Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Il controllo glicemico del diabete di tipo 1 pediatrico è migliorato durante il lock down da COVID-19 in Italia

Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Diabetes, una coorte di bambini in Italia con diabete di tipo 1 che utilizzava un sistema ibrido a circuito chiuso ha avuto un miglioramento dei livelli di glucosio durante il lock down da COVID-19.

“Questo studio ha dimostrato che il controllo metabolico del diabete di tipo 1 negli adolescenti che utilizzano il sistema ibrido a circuito chiuso non è peggiorato durante le restrizioni dovute alla pandemia COVID-19 e ulteriormente migliorato in coloro che hanno continuato l’assistenza professionale durante la quarantena”, Gianluca Tornese MD, PhD, pediatria presso l’Istituto per la salute materna e infantile IRCCS Burlo Garofolo a Trieste, Italia, ha detto. “Il mantenimento di un’assistenza professionale regolare e l’esercizio di routine in un ambiente domestico sicuro è una strategia essenziale per una vita sana durante la crisi del COVID-19, specialmente per i giovani con diabete di tipo 1”.

Tornese e colleghi hanno analizzato la gestione glicemica in 13 bambini con diabete di tipo 1 nell’unità pediatrica del diabete dell’Istituto per la salute materna e infantile di Trieste (62% ragazze; età media, 14,2 anni). Tutti i partecipanti hanno utilizzato il sistema ibrido a circuito chiuso MiniMed 670G (Medtronic) e hanno effettuato una visita di telemedicina ogni 2 settimane. I dati glicemici sono stati ottenuti dalle visite di telemedicina che iniziano 2 settimane dopo la prima riduzione delle restrizioni COVID-19 dal 4 al 17 maggio e le 2 settimane successive quando le restrizioni sono state completamente revocate dal 18 al 31 maggio. Le cifre sono state confrontate con i dati ottenuti da febbraio Dalle 10 alle 23 prima dell’epidemia di COVID-19 e le prime 2 settimane di blocco completo dal 9 al 22 marzo.

Il livello medio di glucosio nella coorte era di 155 mg / dL prima del blocco ed è rimasto per lo più invariato durante il periodo di studio. I partecipanti avevano un tempo medio nel range del 68% prima del blocco, che è aumentato al 72% quando è iniziato il blocco ed è rimasto al 72% fino alla fine dello studio. Il coefficiente di variazione medio è aumentato al 35,1% durante il blocco, ma successivamente è sceso al 33,1% durante il blocco parziale e al 30,5% alla fine del blocco ( P <0,05). I partecipanti hanno anche avuto il loro tempo al di sotto dell’intervallo dal 2% prima del blocco allo 0% dopo il blocco e la quantità di tempo in modalità automatica è aumentata dall’81% prima del blocco al 96% dopo il blocco.

Tornese ha detto che ci sono molte ragioni per cui la coorte è stata in grado di mantenere e migliorare il controllo glicemico, inclusa la presenza continua dei genitori a casa, l’ esclusione di alcune attività scolastiche che abbassano il livello di stress dei bambini e il consumo di ogni pasto a casa.

“Un altro motivo può essere trovato nella continuazione dell’assistenza professionale sanitaria attraverso la telemedicina, come è stata condotta prima della quarantena”, ha detto Tornese. “È interessante notare che coloro che hanno svolto un’attività fisica regolare hanno persino migliorato il controllo metabolico durante la quarantena. L’esercizio fisico regolare è fondamentale non solo per il controllo glicemico, ma anche per il benessere psicologico poiché riduce lo stress e l’ansia e migliora l’umore e la qualità del sonno.

“Dobbiamo ricordare questi tre elementi: orari regolari, telemedicina e attività fisica”, ha aggiunto Tornese.

Tornese ha detto che l’assistenza professionale è stata un fattore importante nei risultati, poiché ha notato che la coorte ha continuato a migliorare i risultati anche dopo che le restrizioni sono state revocate.

“Sebbene il rallentamento delle attività quotidiane di routine possa ancora avere un’influenza, riteniamo che la continuazione dell’assistenza degli operatori sanitari attraverso la telemedicina durante il blocco potrebbe aver portato a un ‘effetto di trascinamento’ in questi pazienti anche dopo la sua sospensione”, ha detto Tornese .