute quotidiana, combattere questa battaglia con il mio sistema immunitario negli ultimi 16 anni mi ha anche fornito la forza fisica, mentale ed emotiva necessaria per competere nella NFL. Gestire il diabete di tipo 1 è una battaglia quotidiana costante, ma ho un’intera comunità di T1D che mi incoraggiano e mi motivano a essere il miglior giocatore e la persona che posso essere. E se dovessi davvero quantificare me stesso al di fuori dei miei livelli di glucosio, direi che avere il diabete e sostenere le persone con diabete mi ha dato uno scopo unico e forte.

Sebbene il diabete mi abbia creato molti ostacoli nel corso degli anni, non ho mai lasciato che impedisse di realizzare i miei sogni. Non mi sono mai seduto fuori da un campo digioco o allenamento a causa del mio diabete e non ho mai avuto intenzione di farlo. Sono orgoglioso di essere una delle poche persone con diabete ad essere arrivata alla NFL, ma il mio obiettivo non è quello di diventare il miglior nemico del diabete. Voglio essere il miglior tight end. Punto.

Questa stagione della NFL sicuramente non sarà priva di colpi di scena, ma metterò alla prova sul campo tutto ciò che ho imparato su me stesso – e spero che mi guarderai.

Mark Andrews è un giocatore dei Baltimore Ravens e un sostenitore della comunità dei diabetici tipo 1. È partner della società per la cura del diabete Dexcom.