Mangiare

Uno studio rivela le proprietà nutrizionali dell’olio degli olivi selvatici delle Isole Medes

Il team di ricerca afferma che le proprietà organolettiche dell’olio d’oliva degli ulivi sono simili a quelle delle varietà degli ulivi coltivati. Credito: Antonia Ninot (IRTA)

L’olio di olivo selvatico ha ottime caratteristiche sensoriali, fisico-chimiche e di stabilità dal punto di vista nutrizionale, secondo un articolo pubblicato sulla rivista Antioxidants. Lo studio, basato sull’analisi dei frutti degli olivi selvatici della riserva naturale delle isole Medes, rivela che i parametri di qualità dell’olio rientrano nei valori consentiti dal Consiglio oleicolo internazionale.

Lo studio rappresenta un primo approccio alla caratterizzazione degli ulivi selvatici bianco avorio in Catalogna, ed è condotto da Rosa M. Lamuela, professore presso la Facoltà di Farmacia e Scienze Alimentari dell’Università di Barcellona e Fisiopatologia dell’obesità e della nutrizione Networking Biomedical Research Center (CIBERobn). Lo studio è firmato anche da esperti dell’Istituto di nanoscienza e nanotecnologia dell’UB (IN2UB), Istituto di ricerca e tecnologia agroalimentare (IRTA) e Istituto per la ricerca e la formazione in agricoltura, pesca, cibo e produzione eccologica (IFAPA ). Lo studio ha visto anche la partecipazione dei Centri Scientifici e Tecnologici dell’UB (CCiTUB), tra le altre infrastrutture di supporto.

Olivo selvatico: La varietà selvatica dell’olivo coltivato

L’olivo selvatico (Olea europaea L. var Sylvestris) ? un albero della famiglia delle oleaceae ? è l’antenato dell’olivo (Olea europaea L. subsp. Europaea), coltivato fin dall’antichità per l’ottenimento dell’olio. Ora, l’uso commerciale del frutto delle olive selvatiche è raramente utilizzato nell’industria alimentare, anche se alcune regioni peninsulari lo usano per produrre olio di grande qualità ecologica.

Finora, non c’erano molte informazioni sul profilo fenolico delle olive selvatiche bianco avorio. “Il frutto dell’oliva si caratterizza per il suo basso contenuto di olio. Tuttavia, hanno caratteristiche uniche come i frutti bianchi con un alto contenuto di elementi fenolici che potrebbero avere un effetto entro i parametri richiesti dall’Unione Europea, per avere un diritto alla salute (protezione delle lipoproteine ??a bassa densità dal danno ossidativo) “, osserva il professor Lamuela, direttore dell’Istituto per la nutrizione e la sicurezza alimentare (INSA), situato nel Campus Food and Nutrition Torribera, e capo del gruppo di ricerca sugli antiossidanti naturali del UB.

Nelle isole Medes l’olivo selvatico è cresciuto in condizioni caratterizzate dal clima mediterraneo e dal suo ambiente geologico (stress idrico, salinità, ecc.). “In particolare, il profilo fenolico dell’olio è superiore a quello descritto fino ad oggi in un genotipo di olivo selvatico in Algeria. Per questo potremmo trovarci di fronte a genotipi che potrebbero essere utilizzati a fini alimentari e in programmi per la miglioramento dell’olivo tradizionale “, aggiunge il professore di UB.

Le proprietà organolettiche dell’olio d’oliva degli ulivi sono simili a quelle delle varietà di olive commerciali. “Ciò è dovuto al fatto che entrambi gli oli hanno concentrazioni simili di oleocantale e oleaceina, due composti fenolici che causano percezioni come prurito e amarezza”, affermano i ricercatori Anallely López-Yerena (INSA-UB) e Antonia Ninot (IRTA), per primi firmatari dell’articolo.

Olive selvatiche: tutela del patrimonio naturale e promozione della coltivazione locale

Il settore dell’olio d’oliva ha compiuto uno sforzo significativo per ottimizzare il processo di estrazione dell’olio d’oliva al fine di mantenere un equilibrio tra prestazioni economiche e qualità dell’olio. Da vent’anni il rinnovamento degli oliveti ha favorito l’utilizzo di alcune varietà ? Picual e Arbequina ? che dominano gli oliveti di tutto il Paese. Questa pratica esclude l’uso agronomico di molte varietà locali, che comporta un alto rischio di perdita della diversità vegetale.

In questo scenario, gli ulivi rappresentano un potenziale esempio di resilienza e adattamento a condizioni agronomiche avverse. Oggi possiamo ancora trovare foreste di olivi selvatici nel sud della Spagna (Andalusia), così come vere e proprie forme selvatiche sparse ? soprattutto nelle aree disturbate o nei campi abbandonati ? nelle aree della Comunità Valenciana e della Catalogna.

Il nuovo studio fa parte di un programma sulla biodiversità coltivata volto a prevenire l’allarmante perdita di diversità genetica e promuovere l’utilizzo di colture locali. In questo quadro, le attività in corso sono finalizzate alla prospezione e alla raccolta delle popolazioni olivicole in Spagna, al fine di valutarne la variabilità genetica e studiarne la potenziale applicazione nei futuri programmi di miglioramento dell’olivo.

“Le aree protette come le isole Medes può aiutare a mantenere la biodiversità delle specie e alimenti come l’olio d’oliva vergine. In futuro, nuovi studi dovrebbero essere promossi per migliorare la conservazione degli olivi selvatici alberi , la selezione di genotipi con le altre caratteristiche sensoriali meglio adattato a determinate condizioni ambientali e all’uso di materiale genetico per scopi riproduttivi. Inoltre, questa conoscenza ci aiuterà a comprendere meglio la storia della domesticazione vegetale dell’olivo per le colture “, concludono i ricercatori Anna Vallverdú- Queralt e Julián Lozano-Castellón (UB-INSA-CIBERobn).

Categorie:Mangiare

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.