Ricerca

Verso la cura: Il governo del Canada e JDRF Canada annunciano nuovi finanziamenti per la ricerca, per accelerare le terapie a base di cellule staminali per il diabete di tipo 1

Woman wearing red and black checkered dress shirt and beige fedora hat holding canada flag looking at lake

Photo by Andre Furtado on Pexels

Grazie Canada, semplicemente grazie dalla terra che 100 anni fa sviluppo l’insulina chissà che non arrivi finalmente la cura. Mentre qui si parla e straparla a tutti i livelli, diabetici compresi.

Riportiamo il comunicato stampa appena ricevuto dal Governo Canadese:

Pubblicità e progresso

Ci sono più di 300.000 canadesi che convivono con il diabete di tipo 1 (T1D), una malattia autoimmune senza causa o cura nota, con conseguente disfunzione, danno o perdita delle cellule beta pancreatiche che producono insulina nel nostro corpo. Le persone con T1D devono curarsi con l’insulina più volte al giorno per mantenere normali i livelli di glucosio nel sangue e, nonostante i loro migliori sforzi, spesso sperimentano complicazioni gravi e persino pericolose per la vita.

Per celebrare la fine del Mese della prevenzione del diabete, Sonia Sidhu, membro del Parlamento di Brampton South, a nome dell’onorevole Patty Hajdu, ministro della salute, ha annunciato un investimento di 6 milioni di dollari attraverso la partnership CIHR-JDRF per sconfiggere il diabete per due ricerche canadesi in team volte ad accelerare lo sviluppo di terapie a base di cellule staminali per il trattamento del T1D.

Le cellule staminali mostrano essere una grande promessa come fonte di cellule produttrici di insulina che potrebbero venir trapiantate per fornire una nuova fonte di insulina, per sostituire le cellule beta pancreatiche disfunzionali, danneggiate o perse. Il Canada ha una notevole esperienza ereditata nelle scoperte principali in quest’area. Le cellule staminali furono scoperte a Toronto nel 1961 e nel 2000 un team di Edmonton fu il primo a pioniere nel trapianto di isole pancreatiche (la parte del pancreas che contiene le cellule produttrici di insulina). Questi risultati rappresentano passi importanti verso un trattamento che consentirà alle persone con T1D di vivere una vita sana senza iniezioni quotidiane di insulina.

I gruppi di ricerca sono guidati dalla dott.ssa Maria Cristina Nostro presso l’University Health Network e l’Università di Toronto e dal dottor Francis Lynn presso il BC Children’s Hospital Research Institute e l’Università della British Columbia. I team si baseranno sulla comprovata eccellenza della ricerca canadese e sulla leadership nel trapianto di isole cliniche, nella biologia delle cellule staminali, nel diabete, nell’immunologia e nell’ingegneria genetica per accelerare le terapie a base di cellule staminali per il T1D. Lavoreranno in collaborazione con altri ricercatori canadesi per affrontare alcune delle più grandi sfide scientifiche che ostacolano i nostri progressi in questo settore e ci avvicinano a un futuro in cui le persone con T1D non faranno più affidamento sulla terapia insulinica.

Questo finanziamento è stato fornito dal Canadian Institutes of Health Research Institute of Nutrition, Metabolism and Diabetes (CIHR-INMD) e JDRF Canada, attraverso la partnership CIHR-JDRF per sconfiggere il diabete fondata nel 2017. Ciascun partner investirà $ 3 milioni in cinque anni . Questo investimento fa parte di una vasta iniziativa di ricerca, 100 Years of Insulin: Accelerating Canadian Discoveries to Defeat Diabetes , finanziata da CIHR e partner. Questa iniziativa commemora il 100 ° anniversario della scoperta dell’insulina che sarà segnato nel 2021, una scoperta che ha cambiato la vita di milioni di canadesi e di persone in tutto il mondo e ha vinto il premio Nobel con i ricercatori Sir Frederick Banting e John Macleod per la Fisiologia e la Medicina nel 1923.