testimonianze

100 insulina: Lettere a Banting

Frederick Banting dipinse il laboratorio dove aveva scoperto l’insulina. 

Di Brittany Mcwilliams

Frederick Banting non riusciva a dormire. Erano le 2 del mattino del 1 ° novembre 1920 ei pensieri della giornata gli danzavano nella testa. Solo poche ore prima, Banting si è seduto a preparare una conferenza sul tema del metabolismo dei carboidrati. Recentemente si era assicurato una posizione part-time come dimostratore in chirurgia e anatomia presso la Western University di Londra, Ontario, oltre alla sua pratica privata. Banting era un chirurgo ortopedico di formazione e aveva poca esperienza in endocrinologia, ma mentre giaceva in attesa di dormire, qualcosa si è acceso nella sua mente. All’inizio dello stesso giorno, ha letto un articolo nel volume più recente della rivista  Surgery, Gynecology and Obstetrics. L’articolo affermava che il blocco di un dotto pancreatico da parte di un calcolo pancreatico aveva provocato l’atrofia delle cellule acinose esterne ma non delle cellule delle isole interne. In altre parole, il blocco dei dotti del pancreas può, pensò Banting, consentire l’isolamento e l’estrazione di quella che sarebbe diventata nota come insulina.

La comunità diabetica oggi saluta Banting come un eroe per la sua scoperta e le sue filosofie successive. La sua citazione, “L’insulina non appartiene a me, appartiene al mondo”, serve come un grido di battaglia nella lotta contro gli alti costi di insulina. Il fatto che lui ei suoi colleghi abbiano scelto di vendere il loro brevetto all’Università di Toronto per solo $ 1 ciascuno serve come giustificazione morale nella lotta per l’accesso all’insulina. Ma poiché questi due fatti sono ampiamente discussi nella comunità dei diabetici, lo stesso Banting è perso nella mischia. Banting, dopotutto, era una persona complessa, a volte contraddittoria, ma spesso un eroe.

Una persona complessa

Banting era alto quasi un metro e ottanta. Portava i capelli lisci con la riga a sinistra. Gli occhiali rotondi adornavano un naso prominente su una faccia rotonda. Era noto come un uomo serio, a volte litigioso, tanto che un giornale del 27 agosto 1923 scrisse una sua foto che rideva: “Qualunque fosse lo scherzo, doveva essere bello”.

La natura abrasiva di Banting finì per definire le relazioni che sviluppò mentre perseguiva l’isolamento dell’insulina. Non aveva paura del confronto, e solo pochi mesi dopo il suo tempo nei laboratori, ha minacciato John James Rickard Macleod per le richieste di uno stipendio e di uno spazio migliore nel laboratorio. Credeva nel suo lavoro, scrivendo della sua conversazione con Macleod: “Avevo rinunciato a tutto … nel mondo per fare quella ricerca … e che se [Macleod] non avesse fornito ciò che avevo chiesto, sarei andato da qualche parte dove lo avrebbero fatto”. Ha vinto la discussione.

Ma non avrebbe vinto tutte le battaglie che ha combattuto a Toronto. La sua non sarebbe stata la prima dose di insulina usata con successo sugli esseri umani e sarebbe arrivato a portare rancore contro i suoi colleghi. Non esiste alcuna immagine di Banting insieme agli altri tre uomini a cui è attribuita la produzione di insulina. E quando Banting e Macleod vinsero il Premio Nobel per la loro scoperta nel 1923, Banting rifiutò di accettare di persona a causa del suo grande disprezzo per Macleod.

Un salvatore

Ma forse il modo migliore per capire il dottor Frederick G. Banting non è attraverso i suoi litigi o anche attraverso il suo diario. Le cose più importanti da sapere su questo dottore in difficoltà, studente di medicina medio e collega conflittuale si possono trovare nelle lettere dei suoi primi pazienti. Questi bambini piccoli vedevano Banting in modo simile a come lo vediamo oggi – non come un essere umano imperfetto e medio, ma come un salvatore.

La lettera di Betsy è stata scritta con la goffa precisione di una ragazzina che sta ancora imparando a scrivere. Alcune lettere erano grandi, altre piccole, raramente quando avrebbero dovuto essere. Forse era stata costretta a chiedere aiuto per pronunciare il nome del dottor Banting. Forse lo sapeva già. In ogni caso, il ringraziamento era evidente. “Sono una ragazzina del Texas che sta prendendo I’letin”, ha scritto Betsy, facendo riferimento al nome originale con cui veniva commercializzata l’insulina. Ha continuato dicendo a Banting che l’insulina “mi sta facendo sentire meglio e sono così felice che voglio ringraziarti”. Con poche lettere al contrario e senza punteggiatura, un’altra giovane ragazza, Janet Turnbull, scrisse: “Caro dottor Banting, mi sento così bene e ricevo così tanto da mangiare. Prendo farina d’avena e patate. “

Banting mantenne stretti rapporti con alcuni dei suoi pazienti. Nel settembre 1922, Teddy Ryder compì 6 anni. Due mesi prima, Teddy era diventato uno dei primi pazienti di Banting e, dopo aver salvato la vita del ragazzo, Banting partecipò alla sua festa di compleanno. Nel 1923 Teddy scrisse a Banting: “Vorrei poterti vedere. Mi sento bene adesso. Mi piacerebbe andare a Toronto a trovarti. ” Ha concluso la sua lettera con i disegni di una barca e due aeroplani. All’età di 16 anni, Elizabeth Evans Hughes, la paziente più nota del dottor Banting, gli scrisse chiedendogli una somministrazione di insulina prima del previsto. “Sfortunatamente,” il lotto di insulina che aveva ricevuto in precedenza “non era così forte” come al solito. Ha continuato a informare Banting della sua vita e delle sue attività – attività rese possibili solo dall’insulina.

Una nuova realtà

Prima dell’insulina, le diete da fame erano l’unico metodo per prolungare la vita in un diabetico di tipo 1. I bambini che hanno ricevuto la diagnosi sono diventati magri mentre vivevano con porzioni irrisorie. L’aumento di peso è diventato un punto di particolare orgoglio tra i bambini che hanno scritto al dottor Banting. Janet ha concluso la sua lettera: “Ecco alcune foto. Non sembro grasso? Con affetto, Janet. ” Anche Teddy ha menzionato il suo peso. “Sono un ragazzo grasso adesso e mi sento bene.” Myra Blaustein ha scritto a Banting dei due chili e mezzo che aveva guadagnato da quando lui le aveva somministrato per la prima volta l’insulina. Ha firmato la lettera: “Rimango la tua piccola amica Myra”. Anche Elizabeth scrisse ampiamente a Banting del suo viaggio per aumentare di peso. “Ora peso 84 libbre, ma non guadagno così tanto una settimana come ero … quindi spero che presto inizierò a crescere.”

Questi bambini sapevano solo che Banting aveva dato loro l’insulina di cui avevano bisogno per vivere e l’eredità di Banting è stata preservata in questa luce positiva. Le sue interazioni con i bambini non avevano eco delle amare interazioni che intratteneva con i colleghi: le lettere di ringraziamento che gli sono state scritte lo rendono molto chiaro. Banting era solo un uomo. Ha avuto momenti meschini, momenti tranquilli, momenti di aggressività e momenti di gentilezza. Ma in quella notte insonne del 1920, un uomo comune ha escogitato un’idea che lo ha reso un eroe.

Fonte immagine: Biblioteca dell’Università di Toronto

Fonte immagine: Biblioteca dell’Università di Toronto

Fonte immagine: Biblioteca dell’Università di Toronto

Fonte immagine: Biblioteca dell’Università di Toronto

Lettera di Teddy Ryder Citation: “Lettera al Dr. Banting ca. 1923 “MS. COLL. 76 (Banting), Box 8B, Folder 11, insulina: L10021. Per gentile concessione della Thomas Fisher Rare Book Library, Università di Toronto.

Janet Turnbull Lettera Citazione: “Lettera al Dr. Banting da Janet Turnbull ca 11/1922” MS. COLL. 76 (Banting), Box 8B, Folder 18, insulina: L10023. Per gentile concessione della Thomas Fisher Rare Book Library, Università di Toronto.

Betsy Letter Citation: “Child’s Letter to Dr. Banting” MS. COLL 76 (Banting) Scrapbook 1, Box 1, Pagina 54, insulina: L10066. Per gentile concessione della Thomas Fisher Rare Book Library, Università di Toronto.

Categorie:testimonianze

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.