Batticuore

Empagliflozin un farmaco per il diabete può trattare e invertire l’insufficienza cardiaca

pill, capsule, medicine

Photo by qimono on Pixabay

Empagliflozin, un farmaco per il diabete sviluppato di recente, può trattare e invertire efficacemente l’insufficienza cardiaca nei pazienti diabetici e non, secondo i ricercatori della Icahn School of Medicine of Mount Sinai.

La loro sperimentazione clinica ha dimostrato che questo farmaco può migliorare le dimensioni, la forma e la funzione del cuore, portando a una migliore capacità di esercizio e qualità della vita, che ridurrà i ricoveri per i pazienti con insufficienza cardiaca. I risultati sono stati presentati venerdì 13 novembre all’American Heart Association Scientific Sessions 2020 e contemporaneamente pubblicati sul Journal of the American College of Cardiology .

“I risultati promettenti della nostra sperimentazione clinica mostrano che questo farmaco per il diabete può migliorare la vita dei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, migliorare la loro capacità di esercizio e migliorare la loro qualità di vita con effetti collaterali minimi o nulli. Ci aspettiamo che questo lavoro contribuisca a portare a US Food e la Drug Administration approva empagliflozin per questa popolazione di pazienti nei prossimi mesi “, ha detto il primo autore Carlos Santos-Gallego, MD, borsista post-dottorato presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai.

“Il nostro studio identifica anche perché questo farmaco è efficace: perché migliora la funzione cardiaca, qualcosa che non è stato capito fino ad ora”, ha detto il dottor Santos-Gallego. “Molti medici hanno paura di prescrivere un farmaco che non capiscono e le nostre scoperte aiuteranno i medici a sentirsi più a loro agio nel somministrarlo ai pazienti una volta approvato. Una scoperta fondamentale è che, sebbene questo farmaco sia stato inizialmente sviluppato per il diabete, è anche incredibilmente efficace in pazienti senza diabete “.

È importante sottolineare che i ricercatori hanno notato che il farmaco non sembra causare ipoglicemia o ipoglicemia nei pazienti non diabetici.

Per lo studio, noto come “EMPATROPISM“, i ricercatori hanno reclutato 84 pazienti con insufficienza cardiaca cronica con frazione di eiezione ridotta (EF) – la percentuale di sangue che il ventricolo sinistro pompa ad ogni contrazione – e li hanno randomizzati al trattamento con empagliflozin o un placebo . Tutti avevano valutazioni di base tra cui la risonanza magnetica cardiaca, un test da sforzo cardiopolmonare su una bicicletta che indossava una maschera facciale per testare i livelli di ossigeno, un test del cammino di sei minuti e questionari sulla qualità della vita. I pazienti hanno ricevuto un trattamento o un placebo per sei mesi, con alcune brevi visite di sicurezza a uno e tre mesi. Al termine dei sei mesi, i pazienti sono stati sottoposti agli stessi test.

Circa l’80% dei pazienti trattati con empagliflozin ha mostrato un miglioramento significativo e il loro cuore è tornato quasi normale, hanno scoperto i ricercatori. Questo gruppo ha avuto un miglioramento del 16,6% nella frazione di eiezione ventricolare sinistra al segno dei sei mesi e i loro cuori hanno pompato il sangue in modo più forte. I loro cuori sono diventati più piccoli, meno dilatati a causa della minore congestione e dell’accumulo di liquidi nel corpo, il che significa che la loro insufficienza cardiaca è diventata meno grave e le pareti del cuore erano meno spesse, il che significa che il ventricolo sinistro poteva pompare il sangue più facilmente. Il gruppo placebo non ha mostrato alcun miglioramento; quei pazienti o sono rimasti al basale o le loro condizioni sono peggiorate. Avevano un EF in diminuzione; i loro cuori erano più dilatati e più spessi e avevano una forma anormale, più sferica.

Lo studio ha anche dimostrato che i pazienti che assumevano empagliflozin hanno avuto un miglioramento di circa il 10% nei livelli di esercizio, una differenza statisticamente significativa, mentre i pazienti nel braccio placebo non hanno mostrato alcun miglioramento. Ciò ha dimostrato che il gruppo empagliflozin è diventato più sano, ha potuto svolgere più attività quotidiane e ha avuto una migliore qualità della vita, mettendo quei pazienti a meno rischio di ospedalizzazione.

Lo studio ha anche identificato, per la prima volta, perché questo farmaco è efficace nel trattamento dell’insufficienza cardiaca. Nell’insufficienza cardiaca, il cuore subisce un “rimodellamento avverso”, in cui il ventricolo sinistro si dilata, diventa più spesso (ipertrofico) e più sferico e pompa in modo più debole con una frazione di eiezione inferiore. I ricercatori hanno dimostrato che questo farmaco riduce e inverte questo rimodellamento avverso. Riduce la dilatazione e l’ipertrofia del ventricolo sinistro, aiuta il ventricolo sinistro a pompare con più forza (aumentando la frazione di eiezione) e cambia la forma del ventricolo sinistro, rendendolo più allungato e meno sferico.

“Siamo rimasti molto sorpresi dalla velocità con cui sono apparsi i benefici con empagliflozin. I pazienti si sentivano già meglio nelle prime settimane di assunzione. Un altro problema chiave è quanto sia sicuro questo farmaco; non abbiamo visto effetti collaterali gravi, nonostante sia un antidiabetico. farmaco, non è stata rilevata ipoglicemia. Ciò dimostra che empagliflozin è un trattamento sicuro e potente per l’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta indipendentemente dallo stato diabetico del paziente “, spiega il coautore Juan Badimon, PhD, Professore di Medicina (Cardiologia) e Direttore dell’Unità di Ricerca sull’Aterotrombosi presso l’Istituto Cardiovascolare della Icahn School of Medicine del Mount Sinai.

Categorie:Batticuore, Terapie

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.