Batticuore

Agire ora per raggiungere gli obiettivi globali nel prevenire e curare le malattie cardiache: Cardiovascular Realities 2020

Le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di mortalità in Europa e gli obiettivi delle malattie cardiache dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non saranno raggiunti entro il 2025 a meno che non vengano intraprese azioni urgenti. Questa è la conclusione di un rapporto della Società europea di cardiologia (ESC) pubblicato oggi.

Cardiovascular Realities 2020 è un compendio delle ultime statistiche sulle malattie cardiovascolari (CVD) in Europa. Il documento fornisce un numero di persone con malattie cardiache, tassi di mortalità e livelli di fattori di rischio tra cui obesità, diabete e ipertensione.

Pubblicità e progresso

I confronti dei dati nel tempo mostrano tendenze allarmanti che suggeriscono che è improbabile che gli obiettivi dell’OMS per le malattie non trasmissibili (NCD) per la salute cardiovascolare globale vengano raggiunti.

Il dottor Hans Henri Kluge, Direttore regionale dell’OMS per l’Europa, ha dichiarato: “Non possiamo essere compiacenti. L’interruzione dell’assistenza sanitaria durante la pandemia COVID-19 ha evidenziato l’importanza di mantenere i servizi per prevenire e curare le malattie cardiovascolari. L’accesso a farmaci e tecnologie cardiovascolari essenziali varia ampiamente tra Occorrono Europa e più lavoro per ottenere una copertura sanitaria universale. Non vedo l’ora di collaborare con cardiologi e politici europei per affrontare questi problemi “.

In Europa, le malattie cardiovascolari rappresentano rispettivamente il 47% e il 39% di tutti i decessi nelle donne e negli uomini. L’OMS ha chiesto una riduzione relativa del 25% della mortalità prematura per CVD entro il 2025 (rispetto al 2010). Il rapporto di oggi mostra che nei paesi ad alto reddito la morte prematura per CVD (sotto i 70 anni di età) è diminuita del 9% nelle donne e dell’11% negli uomini dal 2010. Ma nei paesi a reddito medio , i tassi sono diminuiti solo dell’8% le donne e il 2% negli uomini, rendendo improbabile il raggiungimento dell’obiettivo.

I principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, inclusi l’obesità e il diabete, stanno diventando più diffusi. Più di un adulto europeo su cinque è obeso. L’OMS ha chiesto di fermare l’aumento del diabete e dell’obesità (tra il 2010 e il 2025). Tuttavia, dal 2010 al 2016, la prevalenza dell’obesità è aumentata dal 20,4% al 22,8% nelle donne e dal 19,2% al 22,3% negli uomini – a meno che queste tendenze non vengano invertite, l’obiettivo non sarà raggiunto.

Nel frattempo, la prevalenza mediana del diabete è aumentata dal 3,2% nel 2010 al 4,2% nel 2015, con un aumento del 28,5%. I paesi a medio reddito hanno sofferto di più: qui la prevalenza del diabete è aumentata del 37% (rispetto al 12,4% dei paesi ad alto reddito ). Queste statistiche rendono improbabile che l’obiettivo del diabete dell’OMS venga raggiunto, in particolare nei paesi a reddito medio.

L’ipertensione è la principale causa globale di morte prematura, rappresentando quasi 10 milioni di decessi nel 2015, di cui 4,9 milioni dovuti a cardiopatia ischemica e 3,5 milioni a ictus. L’obiettivo dell’OMS è una riduzione relativa del 25% la pressione alta tra il 2010 e il 2025. La prevalenza media della pressione sanguigna elevata in Europa è diminuito del 8,4% per le donne e del 5% per gli uomini nel 2010 al 2015, il che rende improbabile che l’obiettivo saranno soddisfatte a meno che queste tendenze non cambino.

Nonostante l’immenso fardello della CVD, non riceve l’attenzione che i responsabili delle decisioni prestano ad altre malattie. Questo è il motivo per cui l’ESC chiede lo sviluppo di strategie nazionali che coprano tutti gli aspetti della salute cardiovascolare: prevenzione, individuazione, trattamento e riabilitazione: questa azione è essenziale per raggiungere gli obiettivi dell’OMS. Il rapporto di oggi consente ai responsabili delle politiche locali di fare il punto sulle prestazioni del proprio paese e identificare le aree che richiedono maggiore attenzione.

Il presidente dell’ESC, il professor Stephan Achenbach, ha dichiarato: “I miglioramenti nel trattamento e nella gestione delle malattie cardiache e dell’ictus sono compensati da una popolazione in crescita e invecchiamento, insieme al peggioramento delle epidemie di obesità e diabete di tipo 2. Dobbiamo assicurarci che tutti abbiano accesso alle linee guida dirette Le cure cardiovascolari e, soprattutto, gli stili di vita malsani, tra cui una cattiva alimentazione e la mancanza di attività fisica, devono essere affrontati. Prevenire un carico ancora maggiore di malattie cardiache e ictus richiede uno sforzo maggiore da parte di un’ampia coalizione di parti interessate: unisciti a noi nello sforzo “.