Complicanze varie/eventuali

L’iperglicemia potrebbe aumentare il rischio di morte per COVID-19 per i non diabetici, afferma lo studio

mask, protection, virus

Photo by rottonara on Pixabay

Lo studio su 11.000 pazienti ospedalieri non in condizioni critiche ha portato gli esperti a richiedere controlli e trattamenti della glicemia obbligatori per ridurre le complicanze del virus

Pubblicità

Un livello di zucchero nel sangue anormalmente alto può peggiorare i risultati e i tassi di mortalità per i pazienti COVID-19, compresi quelli senza diabete, secondo un’importante ricerca pubblicata sulla rivista ad accesso aperto Annals of Medicine .

Lo studio, basato su più di 11.000 pazienti ospedalieri non critici in Spagna, è il più grande del suo genere fino ad oggi. Si aggiunge all’evidenza che l’iperglicemia – il termine medico per indicare il glucosio nel sangue alto – è associata a una maggiore probabilità di morte indipendentemente da una diagnosi di diabete.

I risultati mostrano che i pazienti con livelli di glucosio anormalmente alti avevano più del doppio delle probabilità di morire a causa del virus rispetto a quelli con letture normali (41,4% rispetto al 15,7%). Avevano anche una maggiore necessità di un ventilatore e di un ricovero in terapia intensiva (ICU).

I ricercatori ora chiedono lo screening obbligatorio dell’iperglicemia e il trattamento precoce per chiunque sia ricoverato in ospedale con COVID-19 che non sia diabetico. Esortano i medici a non trascurare la condizione tra i pazienti, indipendentemente da una precedente storia di diabete.

“Lo screening per l’iperglicemia nei pazienti senza diabete e il trattamento precoce dovrebbero essere obbligatori nella gestione dei pazienti ospedalizzati con COVID-19”, afferma il coordinatore dello studio, il dott. Javier Carrasco dell’ospedale universitario Juan Ramon Jimenez.

“L’iperglicemia da ricovero non dovrebbe essere trascurata, ma piuttosto rilevata e adeguatamente trattata per migliorare gli esiti dei pazienti COVID-19 con e senza diabete”.

L’iperglicemia è un problema comune per i diabetici ma può anche essere scatenata da malattie o lesioni. Gli studi hanno precedentemente collegato casi acuti con complicazioni in pazienti ospedalieri diabetici e non diabetici e hanno osservato associazioni simili tra le persone con COVID-19.

In questo studio, l’obiettivo era quello di indagare un legame tra iperglicemia e tempo trascorso in ospedale, ventilazione meccanica, ricovero in terapia intensiva e mortalità, ma indipendentemente da una diagnosi di diabete.

I dati sono stati analizzati da un registro nazionale che ha raccolto informazioni da oltre 100 ospedali in Spagna durante la pandemia. Sono stati inclusi un totale di 11.312 pazienti di età pari o superiore a 18 anni che sono stati ammessi da marzo a fine maggio.

Sono stati classificati in tre gruppi relativi ai loro livelli di glucosio nel sangue e che vanno da normale ad alto (<140 mg / dl; 140-180 mg / dl; e> 180 mg / dl). Un totale del 19% aveva una diagnosi di diabete esistente.

I risultati hanno mostrato che i livelli di glucosio nel sangue del paziente misurati all’arrivo in ospedale erano correlati in modo indipendente al ricovero in terapia intensiva, alla ventilazione meccanica e / o alla morte, indipendentemente dallo stato del diabete.

Un paziente su cinque è deceduto in ospedale, con tassi di mortalità più alti tra quelli con i maggiori livelli di glucosio nel sangue. Nessuna differenza è stata trovata tra i tassi di mortalità per coloro che soffrono di diabete e quelli che non hanno la malattia.

Gli autori avvertono che la maggior parte dei pazienti non ha misurato il livello medio di glucosio nel sangue per un periodo di tempo. Pertanto, alcuni classificati come non diabetici potrebbero aver avuto la malattia senza saperlo.

Non è chiaro perché l’iperglicemia sia collegata a tassi di mortalità più elevati. I ricercatori affermano che la condizione potrebbe essere un altro “spettatore infiammatorio” o avere un effetto più diretto sul modo in cui COVID porta a complicazioni e morte.

Pubblicità