Educazione

L’età non è un ostacolo per una perdita di peso di successo, secondo un nuovo studio

I pazienti obesi di età superiore ai 60 anni possono perdere una quantità di peso equivalente a quella dei giovani che utilizzano solo i cambiamenti dello stile di vita, secondo un nuovo studio dell’Università di Warwick e dell’NHS Trust degli ospedali universitari di Coventry e Warwickshire (UHCW) che dimostra come l’età non è un ostacolo a perdere peso.

I ricercatori sperano che le loro scoperte aiuteranno a correggere i pregiudizi sociali prevalenti sull’efficacia dei programmi di perdita di peso nelle persone anziane, oltre a dissipare i miti sui potenziali benefici delle persone anziane che cercano di ridurre il proprio peso.

I risultati si basano sull’analisi delle cartelle cliniche dei pazienti di un servizio ospedaliero per l’obesità e sono riportati nella rivista Clinical Endocrinology .

Questo studio retrospettivo è stato condotto presso il Warwickshire Institute for the Study of Diabetes, Endocrinology and Metabolism (WISDEM) presso UHCW. I ricercatori hanno selezionato in modo casuale 242 pazienti che hanno frequentato il servizio di obesità basato su WISDEM tra il 2005 e il 2016 e hanno confrontato due gruppi (quelli di età inferiore a 60 anni e quelli di età compresa tra 60 e 78 anni) per la perdita di peso che hanno raggiunto durante il loro periodo all’interno del servizio.

A tutti i pazienti è stato misurato il peso corporeo sia prima che dopo gli interventi sullo stile di vita somministrati e coordinati all’interno del servizio di obesità basato su WISDEM e la riduzione percentuale del peso corporeo calcolata in entrambi i gruppi. Quando confrontati, i due gruppi erano statisticamente equivalenti, con quelli di età pari o superiore a 60 anni che riducevano in media il loro peso corporeo del 7,3% rispetto a una riduzione del peso corporeo del 6,9% in quelli di età inferiore a 60 anni. Entrambi i gruppi hanno trascorso una quantità simile di tempo all’interno del servizio per l’obesità, in media 33,6 mesi per i 60 anni e oltre e 41,5 mesi per quelli di età inferiore ai 60 anni.

Il programma basato sull’ospedale ha utilizzato solo cambiamenti basati sullo stile di vita su misura per ogni singolo paziente, concentrandosi sui cambiamenti nella dieta, sul supporto psicologico e sull’incoraggiamento dell’attività fisica. La maggior parte dei pazienti indirizzati al servizio di obesità erano patologicamente obesi con BMI tipicamente superiori a 40Kgm -2 .

Ci sono più di 50 co-morbilità dell’obesità che possono essere ridotte man mano che perdiamo peso, inclusi diabete, condizioni psichiatriche come depressione e ansia, artrosi e altri problemi meccanici. L’obesità è anche collegata all’aumento della mortalità e allo scarso benessere.

L’autore principale, il dottor Thomas Barber della Warwick Medical School presso l’Università di Warwick, ha dichiarato: “La perdita di peso è importante a qualsiasi età, ma con l’avanzare dell’età è più probabile che si sviluppino le comorbilità legate al peso dell’obesità. questi sono simili agli effetti dell’invecchiamento, quindi si potrebbe sostenere che l’importanza della perdita di peso aumenta con l’avanzare dell’età, e questo è qualcosa che dovremmo abbracciare.

“Ci sono una serie di ragioni per cui le persone possono scartare la perdita di peso nelle persone anziane. Queste includono una prospettiva ‘da età’ secondo cui la perdita di peso non è rilevante per le persone anziane e idee sbagliate di ridotta capacità delle persone anziane di perdere peso attraverso la modifica della dieta e l’aumento Le persone anziane possono pensare che i servizi ospedalieri per l’obesità non fanno per loro. I fornitori di servizi e i responsabili politici dovrebbero apprezzare l’importanza della perdita di peso nelle persone anziane con obesità, per il mantenimento della salute e del benessere e per favorire un invecchiamento sano. , l’età di per sé non dovrebbe contribuire alle decisioni cliniche riguardanti l’implementazione della gestione dello stile di vita delle persone anziane.

“L’età non dovrebbe essere un ostacolo alla gestione dello stile di vita dell’obesità . Piuttosto che ostacolare l’accesso delle persone anziane ai programmi di perdita di peso , dovremmo facilitare in modo proattivo quel processo. Fare altrimenti rischierebbe di trascurare ulteriormente e inutilmente le persone anziane a causa di idee sbagliate della società dell’età. ”


Ulteriori informazioni: Eimear Leyden et al. L’età avanzata non influenza il successo della perdita di peso attraverso l’implementazione della modifica dello stile di vita, Clinical Endocrinology (2020). DOI: 10.1111 / cen.14354

Categorie:Educazione

Con tag:,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.