Assistenza sociosanitaria

La prevenzione sanitaria dal dimenticatoio alla discarica grazie alla pandemia

Secondo un nuovo studio, gli americani hanno visto i loro medici per le cure preventive ed elettive molto meno spesso del solito nei primi due mesi della chiusura della pandemia. Ma occhio, se la ricerca è targata USA la questione investe tutto il pianeta, e in particolare i paesi ricchi e tra questi l’Italia.

Ciò significava molte meno colonscopie, mammografie, test della glicemia , vaccini per neonati e bambini piccoli, risonanza magnetica e altro negli Stati Uniti, secondo RAND, l’organizzazione no profit di Santa Monica, in California.

Sebbene le visite di telemedicina abbiano colmato parte del divario, hanno sostituito solo circa il 40% delle visite di persona, hanno detto i ricercatori.

“Questo aggiunge prove dettagliate ai rapporti aneddotici secondo cui gli americani hanno smesso di andare dal medico quando è iniziata la chiusura della pandemia”, ha detto l’autore principale Christopher Whaley, un ricercatore politico presso RAND.

“Se le visite importanti vengono ritardate solo di pochi mesi, probabilmente non ci saranno danni. Ma se i pazienti non ricevono screening importanti, potrebbero esserci conseguenze negative per la salute a lungo termine”, ha detto.

I risultati sono stati pubblicati online il 5 novembre su JAMA Network Open . Il rapporto si basa sulle cartelle cliniche di oltre 5 milioni di persone con un’assicurazione sanitaria privata. I ricercatori hanno analizzato i dati sui reclami dal 2018 al 2020 di circa 200 datori di lavoro in tutti i 50 stati.

Gli investigatori hanno scoperto che, nel 2020, le visite sanitarie complessive sono diminuite del 23% a marzo e del 52% ad aprile.

Durante questo periodo, le colonscopie sono diminuite del 70% rispetto a marzo e aprile del 2019. Le mammografie sono diminuite del 67% tra le donne di età compresa tra 46 e 64 anni.

I test di zucchero nel sangue sono diminuiti di oltre il 50%, mentre la vaccinazione dei bambini sotto i 2 anni è scesa del 22%. Le procedure di angioplastica per ripristinare il flusso sanguigno attraverso le arterie sono diminuite di quasi il 17%. Chirurgia muscoloscheletrica, chirurgia della cataratta e risonanza magnetica sono diminuite del 45% o più. I ricercatori hanno anche visto un piccolo calo nei trattamenti chemioterapici.

Nello stesso periodo, l’uso di farmaci da prescrizione per l’asma è aumentato dell’11%, mentre l’uso di colesterolo e farmaci per il diabete ha avuto piccole diminuzioni, secondo il rapporto.

Nel frattempo, le visite di telemedicina sono salite alle stelle, aumentando di oltre il 4.000% nell’aprile 2020 rispetto ad aprile 2019. Ma l’aumento degli appuntamenti online ha sostituito solo circa il 40% del calo delle visite in ufficio, ha osservato il team in un comunicato stampa RAND.

I pazienti con codici postali a basso reddito o prevalentemente non bianchi hanno avuto un aumento delle visite di telemedicina che era circa un terzo inferiore rispetto a quelli dei quartieri più ricchi. I ricercatori hanno citato questo come un esempio dell’aumento delle disparità sanitarie durante la pandemia.

“La misura in cui le barriere di accesso alla telemedicina contribuiscono a ridurre i tassi di differimento dell’assistenza di persona, e quindi aumenta la potenziale esposizione a COVID-19, dovrebbe essere esaminata nel lavoro futuro”, ha detto Whaley.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.