Assistenza sociosanitaria

#WDD2020 Dramma: Il diabete tipo 2 è una bomba a orologeria nell’Africa subsahariana

Il diabete è una condizione grave e cronica che colpisce la vita e il benessere di individui, famiglie e società a livello globale . È caratterizzato da livelli eccessivi di zucchero nel sangue.

Esistono tre tipi principali di diabete: diabete di tipo 1, diabete di tipo 2 e diabete gestazionale.

Il diabete di tipo 1 spesso inizia dall’infanzia. Si verifica quando il corpo attacca il pancreas con gli anticorpi. Il pancreas è danneggiato e non è in grado di produrre l’ormone, l’insulina, responsabile della regolazione del livello di zucchero nel sangue. Di conseguenza, le persone con diabete di tipo 1 fanno affidamento su iniezioni giornaliere di insulina per sopravvivere. Il diabete di tipo 1 costituisce circa il 5% –10% di tutti i casi di diabete

Il diabete di tipo 2 si verifica principalmente negli adulti di età compresa tra 20 e 79 anni . Rappresenta circa il 90% di tutti i casi di diabete. Nel tipo 2, il pancreas produce insulina, ma o non è sufficiente o le cellule del corpo non riescono a usarla – ciò che è noto come resistenza all’insulina. Le persone obese hanno un alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Il diabete gestazionale si riferisce alla glicemia alta che compare solo in gravidanza e di solito scompare dopo il parto. Ma le donne con diabete gestazionale hanno alte probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 più avanti nella loro vita.

Nel 2019 circa 1 adulto su 11 nel mondo – 436 milioni di persone – aveva il diabete. Di questi, 19 milioni vivevano nell’Africa subsahariana. Circa il 60% di loro non era a conoscenza della propria condizione.

Si prevede che questi numeri cresceranno esponenzialmente nei prossimi 25 anni. Si prevede che il numero di persone con diabete nell’Africa subsahariana dovrebbe più che raddoppiare, raggiungendo i 45 milioni entro il 2045 . Questo perché molte persone sono ad alto rischio futuro di diabete, altrimenti noto come persone con prediabete. Nel 2019, circa 45 milioni di africani di età compresa tra 20 e 79 anni avevano una ridotta tolleranza al glucosio, che è una forma di prediabete.

Il Global Burden of Disease Study stima che il diabete sia la quinta principale causa di decessi dovuti a malattie non trasmissibili nella regione. Altri prima di esso sono ictus, cardiopatia ischemica, difetti congeniti alla nascita e malattie del fegato croniche.

Il rapido aumento previsto del diabete non deve essere trascurato in quanto potrebbe avere conseguenze devastanti per la salute e l’economia della regione. La maggior parte dei sistemi sanitari nazionali non è preparata ad affrontare il crescente fardello mentre lotta per far fronte alle malattie infettive. La pandemia COVID-19 si è aggiunta a queste pressioni.

Dato che si tratta di una malattia dello stile di vita, i governi devono agire con urgenza per incoraggiare cambiamenti nel comportamento nel tentativo di gestirla.

Implicazioni di alti tassi di diabete

Il diabete e altre malattie non trasmissibili portano le persone a vivere per molti anni in cattive condizioni di salute nell’Africa sub-sahariana. L’ aspettativa di vita media nella regione è attualmente stimata in 64,5 anni, con l’11% di quegli anni trascorsi in cattive condizioni di salute.

Un terzo di tutte le perdite di salute (misurate utilizzando gli anni di vita aggiustati per la disabilità) nel 2019 nell’Africa subsahariana è stata dovuta a malattie non trasmissibili come il diabete. Questa cifra è salita dal 18% nel 1990. Gli anni di vita aggiustati per la disabilità sono una misura del carico di malattia che cattura sia la morte prematura che la malattia .

Secondo il Global Burden of Disease Study, la percentuale di tutti gli anni di vita persi a causa di morte prematura a causa del diabete e di altre malattie non trasmissibili è aumentata di oltre il 68% nell’Africa subsahariana tra il 1990 e il 2019 .

Il diabete può portare alla morte e complicazioni potenzialmente letali , come gravi danni al cuore, ai vasi sanguigni, agli occhi, ai reni e ai nervi. Queste complicazioni possono portare ad attacchi di cuore, ictus, cecità, insufficienza renale e amputazione degli arti inferiori. Ad esempio, gli adulti con diabete hanno tre volte più probabilità di soffrire di attacchi di cuore e ictus rispetto agli adulti senza diabete.

Il diabete può anche aumentare il rischio di malattie infettive come la polmonite e la tubercolosi. È stato anche dimostrato che le persone affette da diabete infette da SARS-CoV-2 hanno maggiori probabilità di sviluppare COVID-19 grave , richiedere una degenza prolungata in ospedale, avere un maggiore bisogno di ventilazione e avere maggiori possibilità di morire per COVID-19 .

Rischi futuri

L’Africa subsahariana deve affrontare sfide uniche nella lotta al diabete . Questi includono la mancanza di fondi per le malattie non trasmissibili, la mancanza di studi e linee guida specifiche per la popolazione, la mancanza di farmaci, le differenze nei pazienti urbani e rurali e l’ineguaglianza tra l’assistenza sanitaria del settore pubblico e privato.

A causa di queste sfide, il diabete ha un impatto più significativo sulla perdita di salute nell’Africa subsahariana rispetto a qualsiasi altra regione del mondo.

L’ International Diabetes Federation ha stimato che il costo del diabete nell’Africa subsahariana nel 2019 sarà di 9,5 miliardi di dollari, e questo aumenterà fino a 17,4 miliardi di dollari entro il 2045.

La crescente prevalenza del diabete è legata all’aumento dell’obesità e ad altri cambiamenti dello stile di vita come cattive abitudini alimentari e mancanza di attività fisica.

I fattori di rischio per lo sviluppo del diabete sono modificabili , nel senso che possono essere cambiati. Le persone dovrebbero essere incoraggiate a mangiare in modo sano, essere fisicamente attive ed evitare un aumento di peso eccessivo. Questi semplici cambiamenti nello stile di vita sono efficaci nella prevenzione del diabete di tipo 2.

Gli studi degli ultimi due decenni hanno dimostrato inequivocabilmente che la modifica dello stile di vita può prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2 nelle persone ad alto rischio futuro di malattia. Tali studi sono stati condotti in numerosi paesi , inclusi Stati Uniti d’America, Finlandia, Cina, India, Giappone e Pakistan.

È necessario un approccio multisettoriale coordinato all’interno e tra i paesi per arginare la marea del diabete nell’Africa subsahariana.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.