Complicanze varie/eventuali

Le persone obese sono a maggior rischio di contrarre COVID-19

Un nuovo studio condotto da ricercatori della Queen Mary University di Londra utilizza un nuovo approccio per indagare gli effetti dei fattori di rischio cardiovascolare sul rischio di infezione da COVID-19

Un nuovo studio condotto da ricercatori della Queen Mary University di Londra utilizza un nuovo approccio per indagare gli effetti dei fattori di rischio cardiovascolare sul rischio di infezione da COVID-19.

Diversi studi osservazionali hanno riportato il legame tra i fattori di rischio cardiovascolare (come l’obesità, l’ipertensione, il diabete e il colesterolo alto) e la gravità del COVID-19. Tuttavia, questi studi non hanno potuto accertare la relazione di causa ed effetto a causa del disegno osservazionale.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Genetics , ha utilizzato un nuovo approccio chiamato “randomizzazione mendeliana”, che ha fatto leva sulle informazioni genetiche individuali, per studiare gli effetti dei fattori di rischio cardiovascolare sul rischio di infezione da COVID-19.

L’autore principale, il dottor Nay Aung della Queen Mary University di Londra, ha dichiarato: “I nostri risultati mostrano che gli individui con indice di massa corporea (BMI) elevato, un marker di obesità e colesterolo LDL (noto anche come ‘cattivo’ colesterolo) hanno un rischio maggiore di contrarre COVID-19. Altri fattori di rischio cardiovascolare (ipertensione e diabete) non sembrano aumentare il rischio di COVID-19.

“I nostri risultati supportano l’uso del BMI e del colesterolo LDL come parametri importanti insieme ad altre caratteristiche note (come l’età e l’etnia) nella valutazione del rischio di vulnerabilità all’infezione da COVID-19”.

I risultati potrebbero avere un impatto sulla politica di salute pubblica, per cui coloro che rientrano nella categoria di obesi a rischio o quelli con iperlipidemia estrema nella popolazione generale possono richiedere un distanziamento o uno scudo sociale più rigoroso.

Inoltre, si potrebbero intraprendere studi per valutare il ruolo della terapia di modificazione del colesterolo durante la malattia o il ricovero ospedaliero per valutare il potenziale impatto sui risultati.

###

Ulteriori informazioni

Aung Nay, Khanji Mohammed Y., Munroe Patricia B., Petersen Steffen E .. Inferenza causale per obesità genetica, profilo cardiometabolico e suscettibilità COVID-19: uno studio di randomizzazione mendeliano. Frontiers in Genetics 11, 1417 (2020). https: / www. frontiersin. org / articolo / 10. 3389 / fgene. 2020. 586308

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.