Mangiare

Alimenti a base vegetale: le aziende da sole non dovrebbero decidere cosa chiamiamo hamburger vegetariano

Cosa c’è in un nome? Per gli investitori miliardari in prodotti alimentari a base vegetale, potenzialmente un sacco di soldi. Avrebbero applaudito più forte quando il Parlamento europeo ha votato nell’ottobre 2020 per consentire alle aziende di etichettare le alternative vegane con termini tipicamente associati alla carne animale, come “hamburger” e “salsiccia”.

Gli attivisti per gli animali erano meno contenti del fatto che il parlamento avesse rifiutato le tradizionali etichette dei latticini per le alternative create in laboratorio, accusando i deputati di contraddirsi. L’Euro Group for Animals ha affermato che termini come “latte” e “formaggio” sono sempre stati utilizzati in modo più ampio rispetto al riferimento stretto ai prodotti lattiero-caseari – basta guardare al latte di cocco. Anche la parola “carne” ha un significato secondario di “cibo solido distinto dalla bevanda”, sebbene tale uso sia arcaico.

Dal punto di vista del parlamento, la decisione è stata la logica estensione dell’attuale politica dell’UE che ha impedito alle aziende di utilizzare termini come “latte di mandorle” e “formaggio vegano”, e molto prima proteggeva anche nomi di formaggi particolari, come Gorgonzola e Normandy Camembert, da altri genuini rivali da latte altrove.

Gli agricoltori si lamentano che ricchi investitori in carne e latticini falsi stanno distruggendo i metodi tradizionali di coltivazione e, insieme ad essi, i loro mezzi di sussistenza. Ma questa volta il vero campo di battaglia tra le due fazioni è altrove: sul significato delle parole stesse.

Gli agricoltori in protesta scaricano il latte in polvere da una piattaforma fuori dal Parlamento europeo.
Molti agricoltori europei sostengono il divieto di denominare gli alimenti a base vegetale dopo i prodotti animali. Alexandros Michailidis / Shutterstock

“Ginnastica linguistica”

Il gioco di parole è inseparabile dalla produzione del formaggio, come ha scoperto Miyoko Schinner, una chef vegana americana, quando le è stato vietato di vendere un “formaggio” vegano a base di anacardi. Lo stato della California ha stabilito che il termine era fuorviante e quindi è passata a chiamarlo un prodotto a base di noci coltivate, ma le vendite sono diminuite. La sua azienda ha provato altre frasi, chiamando un prodotto Aged English Sharp Farmhouse, ad esempio, nel tentativo di aggirare il divieto.

La questione linguistica è complicata dalla deliberata strategia di Beyond Meat e di altre aziende alimentari a base vegetale per cercare di far sembrare e sapore i loro prodotti come carne. Qui il nome del prodotto diventa assolutamente vitale. Il consumatore medio va dal titolo, non dalla piccola stampa. È probabile che solo i vegani rigorosi esaminino le etichette nei minimi dettagli per essere sicuri che non ci siano tracce di prodotti animali nel loro cibo. È bizzarro che le aziende alimentari sembrino così felici di offuscare le distinzioni per coloro che in realtà vogliono prodotti tradizionali di origine animale.

I sondaggi hanno trovato una diffusa confusione riguardo agli ingredienti e ai presunti benefici dei prodotti a base di carne falsa a base vegetale. In un sondaggio online condotto su oltre 1.800 consumatori, quasi due terzi hanno ritenuto che i prodotti a base di carne falsa contenessero carne di manzo reale o qualche forma di sottoprodotto animale. Tuttavia, se le persone sono confuse nelle corsie dei supermercati, non sembrano rendersene conto. Meno del 4% delle persone nel Regno Unito ha riferito di aver acquistato accidentalmente prodotti vegetariani.

I consumatori sono influenzati da nomi, imballaggi e posizionamento dei prodotti. Negli Stati Uniti, il latte vegetale è decollato davvero solo dopo essere stato conservato sugli scaffali vicino alle controparti lattiero-casearie. Oggigiorno, i latti alternativi costituiscono circa un sesto del mercato .

Michele Simon, direttore esecutivo della Plant Based Foods Association, difende le nuove industrie utilizzando vecchi termini alimentari sostenendo che :

Ci sono solo poche parole in lingua inglese per trasmettere un concetto che il consumatore già comprende. Se vuoi trasmettere qualcosa che sa di pancetta, cosa fai? Dici che è salato e grasso e, strizzatina d’occhio, simile a un maiale? Il punto è che non dovremmo impegnarci nella ginnastica linguistica.

Tuttavia, ci sono diversi problemi con questo tipo di reclamo. Il primo è che i nuovi alimenti hanno profili nutrizionali molto diversi da quelli vecchi, e il secondo è che, anche se condividono alcune caratteristiche, hanno generalmente un sapore abbastanza diverso. Quindi, dato tutto ciò, perché non creare nuove parole? Perché l’enfasi sull’imitazione di vecchi prodotti?

Un paio di mani guantate tengono un vassoio di cartone di campioni di salsicce a base vegetale.
Quando una salsiccia non è una salsiccia? EPA-EFE / Hayoung Jeon

Gli innovatori alimentari sostengono che esiste una flessibilità naturale e organica nel linguaggio e che termini come “hamburger” come in “hamburger vegetariano” o “salsiccia” come in “salsicce vegetariane”, si sono evoluti – e così dovrebbero essere le parole “latte” e “formaggio”. L’inglese è pieno di esempi di cambiamento semantico. La parola “gabinetto” originariamente significava un pezzo di stoffa, la parola “sanzione” ha acquisito il suo significato negativo solo di recente quando è passata dall’essere un verbo che significa “consentire” o “ratificare” a una sorta di punizione.

Non c’è davvero alcun argomento linguistico per impedire agli alimenti a base vegetale di ridefinire i termini. Ma c’è, sicuramente, un interesse dei consumatori per la chiarezza e per evitare ambiguità. C’è ancora qualcosa di subdolo nei “cibi sostitutivi”, in particolare quando il cambio di prodotto può essere nascosto all’interno di un piatto più grande e più complicato.

La capacità di decidere ciò che chiamiamo cose illustra come i nostri pensieri e atteggiamenti siano plasmati da potenti attori della società, comprese le multinazionali del cibo, senza che ce ne rendiamo conto. C’è un valido argomento per proteggere i consumatori dalle aziende che stravolgono i termini per creare mercati per i loro prodotti. Il linguaggio e le decisioni al riguardo dovrebbero appartenere a tutti, non solo a un’élite.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione

Categorie:Mangiare

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.