Mangiare

Orari dei pasti incoerenti legati a rischi cardiaci

Per rimanere in buona salute, non limitarti a guardare quello che mangi, guarda quando lo mangi.

Una nuova ricerca sta portando a casa questo punto osservando l’impatto dei cambiamenti nell’orario dei pasti da un giorno all’altro e dal giorno alla settimana. Questi cambiamenti sono stati associati a diversi importanti fattori di rischio per la salute del cuore , inclusi i cambiamenti nella circonferenza della vita, nel grasso corporeo, nella pressione sanguigna e nella glicemia, ha affermato il ricercatore capo Nour Makarem, ricercatore associato presso l’Irving Medical Center della Columbia University di New York.

Il suo lavoro precedente aveva dimostrato che mangiare di più la sera può aumentare il rischio di malattie cardiache. “Ma qui, dimostriamo che non si tratta solo di mangiare il tempo, ma anche della regolarità quotidiana e della regolarità del fine settimana nei giorni feriali nella nostra assunzione di cibo”, ha detto Makarem.

La ricerca, considerata preliminare fino alla pubblicazione su una rivista peer-reviewed, è stata presentata alla conferenza virtuale delle sessioni scientifiche dell’American Heart Association, che si svolge fino a martedì.

Makarem e i suoi coautori hanno studiato un gruppo di 116 donne etnicamente diverse, di età compresa tra 20 e 64 anni, che facevano parte del Go Red for Women Strategically Focused Research Network dell’AHA. Per una settimana hanno usato un diario alimentare elettronico per tenere traccia di cosa e quando mangiavano. Un anno dopo, 99 delle donne sono tornate e hanno ripetuto il processo.

L’idea che le persone cambino i loro schemi di sonno durante il fine settimana è stata soprannominata “jet lag sociale”. Il team di Makarem ha esaminato i cambiamenti giornalieri nei tempi dei pasti, la durata del periodo dei pasti, i pasti serali e il “jet lag”, le differenze tra i pasti nei giorni feriali rispetto ai fine settimana. Lo studio ha esaminato la tempistica della prima e ultima occasione di pasto delle donne della giornata; quanto tempo sono rimasti senza cibo durante la notte; e quale percentuale di calorie giornaliere hanno consumato dopo le 17:00 e le 20:00

Quando i ricercatori hanno esaminato la variabilità quotidiana nei modelli alimentari, hanno visto che per ogni aumento del 10% di incoerenza nelle calorie consumate dopo le 17:00, le donne hanno avuto un aumento di quasi tre punti nella loro pressione sanguigna sistolica (il numero più alto in una lettura) e più di due punti nella loro pressione sanguigna diastolica (il numero più basso) nel periodo di follow-up di un anno dello studio. Hanno anche visto un cambiamento significativo nell’HbA1c, un’importante misurazione della glicemia utilizzata per diagnosticare il diabete.

Allo stesso modo, i risultati hanno mostrato che un aumento della variabilità quotidiana delle calorie consumate dopo le 20:00 era correlato a un aumento di oltre mezzo pollice del girovita e un aumento di mezzo punto dell’indice di massa corporea, un indicatore di grasso corporeo e stato del peso corporeo.

Quando ci si concentra sulle differenze tra i giorni feriali e i fine settimana, una maggiore variabilità nei tempi e nell’entità del pasto serale e nella durata del periodo di alimentazione è stata collegata all’aumento della pressione sanguigna sistolica e diastolica e del BMI un anno dopo.

Ma non devi ancora rinunciare al tuo brunch in ritardo di sabato.

“Non è necessariamente che nel fine settimana i nostri tempi per mangiare siano peggiori”, ha detto Makarem. “È solo che nei giorni feriali seguiamo un orologio sociale, mentre nel fine settimana seguiamo il nostro orologio biologico naturale”. In altre parole, ciò che è naturale per i nostri corpi è vincolato dalle esigenze e dagli orari della vita moderna.

Makarem ha spiegato che i ritmi circadiani del corpo – i ritmi innati o naturali nella nostra fisiologia, comportamento e metabolismo che si sono evoluti come adattamento al ciclo di 24 ore di luce e buio – assicurano che il nostro corpo sia sincronizzato con l’ambiente e svolga le funzioni nei momenti ottimali .

Questi ritmi circadiani sono controllati da un “orologio principale” nel cervello, ha detto. Ma i singoli organi, compresi quelli coinvolti nei processi metabolici che influenzano il rischio di malattie cardiache, hanno i loro orologi. “E questi orologi sono regolati dall’assunzione di cibo”.

Il dottor Deepak L. Bhatt, professore di medicina presso la Harvard Medical School che non è stato coinvolto nella ricerca, ha affermato che può essere difficile individuare i collegamenti precisi tra i pasti, il sonno e la salute del cuore.

“Tutte queste relazioni sono difficili perché niente viaggia in isolamento”, ha detto Bhatt, direttore esecutivo di Interventional Cardiovascular Programs al Brigham and Women’s Hospital Heart and Vascular Center di Boston. “Tutte queste cose viaggiano in branco. Cioè, qualcuno che sta alzato fino a tarda notte e mangia fino a tarda notte, forse non riesce a dormire bene la notte. Questo può anche predisporlo all’aumento di peso.”

Quando le persone mangiano durante il giorno, possono bruciare alcune calorie attraverso la normale attività, ha detto. Ma qualcuno che rimane sveglio fino a tardi, sia che trascorra tutta la notte o che guardi la TV, ha ancora fame. E quello spuntino o pasto extra “va davvero dritto all’intestino”.

Lo studio sottolinea perché è importante guardare i tempi del tuo pasto, non importa cosa, ha detto Bhatt. “Anche se si sente di non poter controllare le proprie ore di ciclo del sonno, o il loro mix di ore feriali e weekend di ore in cui sono svegli e addormentati, possono controllare cosa mettono in bocca e quando”.

Makarem ha affermato che la pandemia COVID-19 potrebbe contribuire ulteriormente all’interruzione dei cicli di alimentazione e sonno. Date le dimensioni relativamente ridotte del suo studio e il suo focus sulle donne, sono necessarie ulteriori ricerche prima che possano essere formulate raccomandazioni diffuse, ha detto.

Bhatt ha sottolineato che il buon senso dovrebbe prevalere. “Nella misura in cui la vita moderna lo consente, cercare di avere abitudini alimentari e di sonno regolari, come la maggior parte delle nostre madri probabilmente ci ha detto, è solo un buon consiglio”.

Categorie:Mangiare

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.