Educazione

Come garantire che i pazienti gestiscano la loro malattia renale cronica

stethoscope, medical, health

Photo by StockSnap on Pixabay

SINGAPORE, 14 novembre 2020 – È più probabile che i pazienti con malattia renale cronica assumano un ruolo attivo nella gestione della propria salute se hanno informazioni specifiche su cosa mangiare, una buona comunicazione con il proprio medico e un forte sostegno familiare, ricercatori di Duke-NUS Medical Rapporto School and SingHealth Polyclinics sulla rivista BMJ Open.

La malattia renale cronica, che è la perdita graduale della funzione renale, è spesso collegata al diabete ed è una delle cause di morte in più rapida ascesa in tutto il mondo. La maggior parte dei pazienti non presenta sintomi fino a quando la malattia non è molto avanzata. Gestire la condizione attraverso la dieta, l’esercizio fisico, l’assunzione di farmaci e il non fumo può prevenire la progressione verso la malattia renale allo stadio terminale, che richiede la dialisi o un trapianto.

“L’autogestione è la chiave per la gestione della malattia renale cronica”, ha affermato il professor Tazeen Jafar, del programma di ricerca sui servizi e i sistemi sanitari di Duke-NUS, ricercatore principale e coautore senior dello studio, che è uno specialista dei reni. “Tuttavia, le barriere e i facilitatori dell’autogestione all’inizio della malattia non sono stati ben studiati. Identificare modi per responsabilizzare i pazienti può aiutare a migliorare i risultati di salute e ridurre la necessità di cure costose”.

Il professor Jafar e colleghi, tra cui lo studente di medicina Duke-NUS Sun Joon Hwang, hanno intervistato 20 pazienti con diabete e malattia renale cronica di tre policlinici SingHealth, che non erano ancora passati alla dialisi, per avere un migliore senso della loro percezione della loro condizione. A Singapore, un adulto su quattro soffre di malattia renale cronica. Nonostante questa prevalenza, i ricercatori hanno scoperto che molti pazienti non erano a conoscenza della malattia.

“Questa ricerca indica che i medici di famiglia devono prestare attenzione ai pazienti con malattia renale cronica. Abbiamo bisogno di aumentare la loro consapevolezza su come gestire efficacemente i loro fattori di rischio per prevenire il deterioramento della loro funzione renale”, ha detto il Professore Associato (Dr) Tan Ngiap Chuan, direttore della ricerca presso SingHealth Polyclinics e coautore dello studio.

“Il pubblico deve riconoscere che la malattia renale cronica è una condizione medica comune, soprattutto tra quelli con ipertensione e diabete mellito ed è in gran parte prevenibile se le misure di mitigazione vengono avviate precocemente. I pazienti possono prendere precauzioni per evitare che progredisca rapidamente verso stadi più avanzati. Non esitate a chiedere consiglio ai loro medici di famiglia “, ha aggiunto il dottor Tan.

Molti pazienti hanno riferito di sentirsi sopraffatti e confusi dalle informazioni, sotto forma di opuscoli presso l’ambulatorio medico o online. Sentivano di non ricevere indicazioni specifiche, soprattutto su cosa mangiare, per la gestione della malattia renale cronica. Molti non sono sicuri di quali siano le opzioni accettabili per quando mangiano spesso fuori. I pazienti hanno suggerito che sarà utile un coach della salute che fornisca indicazioni personalizzate sullo stile di vita, in particolare sulla dieta.

Un altro risultato chiave è stato che la maggior parte dei pazienti ha ritenuto che i propri medici non spiegassero le cose chiaramente e non li ascoltassero, quindi i pazienti non si sentivano a proprio agio nel porre domande sulla loro condizione. Al contrario, i pazienti assumevano un ruolo più attivo nella loro cura quando avevano un buon rapporto di fiducia con il loro medico.

Un terzo fattore importante era il sostegno familiare. Alcuni pazienti non hanno chiesto aiuto ai familiari per gestire la loro malattia perché non volevano gravare sulle loro famiglie. Tuttavia, coloro che hanno avuto più sostegno familiare, come un membro adulto della famiglia che ricorda loro cosa dovrebbero o non dovrebbero mangiare, hanno riferito di sentirsi più in grado di gestire la loro malattia.

Alcuni pazienti hanno assunto un atteggiamento passivo nei confronti della loro condizione, dicendo che era troppo tardi per fare qualsiasi cosa, e sostanzialmente hanno delegato la responsabilità ai medici di gestire la malattia per loro. Il prof.Jafar ha osservato che i risultati iniziali di questo studio hanno mostrato come informazioni più chiare sulla dieta e sulla gestione delle malattie, una migliore comunicazione con i medici e un supporto familiare ottimizzato possono aiutare ad aumentare il numero di pazienti che assumono un ruolo più attivo nella loro salute.

Categorie:Educazione, Reni

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.