Assistenza sociosanitaria

La nuova HbA1c può essere scritto GMI

Dalla dottoressa Laurel Messer

Sebbene la emoglobina glicata HbA1c sia stato a lungo utilizzato come metrica principale per valutare la glicemia media stimata del paziente diabetico e no, l’indicatore di gestione del glucosio (GMI) è un’alternativa che può fornire le stesse informazioni senza la necessità di un prelievo di sangue. Può anche fornire queste informazioni per periodi di tempo molto più brevi per valutare i cambiamenti dello stile di vita, le malattie e i nuovi farmaci

Negli ultimi quattro decenni, l’A1C e gli zuccheri nel sangue dal polpastrello sono stati utilizzati per valutare la gestione del diabete. A1C (o emoglobina A1C) misura quanto zucchero è legato alle proteine ??nei globuli rossi (chiamate emoglobina glicata) e fornisce una misura stimata dei livelli di glucosio per un lungo periodo di tempo – i due o tre mesi in cui i globuli rossi sopravvivono nel nostro corpi.

L’A1C ha dei limiti, ma è un numero con cui le persone con diabete e gli operatori sanitari sono a proprio agio e sanno come interpretare. Lo scopo di questo articolo è mostrare che l’indicatore di gestione del glucosio (GMI) è un’altra misura per la gestione glicemica e può essere interpretato in modo simile all’A1C. GMI è uno strumento in più per la cassetta degli attrezzi del diabete, assieme al Time in Range .

GMI è anche chiamato “A1C stimato” o “eA1C”, perché ha lo scopo di approssimare un valore di laboratorio A1C. Invece di essere determinato dalla quantità di zucchero attaccata alle molecole di emoglobina sui globuli rossi, l’IMG viene calcolato direttamente dal valore glicemico medio da un dispositivo di monitoraggio continuo del glucosio (CGM). Ciò significa che GMI è una misura più diretta e più accurata dei livelli di glucosio – può essere calcolato per un periodo di tempo più breve (l’ideale minimo è di due settimane), senza la necessità di aspettare due o tre mesi e di avere un sangue di laboratorio disegnare. Qualsiasi persona che indossa un CGM può calcolare il proprio GMI in pochi secondi se ha valori glicemici sufficienti e molti dispositivi CGM eseguono automaticamente il calcolo utilizzando il glucosio medio; la calcolatrice può essere trovata  qui .

Per essere chiari: un GMI può essere calcolato solo se si dispone di un CGM, ma se si dispone di quel dispositivo, ecco i vantaggi dell’utilizzo di GMI.

Oltre a fornire un’ulteriore valutazione dei valori di glucosio, GMI elimina l’interpretazione errata della varianza di A1C causata da una serie di fattori tra cui  malattie renali, carenza di ferro, anemia falciforme, l’uso di alcuni farmaci e  differenze tra gruppi razziali ed etnici . Due persone potrebbero avere dati glicemici identici ma diversi livelli di A1C a seconda dei loro tassi di sopravvivenza dei globuli rossi e attaccamento del glucosio alle proteine ??(indicato come glicazione), con molte più variazioni all’interno delle razze che tra le razze. Tuttavia, queste stesse due persone avrebbero lo stesso GMI calcolato, fornendo loro una comprensione più accurata e coerente della loro gestione del diabete e del loro rischio di  complicanze per la salute .

La caratteristica migliore del GMI (rispetto ad A1C) è che puoi (e dovresti!) scegliere periodi di tempo diversi da calcolare. Ad esempio, puoi calcolare un GMI per le ultime due settimane, cosa che non puoi fare con un A1C, poiché A1C è correlato ai livelli di glucosio negli ultimi due o tre mesi. Hai mai avuto un livello di A1C influenzato da una settimana di malattia con livelli di glucosio molto alti? Per molte persone che ricevono un livello A1C durante le visite cliniche da due a quattro volte all’anno, questo può essere frustrante, poiché evidenzia un periodo di valori glicemici elevati piuttosto che la gestione complessiva del glucosio per quel periodo. Il calcolo di un GMI può essere utile con la malattia: un medico o una persona con diabete può selezionare un periodo di tempo (ad esempio, Il tempo nell’intervallo  è un’altra metrica utile per comprendere i livelli di glucosio durante un periodo di tempo distinto (e anche più breve!). 

L’IMG può anche essere utile per valutare l’impatto di un cambiamento nello stile di vita, come una nuova dieta o un nuovo regime di esercizio, o un aggiustamento del farmaco. Ad esempio, una persona potrebbe calcolare l’IMG per un periodo di due settimane, cambiare dieta per ridurre i carboidrati e calcolare un altro GMI per le due settimane successive al cambiamento. Ciò fornirebbe un indicatore più accurato e immediato dell’effetto del cambiamento, rispetto a una misurazione A1C effettuata in una clinica che non può concentrarsi sul tempo in questione. Un altro esempio potrebbe essere l’avvio di un nuovo farmaco che influisce sui livelli di glucosio. Oltre a valutare le tendenze giornaliere dei livelli di glucosio, un GMI dopo una o due settimane su un nuovo farmaco può fornire preziose informazioni sulla necessità di modificare le dosi del farmaco.

Infine, al tempo del  COVID-19  e dell’aumento della  telemedicina, GMI è il sostituto perfetto per un A1C disegnato in laboratorio. Non è richiesto alcun prelievo di sangue e nessuna visita clinica di persona. Detto questo, ricorda che il tuo GMI può essere superiore o inferiore al tuo A1C disegnato in laboratorio per molti motivi discussi sopra, come il turnover dei globuli rossi, condizioni di salute, farmaci e altro. 

Ti invitiamo a discutere l’uso di GMI e CGM con il tuo team di assistenza sanitaria per il diabete. GMI può essere interpretato allo stesso modo di un A1C, ma per i motivi sopra indicati, può anche essere più accurato e può essere utilizzato come strumento per determinare l’effetto di malattie, cambiamenti nello stile di vita e aggiustamenti dei farmaci. Speriamo anche di aiutare i professionisti della cura del diabete a diventare più a proprio agio con GMI e altre metriche del glucosio derivate da CGM, che prendono l’intero quadro del controllo giornaliero del glucosio. Passaggio successivo,  Time in Range ! (GMI può collegare A1C e Time in Range, ma questa è un’altra storia.)

A proposito del dottor Messer

La dott.ssa Laurel H. Messer, PhD, RN, CDCES , è un’infermiera scienziata ed educatrice certificata per il diabete presso il Barbara Davis Center for Diabetes, University of Colorado School of Medicine, Aurora, CO. Ha trascorso gli ultimi 15 anni a studiare come utilizzare al meglio le nuove tecnologie per il diabete, lavora con il team PANTHER del Barbara Davis Center (Practical Advanced Therapies for diabete), conducendo studi di ricerca clinica su tecnologie promettenti per migliorare la vita di bambini, adolescenti e adulti che convivono con il diabete di tipo 1. Mettiti in contatto con  Laurel.Messer@cuanschutz.edu .