Vista e dintorni

Nuovo approccio per il trattamento delle malattie oculari diabetiche

Un nuovo studio, pubblicato su Diabetologia , presenta i risultati del più grande studio clinico per la retinopatia diabetica. Lo studio evidenzia un nuovo approccio che potrebbe trasformare lo screening oculistico per diabetici in tutto il mondo che ha anche un significativo risparmio sui costi per il NHS.

Il numero di persone che vivono con il diabete nel mondo è di oltre 460 milioni ed è probabile che salirà a oltre 700 milioni nei prossimi 35 anni. Il diabete colpisce l’occhio danneggiando i vasi sanguigni della retina ed è noto come retinopatia diabetica . L’alto livello di zucchero nel sangue fa sì che i vasi sanguigni sottili nella retina perdano liquido causando ristagno d’acqua o chiudendosi con conseguente mancanza di ossigeno nella retina.

La retinopatia diabetica (DR) è una delle cause più comuni di perdita della vista nel mondo e può essere prevenuta se rilevata precocemente. Una persona con DR non è consapevole del problema finché la perdita della vista non è così ridotta che il paziente se ne accorge, una fase in cui il danno è spesso irreversibile. Per limitare i danni sono necessari un trattamento laser tempestivo, iniezioni di farmaci nell’occhio o interventi chirurgici complessi.

Il Regno Unito è in prima linea nello screening per DR. Alle persone vengono scattate fotografie della retina che mostrano le prime fasi della retinopatia e, se presenti, vengono inviate per un attento monitoraggio e / o trattamento prima che la vista sia compromessa. Il Liverpool conduce la ricerca sullo screening dal 1991 e molte delle tecniche utilizzate per lo screening in tutto il mondo sono state sviluppate qui.

La più grande prova del suo genere

Nel tentativo di migliorare lo screening per la DR, i ricercatori, guidati dal professor Simon Harding, professore titolare di oftalmologia clinica e capo del Dipartimento di scienze della vista e degli occhi dell’Università di Liverpool, e la dott.ssa Deborah Broadbent, docente senior onorario in Scienze degli occhi e della vista , ha condotto uno studio per accertare se un approccio personalizzato / individualizzato allo screening fosse più vantaggioso rispetto all’approccio di screening annuale stabilito.

Lo studio, intitolato “Screening individualizzato per la retinopatia diabetica” (ISDR) ha reclutato più di 4.500 pazienti in sette anni, rendendolo il più grande studio del suo genere.

I pazienti reclutati per lo studio sono stati inseriti in un gruppo di controllo o in un gruppo di approccio personalizzato o individualizzato. Il gruppo di controllo dei pazienti ha continuato a sottoporsi a uno screening degli occhi ogni anno per rilevare i cambiamenti precoci della retinopatia diabetica, che è l’approccio attuale nella maggior parte dei paesi.

Il gruppo individualizzato è stato sottoposto a un nuovo e innovativo metodo di screening in cui il tempo tra ogni episodio di screening variava a seconda della quantità di retinopatia e del livello di controllo della glicemia, della pressione sanguigna e del colesterolo. Combinando tutti questi importanti fattori, il sistema di Liverpool calcola il rischio per ogni persona utilizzando le proprie informazioni sulla salute, l’approccio “individualizzato”.

Ai pazienti sono stati quindi assegnati appuntamenti di sei mesi se classificati come ad alto rischio di sviluppare malattie minacciose per la vista, un appuntamento di 12 mesi per un rischio medio o un appuntamento di 24 mesi per un rischio basso.

Risultati

I risultati dello studio di sette anni hanno mostrato che l’81,9% dei pazienti nel gruppo individualizzato erano considerati pazienti a basso rischio e quindi non avevano bisogno di essere sottoposti a screening ogni anno. Ciò significava che dovevano solo partecipare a un appuntamento del NHS ogni due anni, risparmiando loro tempo libero dal lavoro, costi di viaggio e disagi.

Lo studio ha mostrato che erano necessari il 43,2% di appuntamenti in meno, rilasciando 27,2 milioni di sterline all’anno o 19,73 sterline per paziente all’anno. Lo studio ha anche rilevato un risparmio sui costi sociali di £ 26,19 per paziente all’anno.

Lo studio ha anche scoperto che la retinopatia diabetica minacciosa per la vista è stata rilevata in precedenza nelle persone ad alto rischio nel gruppo individualizzato rispetto al gruppo di controllo e, soprattutto, la sicurezza del paziente non è stata compromessa da intervalli di screening più lunghi nel gruppo a basso rischio.

Lo studio ISDR è stato finanziato dal National Institute for Health Research (NIHR), l’ente di ricerca e sviluppo del NHS. È stato ospitato dalla St Paul’s Eye Unit, dal Liverpool University Hospital NHS Foundation Trust e dall’Università di Liverpool.

Tecnologie digitali

Il professor Harding, capo ricercatore del programma ISDR, ha dichiarato: “Frequentare molte cliniche ogni anno è un enorme problema per le persone con diabete, soprattutto perché molte stanno lavorando. Quindi, ridurle sarà di grande aiuto e libererà la pressione sulle cliniche oculistiche del NHS. Attualmente sono richiesti poco meno di otto milioni di visite di oftalmologia ogni anno, la più grande di qualsiasi specialità. Questo studio mostra come l’introduzione di nuove tecnologie digitali possa migliorare l’assistenza sanitaria di routine. Possiamo monitorare più efficacemente gli occhi delle persone con diabete , risparmia loro i soldi che viaggiano da e verso le cliniche e libera i fondi necessari per il NHS “.

Ricerca rivoluzionaria

Il dottor Broadbent, il principale ricercatore dello studio ISDR, ha dichiarato: “La gente di Liverpool ha una grande esperienza nel contribuire alla ricerca rivoluzionaria e questo è un esempio fantastico. Reclutare oltre 4.500 pazienti per qualsiasi studio è un risultato straordinario e io Vorrei ringraziare i nostri pazienti per aver accettato così con entusiasmo di far parte di questo studio innovativo. Vorrei anche ringraziare il nostro gruppo di pazienti altamente motivati ??che ci ha aiutato a progettare lo studio, il team di ricerca ISDR per il loro lavoro scrupoloso e il NIHR per il finanziamento di questo studio “.

Lo studio è intitolato “Sicurezza ed efficacia in termini di costi dello screening personalizzato per la retinopatia diabetica: l’ISDR in aperto, equivalenza RCT”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.