Ricerca

L’evoluzione del codice genetico e la teoria dell’evoluzione di Darwin dovrebbero considerare il DNA un “ codice energetico ”

Tre conformazioni della doppia elica del DNA: A (sinistra), B (centro) e sinistra Z (destra).

Il fenomeno della “sopravvivenza del più adatto” è solo una parte dell’equazione dell’evoluzione

La teoria dell’evoluzione di Darwin dovrebbe essere ampliata per includere la considerazione di un “codice energetico” di stabilità del DNA – il cosiddetto “darwinismo molecolare” – per spiegare ulteriormente la sopravvivenza a lungo termine delle caratteristiche delle specie sulla Terra, secondo gli scienziati di Rutgers.

Il codice genetico iconico può essere visto come un “codice energetico” che si è evoluto seguendo le leggi della termodinamica (flusso di energia), facendo sì che la sua evoluzione culminasse in un codice quasi singolare per tutte le specie viventi, secondo lo studio di cui è coautore il Rutgers nella rivista Quarterly Reviews of Biophysics .

“Queste rivelazioni sono importanti perché forniscono modi completamente nuovi di analizzare il genoma umano e il genoma di qualsiasi specie vivente, i modelli di vita”, ha detto l’autore senior Kenneth J. Breslauer , Linus C. Pauling Distinguished University Professor presso il Dipartimento di Chimica e Biologia chimica presso la School of Arts and Sciences della Rutgers University-New Brunswick . È anche membro del Rutgers Cancer Institute del New Jersey. “Le origini dell’evoluzione del codice genetico del DNA e l’evoluzione di tutte le specie viventi sono incorporate nei diversi profili energetici dei loro modelli di DNA molecolare. Sotto l’influenza delle leggi della termodinamica, questo codice energetico si è evoluto, da un numero astronomico di possibilità alternative, in un codice quasi unico per tutte le specie viventi “.

Gli scienziati hanno studiato questo cosiddetto “enigma universale”, sondando le origini dell’osservazione sbalorditiva secondo cui il codice genetico si è evoluto in un modello quasi uniforme che nasce da trilioni di possibilità.

Gli scienziati hanno ampliato le basi della storica teoria evolutiva darwiniana della “sopravvivenza del più adatto” per includere il “darwinismo molecolare”. La teoria rivoluzionaria di Darwin si basa sulla persistenza generazionale delle caratteristiche fisiche di una specie che le consentono di sopravvivere in un dato ambiente attraverso la “selezione naturale”. Il darwinismo molecolare si riferisce a caratteristiche fisiche che persistono attraverso le generazioni perché le regioni del DNA molecolare che codificano per quei tratti sono insolitamente stabili.

Diverse regioni del DNA possono esibire firme di energia differenziale che possono favorire le strutture fisiche negli organismi che abilitano funzioni biologiche specifiche, ha detto Breslauer.

I passaggi successivi includono la riformulazione e la mappatura della sequenza chimica del genoma umano in un “genoma energetico”, in modo che le regioni del DNA con diverse stabilità energetiche possano essere correlate con le strutture fisiche e le funzioni biologiche. Ciò consentirebbe una migliore selezione dei bersagli del DNA per le terapie a base molecolare.

Categorie:Ricerca

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.