ADA2020

#ADA: determinanti sociali della salute fattori chiave degli esiti del diabete

cooperation, friendship, hands

Photo by GDJ on Pixabay

I determinanti sociali della salute sono obiettivi di intervento essenziali per raggiungere l’equità sanitaria tra le persone con diabete, secondo una nuova revisione scientifica dell’American Diabetes Association.

L’ADA ha convocato un comitato di scrittura per esaminare le prove e le ricerche passate sui rischi e gli esiti del diabete in relazione ai determinanti sociali della salute, nonché agli effetti degli interventi sui determinanti sociali. La revisione scientifica, pubblicata su Diabetes Care, è un aggiornamento di una precedente revisione pubblicata nel 2013.

“Il diabete può essere utilizzato come un esempio delle sfide chiave che hanno dovuto affrontare l’assistenza sanitaria degli Stati Uniti: costi economici in aumento insostenibili, miglioramento subottimale dei rischi di malattia e dei risultati a livello di popolazione nonostante i significativi progressi nelle terapie e nei dispositivi e disparità radicate in base allo stato socioeconomico e alla razza / etnia ” , ha detto Felicia Hill-Briggs, PhD, ABPP, professore di medicina e direttore senior della ricerca e sviluppo sulla salute della popolazione presso la Johns Hopkins University and Medicine. “La comprensione del contributo dei determinanti sociali della salute è stata considerata essenziale per la mappatura di ADA dei percorsi di ricerca e intervento verso il miglioramento della salute e dell’equità della popolazione diabetica”.

Determinanti sociali come “causa principale”

L’OMS definisce i determinanti sociali della salute come le condizioni in cui le persone nascono, crescono, vivono, lavorano ed invecchiano. Questi includono lo stato socioeconomico, il vicinato e l’ambiente fisico, l’ambiente alimentare, l’assistenza sanitaria e il contesto sociale.

Da quando l’ADA ha pubblicato per la prima volta una dichiarazione scientifica sui determinanti socioecologici della salute nel 2013, molto è cambiato, ha detto Hill-Briggs. I ricercatori, i professionisti e le organizzazioni sanitarie stanno ora riconoscendo più audacemente il ruolo dei determinanti sociali e le loro cause profonde, come il razzismo strutturale e il classismo, nell’influenzare i rischi per la salute, le esposizioni e gli esiti delle popolazioni.

“La dichiarazione dell’ADA 2013 si è concentrata sui contributori socioecologici alla duplice epidemia di obesità e diabete di tipo 2 e sulle implicazioni di ciò per il cambiamento dello stile di vita raccomandato”, ha affermato Hill-Briggs, presidente dell’ADA 2018 per l’assistenza sanitaria e l’istruzione. “Al contrario, la revisione del 2020 si concentra sulla denominazione e sulla descrizione dei determinanti sociali della salute come condizioni alla radice che contribuiscono agli esiti negativi del diabete e ai modelli evitabili di disuguaglianze socioeconomiche e razziali che vediamo nei rischi e nei risultati del diabete negli Stati Uniti”

Per il rapporto 2020, il comitato ADA ha riesaminato e riassunto la ricerca che esamina l’effetto dei determinanti sociali sulla prevalenza, l’incidenza e gli esiti del diabete.

Il rapporto fornisce raccomandazioni per consentire la progettazione e l’implementazione su larga scala di interventi efficaci che prendono di mira direttamente i determinanti sociali:

  • Stabilire i determinanti sociali fondamentali di consenso delle definizioni e delle metriche di salute.
  • Esaminare le specificità nei determinanti sociali dei percorsi sanitari e gli impatti tra le diverse popolazioni con diabete.
  • Dare priorità a una nuova generazione di ricerca che prende di mira i determinanti sociali della salute come causa principale delle disuguaglianze del diabete.
  • Utilizzare la divulgazione e la scienza dell’implementazione per garantire che i determinanti sociali delle considerazioni sulla salute siano incorporati nella ricerca sul diabete e negli studi di valutazione.
  • Formare i ricercatori in tecniche metodologiche e sperimentali per determinanti sociali multisettoriali e di nuova generazione degli studi di intervento sulla salute.

“Affrontando questi elementi critici, esiste il potenziale per realizzare progressi nel raggiungimento di una maggiore equità nella salute nel diabete e tra i risultati di salute che sono socialmente determinati”, hanno scritto i ricercatori nella revisione.

Lezioni da COVID-19

Il comitato di revisione dell’ADA è stato convocato prima della pandemia COVID-19, ha osservato Hill-Briggs, che ha ulteriormente amplificato i collegamenti tra determinanti sociali della salute, esiti del diabete e risultati COVID-19. Hill-Briggs ha detto che la tempistica della revisione scientifica è ora ancora più urgente.

“Ciò che rivelano i determinanti sociali della salute – che COVID-19 ha evidenziato – è che le disuguaglianze che determinano i risultati di salute si verificano in modo schiacciante al di fuori del contesto sanitario”, ha detto Hill-Briggs. “Sono fattori come il luogo in cui le persone vivono, la loro classe lavorativa, se guadagnano un salario dignitoso, se il loro quartiere è suddiviso in zone per la vicinanza alle risorse alimentari e di sicurezza. Pertanto, le soluzioni devono essere adattate all’impatto a livello di popolazione e richiedono l’implementazione in contesti che includono ma si estendono oltre l’assistenza sanitaria. Affinché i risultati di salute migliorino, l’attenzione alla condizione umana – alloggio, salari, istruzione, opportunità di lavoro e sicurezza ambientale – è fondamentale.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.