Ricerca

ObesityWeek Interactive metterà in evidenza le ultime ricerche, le connessioni con COVID-19

La nuova sessione di  ObesityWeek Interactive di quest’anno mette in evidenza un formato completamente virtuale, offrendo ai partecipanti gli ultimi studi clinici, la scienza di base e la ricerca sulle politiche pubbliche, insieme a un’attenzione particolare all’impatto di COVID-19.

La 38esima ObesityWeek annuale, convocata da The Obesity Society (TOS),  è in corso e terminerà venerdì 6 novembre online su www.obesityweek.org . Per la prima volta quest’anno, i materiali su richiesta e altri elementi della conferenza interattiva rimarranno disponibili online fino al 31 dicembre.

“A parte il trasferimento virtuale, questa è anche un’opportunità per noi di impegnarci nuovamente come società”, Matthew Hayes, PhD, professore associato di neuroscienze nutrizionali, vicepresidente di neuroscienze di base e traslazionali e direttore delle basi molecolari e neurali nella sezione di malattie psichiatriche della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania e un co-presidente del Comitato di pianificazione del programma TOS, ha dichiarato alla stampa. “Storicamente, ci sono un certo numero di conferenze in competizione che si svolgono contemporaneamente. La Obesity Society è riuscita a stare di fronte alla pandemia e a organizzare un incontro virtuale molto carino, piuttosto che annullare “.

L’incontro di quest’anno presenterà circa 570 abstract oltre a presentazioni scientifiche, conferenze principali ed eventi di networking. L’incontro offre a infermieri, dietisti, professionisti della salute mentale, medici e ricercatori l’opportunità di connettersi e condividere le loro competenze e lavori specialistici.

L’agenda di quest’anno comprende anche quasi 40 abstract incentrati specificamente su COVID-19 e obesità.

“Nonostante le sfide della pandemia e del COVID-19 in generale, quello che abbiamo fatto è stato molto proattivo dall’inizio dell’estate su come avremmo trasferito questo a un incontro virtuale, che, oltre a presentare scienza all’avanguardia, dovrebbe anche proporre la sinergia che si crea quando persone provenienti da un’ampia varietà di aree si uniscono “, Jaime Almandoz, MD, MBA, direttore medico del programma Weight Wellness dell’Università del Texas Southwestern Medical Center, assistente professore nel dipartimento di medicina interna e co- presidente del comitato di pianificazione del programma TOS, ha dichiarato alla stampa. “La nostra piattaforma virtuale aiuta a ricreare alcune di queste interazioni. In questo modo, possiamo fare ciò che sappiamo fare meglio, ovvero creare reti e combattere l’obesità come malattia “.

Gli organizzatori hanno notato diversi punti salienti per l’incontro di quest’anno:

L’incontro di quest’anno si aprirà con una sessione plenaria presidenziale appena organizzata, con un gruppo eterogeneo di colloqui di 10 minuti su questioni emergenti nella scienza, politica e cura dell’obesità. I relatori includono Sadaf Farooqi, MBChB (Hons), PhD, FRCP, FMedSci, DSc (genetica della resistenza all’obesità), Carel Le Roux, MD, PhD (trattare l’obesità come una malattia), Daniel J. Drucker, MD (sfide del farmaco per l’obesità in sviluppo), Ania Jastreboff, MD, PhD (obesità e infezioni virali) e altro ancora.

Quest’anno saranno previste nove lezioni chiave, su argomenti che vanno dalla farmacoterapia individualizzata per l’obesità, al ruolo del tessuto adiposo nella salute metabolica, agli ultimi aggiornamenti per la sindrome dell’ovaio policistico. Lunedì, Danielle E. Jake-Schoffman, PhD , e Sherry Pagoto, PhD, guideranno la prima discussione chiave della conferenza sull’utilizzo dei social media per il cambiamento del comportamento sanitario alle 14:30

Gli abstract incentrati su obesità e COVID-19 metteranno in evidenza argomenti come gli effetti del blocco della pandemia sui comportamenti di stile di vita nei bambini con obesità, l’effetto dell’obesità e della malattia metabolica sulla gravità dell’infezione da COVID-19 e uno studio multicentrico sull’associazione di BMI con esiti in pazienti critici con COVID-19.

“Alcuni studi clinici si sono recentemente conclusi con nuove farmacoterapie che stanno arrivando nel processo di approvazione per il trattamento dell’obesità, negli Stati Uniti e in Europa, che sarà presentato per la prima volta”, ha detto Hayes. “Abbiamo anche molte scoperte scientifiche di base che stanno guadagnando molta attenzione. Abbiamo cercato di trovare un equilibrio tra i leader mondiali nel campo della ricerca a presentare le loro scoperte e la prossima generazione di leader “.

La conferenza si distribuirà su due canali con programmazione simultanea in tempo reale, insieme a una chat board per una sessione di domande e risposte dal vivo dopo ogni presentazione. L’incontro di quest’anno offre anche l’opportunità di tavole rotonde virtuali e sessioni interattive, ha detto Hayes.

“Questo è utile per discutere i risultati che stanno accadendo ora, ma non sono pronti per la pubblicazione completa”, ha detto Hayes. “È così che si generano nuove idee, attraverso la collaborazione e la conversazione.”

Per ulteriori informazioni sull’agenda e sulla registrazione in ObesityWeek , visitare www.obesityweek.org .

Categorie:Ricerca

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.