Telemedicina

Telemedicina fuori dalla portata di chi non può collegarsi a Internet

Con la diffusione della pandemia COVID-19 negli Stati Uniti, molte persone hanno cambiato il loro modo di vivere: mentre lo shopping, l’istruzione e il lavoro si sono spostati online, così hanno fatto gli appuntamenti sanitari di routine.

Tuttavia, mentre la telemedicina sembrava rendere facile il check-in con un medico di base, un nuovo studio suggerisce che non era il caso per tutti.

I ricercatori hanno scoperto che alcuni pazienti con condizioni che beneficiano di cure regolari avevano meno probabilità di aver utilizzato Internet in un periodo di 30 giorni, suggerendo che il vero problema era la mancanza di accesso al Web.

“La telemedicina è ottima, ma può effettivamente esagerare ulteriormente queste disparità che vediamo nelle cure in questo momento”, ha detto l’autore dello studio, il dott. Salim Virani, professore di medicina e cardiologia al Baylor College of Medicine di Houston.

In effetti, una maggiore distanza fisica potrebbe portare a esiti progressivamente peggiori per le persone con malattie preesistenti a causa di un follow-up inadeguato, ha suggerito il team di Virani.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno utilizzato i dati 2016-2017 su oltre 910.000 partecipanti a un questionario nazionale dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Le domande includevano: “Hai utilizzato Internet negli ultimi 30 giorni?”

Hanno scoperto che il 74% delle persone con pressione alta aveva utilizzato Internet in quel lasso di tempo rispetto all’89% senza la condizione. Per le persone con diabete, solo il 65% aveva utilizzato Internet durante quel periodo rispetto all’86% senza quella condizione.

Analizzando ulteriormente questo aspetto per razza, lo studio ha rilevato che la prevalenza dell’uso di Internet per le persone con ipertensione o diabete era del 56% per gli ispanici, del 62% per i neri e del 77% per i bianchi .

Secondo lo studio, gli utenti frequenti di Internet avevano maggiori probabilità di essere bianchi, istruiti, impiegati, giovani o di avere una copertura sanitaria .

“Stiamo già vedendo che alcune delle nostre minoranze soffrono di COVID-19 in più. Ottengono più diabete, ipertensione”, ha detto Virani. “E ora, anche in termini di accesso a Internet per entrare in contatto con i medici, questi non possono essere un singolo o un doppio whammy, ma può essere un triplo whammy”.

Diabete, ipertensione e malattie cardiache sono malattie croniche comuni che richiedono molta gestione da parte dei medici, ha osservato Virani.

Lo studio ha anche scoperto che la disparità non è distribuita uniformemente negli Stati Uniti.

La dottoressa Alejandra Casillas, assistente professore di medicina nella divisione di medicina interna generale e ricerca sui servizi sanitari presso la David Geffen School of Medicine della UCLA, ha studiato le disparità di salute digitale, incluso il modo in cui i pazienti provenienti da ambienti svantaggiati possono incontrare ostacoli nell’utilizzo dell’assistenza sanitaria online.

Alcune tecnologie, come i portali dei pazienti, sono state sviluppate pensando alle popolazioni di lingua inglese tradizionali, ha spiegato Casillas. Con questo sviluppo iniziale, l’assistenza sanitaria sta già lasciando indietro alcuni pazienti, il che può portare a un ciclo di ulteriore ritardo con l’entrata in uso delle nuove tecnologie.

“Quando l’intera transizione [alla telemedicina] è avvenuta dall’oggi al domani, sono diventato subito molto preoccupato”, ha detto Casillas, che non faceva parte dello studio.

“Nel mio istinto, sapevo in qualche modo cosa stava dicendo questo articolo, che avremmo visto questo fenomeno, non diversamente dal fenomeno che vediamo con l’apprendimento Zoom e i bambini provenienti da ambienti svantaggiati. Sono gli esatti paralleli in cui i più vulnerabili sono molto probabilmente essere lasciata indietro a causa del rapido spostamento “, ha detto.

Anche se la telemedicina potrebbe essere un ottimo strumento per i pazienti in popolazioni svantaggiate, rendendo più facile per i pazienti ottenere cure senza dover prendersi una pausa dal lavoro o percorrere lunghe distanze, il sistema per farlo accadere in modo inclusivo non era ancora a posto, ha osservato Casillas.

“E ‘molto scoraggiante e preoccupante che anche dalle più elementari metriche auto-riferite vediamo disparità. E, quindi, potresti solo immaginare, se approfondisci, queste sarebbero probabilmente molto peggio”, ha detto Casillas. “Penso che queste siano conversazioni importanti per i nostri sistemi sanitari per iniziare ad affrontare e pensare”.

Lo studio non ha fornito informazioni sulla qualità dell’accesso a Internet e su dove le persone accedevano a Internet.

Le soluzioni potrebbero includere medici che sono consapevoli delle disparità di accesso per i loro pazienti e responsabili politici che migliorano l’ accesso a Internet e lo rendono più conveniente, ha detto Virani.

“Dobbiamo davvero tenerlo d’occhio come medici e responsabili politici”, ha aggiunto Virani.

I risultati sono stati pubblicati online il 2 novembre sulla rivista Diabetes Care.

Categorie:Telemedicina

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.