Terapie

Gli studi SCORED e SOLOIST si aggiungono all’evidenza per il trattamento del diabete con inibitori SGLT2

pill, capsule, medicine

Photo by qimono on Pixabay

Lo studio SCORED su pazienti con diabete e malattia renale cronica è il primo studio di un inibitore SGLT2 per mostrare benefici su tutta la gamma di albuminuria; SOLOIST mostra che un inibitore SGLT2 è sicuro da iniziare nei pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca

Boston, MA – Meno di dieci anni fa, la Food and Drug Administration ha approvato farmaci per il trattamento del diabete di tipo 2 in un modo completamente nuovo. Da quel momento, le prove a favore dell’uso degli inibitori del cotrasportatore sodio / glucosio 2 (SGLT2) sono aumentate, con studi che mostrano un migliore controllo della glicemia, benefici cardiovascolari, perdita di peso e altro per i pazienti con diabete che assumono inibitori SGLT2. Ora, due ampi studi clinici, condotti da ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e sponsorizzati da Lexicon Pharmaceuticals, aggiungono nuove prove sui benefici per i pazienti con diabete e malattia renale cronica, nonché per quelli con diabete e recente peggioramento dell’insufficienza cardiaca. In questi due studi accoppiati, i team di investigatori guidati dal cardiologo Brigham Deepak L. Bhatt, MD, MPH, ha valutato sotagliflozin, un farmaco che inibisce SGLT2 e SGLT1. I risultati degli studi sono entrambi pubblicati sul New England Journal of Medicine e presentati da Bhatt contemporaneamente alle sessioni di prova clinica tardiva delle sessioni scientifiche dell’American Heart Association.

“Con i risultati di questi due grandi studi, che si aggiungono ad altri dati recenti sui farmaci in questa classe, è ora chiaro che la maggior parte dei pazienti con diabete di tipo 2 e malattie renali o insufficienza cardiaca dovrebbero essere in terapia con un inibitore SGLT2”, ha detto Bhatt, il direttore esecutivo dei programmi cardiovascolari interventistici al Brigham. “SCORED fornisce ulteriori prove cliniche randomizzate che gli inibitori SGLT2 dovrebbero far parte dello standard di cura per i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattie renali. E SOLOIST dimostra che l’inizio precoce degli inibitori SGLT2 in ospedale è sicuro, efficace e dovrebbe diventare lo standard di cura nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e insufficienza cardiaca “.

Sotagliflozin, sviluppato da Sanofi e trasferito a Lexicon Pharmaceuticals, inibisce non solo SGLT2 ma anche SGLT1. L’inibizione SGLT2 aiuta il corpo ad eliminare lo zucchero nel sangue attraverso l’urina, mentre l’inibizione SGLT1 porta alla riduzione dello zucchero nel sangue attraverso il tratto digestivo.

Nello studio Effetto di Sotagliflozin sugli eventi cardiovascolari e renali in pazienti con diabete di tipo 2 e insufficienza renale moderata che sono a rischio cardiovascolare (SCORED), i ricercatori hanno valutato se sotagliflozin potesse prevenire eventi cardiovascolari in pazienti con diabete con malattia renale cronica. Hanno eseguito uno studio multicentrico, in doppio cieco, che ha arruolato 10.584 pazienti seguiti per una media di 16 mesi. Il processo si è concluso in anticipo a causa della perdita di fondi correlata a COVID. Pur ignorando i dati, gli autori hanno cambiato l’endpoint primario; tuttavia, l’endpoint iniziale ha raggiunto anche la significatività statistica.

A differenza degli studi precedenti, SCORED ha arruolato pazienti con l’intera gamma di albuminuria – perdita di proteine ??nelle urine che può verificarsi quando una persona ha il diabete. Sotagliflozin ha ridotto significativamente l’endpoint primario delle occorrenze totali di decessi cardiovascolari, ricoveri per insufficienza cardiaca o visite urgenti per insufficienza cardiaca, indipendentemente dal grado di albuminuria del paziente di circa il 26%. Inoltre, sotagliflozin ha ridotto il tasso di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus, con un beneficio precoce potenzialmente mediato dall’azione SGLT1. C’è stata anche una riduzione del numero totale di attacchi di cuore fatali o non fatali e del numero totale di ictus fatali o non fatali rispettivamente del 32% e del 34%.

“SCORED è il primo studio a mostrare i benefici degli inibitori SGLT2 su tutta la gamma di albuminuria”, ha detto Bhatt. “È anche la prima prova di un inibitore SGLT2 per mostrare un effetto benefico sull’ictus”.

L’effetto di Sotagliflozin sugli eventi cardiovascolari in pazienti con diabete di tipo 2 post peggioramento dell’insufficienza cardiaca (SOLOIST-WHF) ha arruolato 1.222 pazienti con diabete mellito di tipo 2 e recente peggioramento dell’insufficienza cardiaca che richiede il ricovero in ospedale. I pazienti sono stati randomizzati a sotagliflozin o placebo e seguiti per una media di nove mesi. Il processo è stato interrotto in anticipo a causa della perdita di fondi dallo sponsor durante la pandemia COVID-19. I dati dei pazienti che hanno preso parte allo studio hanno mostrato una significativa riduzione del 33% dell’endpoint primario dello studio – il numero totale di decessi cardiovascolari, ricoveri per insufficienza cardiaca e visite urgenti per insufficienza cardiaca – per i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta o preservata. L’assunzione del farmaco prima della dimissione dall’ospedale era sicura ed efficace.

“SOLOIST è il primo grande studio randomizzato a dimostrare la sicurezza e l’efficacia degli inibitori SGLT2 quando avviato in pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca acuta”, ha detto Bhatt. “Quindi, cambia davvero il campo e supporta l’inizio precoce di questa classe di farmaci”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.