Complicanze varie/eventuali

Diabete, ipertensione possono aumentare il rischio di complicanze cerebrali COVID-19

diabetes, disease, diabetic

OAK BROOK, Illinois , 18 novembre 2020 – Alcuni pazienti con COVID-19 sono a maggior rischio di complicazioni neurologiche come sanguinamento nel cervello e ictus, secondo uno studio presentato all’incontro annuale del Radiological Società del Nord America (RSNA). I ricercatori hanno detto che questi risultati potenzialmente pericolosi per la vita erano più comuni nei pazienti con ipertensione e diabete.

Il virus che causa il COVID-19 attacca per primo le cellule del sistema respiratorio, portando spesso a un’infiammazione dei polmoni che mette le persone a rischio di contrarre la polmonite. Ma l’impatto del virus è stato avvertito anche in altri sistemi del corpo.

“Gli effetti di COVID-19 si estendono ben oltre il torace”, ha detto l’autore principale dello studio Colbey W. Freeman , MD, capo residente presso il Dipartimento di Radiologia della Penn Medicine a Philadelphia . “Sebbene le complicanze nel cervello siano rare, sono una conseguenza sempre più segnalata e potenzialmente devastante dell’infezione da COVID-19”.

Per saperne di più sul fenomeno, il dottor Freeman e colleghi della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania hanno esaminato i pazienti COVID-19 sottoposti a TC e / o RMN nel loro sistema sanitario da gennaio ad aprile 2020 . Dei 1.357 pazienti con COVID-19 ammessi nel sistema in quei quattro mesi, a 81 è stata eseguita una scansione cerebrale. I motivi più comuni per le scansioni cerebrali erano stati mentali alterati e deficit neurologici focali come problemi di linguaggio e visione.

Su 81 pazienti con scansioni cerebrali, 18, o poco più di uno su cinque, hanno avuto risultati considerati di emergenza o critici, inclusi ictus, sanguinamento cerebrale e vasi sanguigni bloccati. Almeno la metà dei pazienti aveva storie preesistenti di ipertensione e / o diabete di tipo 2. Tre pazienti con reperti emergenti / critici sono morti durante il ricovero.

“COVID-19 è associato a manifestazioni neurologiche, e ipertensione e diabete mellito di tipo 2 sono comuni negli individui che sviluppano queste manifestazioni”, ha detto il dottor Freeman. “Queste popolazioni possono essere a maggior rischio di complicazioni neurologiche e dovrebbero essere monitorate attentamente”.

Due terzi dei pazienti con risultati critici nello studio erano afroamericani, suggerendo che anche questi pazienti potrebbero richiedere un monitoraggio più attento.

I meccanismi esatti degli effetti neurologici dannosi di COVID-19 non sono noti e possono coinvolgere più fattori, sebbene una teoria popolare sostenga che l’infiammazione associata all’infezione sia il colpevole principale. Nello studio, i marcatori sanguigni dell’infiammazione erano alti nelle persone con risultati critici.

“Quando il tuo corpo è in uno stato infiammatorio, produce tutte queste molecole chiamate citochine per aiutare a reclutare il sistema immunitario per svolgere la sua funzione”, ha detto il dottor Freeman. “Sfortunatamente, se le citochine sono prodotte in eccesso, la risposta immunitaria inizia effettivamente a fare danni”.

Lo studio è in corso, ha detto il dottor Freeman, ei ricercatori continueranno a pubblicare i risultati man mano che arriveranno più dati. Stanno anche studiando l’incidenza delle complicanze neurologiche nei pazienti COVID-19 sull’ossigenazione extracorporea della membrana (ECMO), un sistema di pompaggio per far circolare e reintegrare l’ossigeno nel sangue. Diversi pazienti nello studio avevano bisogno di ECMO durante il loro tempo in ospedale.

“Inoltre, abbiamo in programma di avviare uno studio prospettico più ampio per valutare le manifestazioni neurologiche ritardate, a lungo termine e croniche che potrebbero non essere conosciute in questo primo periodo della pandemia”, ha detto il dottor Freeman.

I co-autori sono Jonathan Masur , MD, Mougnyan Cox, MD e Suyash Mohan , MD

Per ulteriori informazioni e immagini, visitare RSNA.org/press20 . Premere l’account richiesto per visualizzare i materiali soggetti a embargo.

RSNA è un’associazione di radiologi, radiologi oncologi, fisici medici e scienziati correlati che promuovono l’eccellenza nella cura del paziente e nella fornitura di assistenza sanitaria attraverso l’istruzione, la ricerca e l’innovazione tecnologica. La società ha sede a Oak Brook, Illinois . ( RSNA.org )

I dati in queste pubblicazioni possono differire da quelli nell’abstract pubblicato e da quelli effettivamente presentati all’incontro, poiché i ricercatori continuano ad aggiornare i propri dati fino all’incontro. Per assicurarti di utilizzare le informazioni più aggiornate, chiama il team addetto alle relazioni con i media di RSNA in Newsroom al numero 1-630-590-7762.

Per informazioni a misura di paziente sull’imaging cerebrale, visitare RadiologyInfo.org .

                                        

FONTE Radiological Society of North America (RSNA)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.