Batticuore

Le donne sono a maggior rischio di insufficienza cardiaca e morte per attacco cardiaco rispetto agli uomini

Infarto miocardico o attacco di cuore. Credito: Blausen Medical Communications / Wikipedia / CC-A 3.0

Le donne corrono un rischio maggiore del 20% di sviluppare insufficienza cardiaca o morire entro cinque anni dal loro primo grave attacco di cuore rispetto agli uomini, secondo una nuova ricerca pubblicata oggi sulla rivista di punta dell’American Heart Association Circulation .

Precedenti ricerche sulle differenze di sesso nella salute del cuore si sono spesso concentrate su attacchi cardiaci ricorrenti o morte. Tuttavia, le differenze nella vulnerabilità all’insufficienza cardiaca tra uomini e donne dopo un infarto rimangono poco chiare.

Pubblicità e progresso

Per studiare questo divario, i ricercatori hanno analizzato i dati su oltre 45.000 pazienti (30,8% donne) ricoverati in ospedale per un primo infarto tra il 2002 e il 2016 in Alberta, Canada. Si sono concentrati su due tipi di infarto: un attacco cardiaco grave e pericoloso per la vita chiamato infarto miocardico con elevazione del tratto ST (STEMI) e un tipo meno grave chiamato Non-STEMI o NSTEMI, l’ultimo dei quali è più comune. I pazienti sono stati seguiti per una media di 6,2 anni.

Le donne erano più anziane e hanno affrontato una serie di complicazioni e più fattori di rischio che potrebbero averle messe a maggior rischio di insufficienza cardiaca dopo un infarto.

Oltre all’elevato rischio di insufficienza cardiaca tra le donne, i ricercatori hanno scoperto:

Un totale di 24.737 pazienti ha avuto la forma meno grave di infarto (NSTEMI); in questo gruppo, il 34,3% erano donne e il 65,7% erano uomini.
Un totale di 20.327 pazienti hanno manifestato STEMI, l’attacco cardiaco più grave; in questo gruppo, il 26,5% erano donne e il 73,5% erano uomini.
Lo sviluppo di insufficienza cardiaca in ospedale o dopo la dimissione è rimasto più elevato per le donne rispetto agli uomini per entrambi i tipi di infarto, anche dopo l’aggiustamento per alcuni fattori confondenti.

  • Le donne hanno avuto un tasso di morte non aggiustato più elevato in ospedale rispetto agli uomini sia nel gruppo STEMI (9,4% contro 4,5%) che nel gruppo NSTEMI (4,7% contro 2,9%). Tuttavia, il divario si è notevolmente ridotto per NSTEMI dopo gli aggiustamenti dei fattori di confondimento.
  • Le donne avevano più probabilità di avere una media di 10 anni in più rispetto agli uomini al momento del loro attacco di cuore, di solito un’età media di 72 anni contro i 61 degli uomini.
  • Le donne avevano anche storie mediche più complicate al momento dei loro attacchi di cuore, tra cui ipertensione, diabete, fibrillazione atriale e malattia polmonare ostruttiva cronica , fattori di rischio che possono contribuire allo scompenso cardiaco.
  • Le donne sono state visitate meno frequentemente in ospedale da uno specialista cardiovascolare: 72,8% contro l’84% degli uomini.

Indipendentemente dal fatto che i loro attacchi di cuore fossero di tipo grave o meno grave, a un minor numero di donne sono stati prescritti farmaci come beta bloccanti o farmaci per abbassare il colesterolo. Le donne avevano anche tassi leggermente inferiori di procedure di rivascolarizzazione per ripristinare il flusso sanguigno, come l’angioplastica chirurgica.
“Identificare quando e come le donne possono essere a maggior rischio di insufficienza cardiaca dopo un attacco di cuore può aiutare gli operatori a sviluppare approcci più efficaci per la prevenzione”, ha detto l’autore principale dello studio Justin A. Ezekowitz, MBBCh., M.Sc., un cardiologo e co. -direttore del Canadian VIGOR Centre presso l’Università di Alberta a Edmonton, Alberta, Canada. “Una migliore aderenza alla riduzione del colesterolo, controllo della pressione alta , fare più esercizio fisico, seguire una dieta sana e smettere di fumare, combinata con il riconoscimento di questi problemi nelle prime fasi della vita, salverebbe migliaia di vite di donne e uomini”.

Sulla base di questi risultati, il coautore dello studio Padma Kaul, Ph.D., co-direttore del Canadian VIGOR Center, ha affermato che il prossimo passo è esaminare ulteriormente se tutti i pazienti ricevono le migliori cure, in particolare le donne, e dove gli interventi possono affrontare le sviste.

“Abbastanza vicino non è abbastanza buono”, ha detto Kaul, che è anche la Sex and Gender Science Chair del Canadian Institutes of Health Research. “Ci sono lacune nella diagnosi, nell’accesso, nella qualità delle cure e nel follow-up per tutti i pazienti, quindi dobbiamo essere vigili, prestare attenzione ai nostri pregiudizi e a quelli più vulnerabili per assicurarci di aver fatto tutto il possibile per fornire il meglio trattamento.”

Categorie:Batticuore, Donne e diabete

Con tag:,