Telemedicina

Teladoc osserva diverse nuove fasi di crescita per la telemedicina

Questa è un’immagine fornita da Teladoc, mostra il CEO di Teladoc Jason Gorevic. Il fornitore di telemedicina Teladoc Health vuole svolgere un ruolo più importante nella gestione dell’assistenza ai pazienti, soprattutto per le persone con malattie croniche. (Teladoc tramite AP)

Fresco di una grande acquisizione e cavalcando l’onda della crescita dei clienti, Teladoc Health è pronta a fare di più per i pazienti.

Il CEO Jason Gorevic ha affermato che il fornitore di telemedicina può svolgere un ruolo importante nell’aiutare le persone a gestire l’ ipertensione , il diabete o altre condizioni croniche .

Inoltre, vuole che i clienti pensino ben oltre le cure primarie quando considerano la telemedicina, che prevede l’assistenza fornita a distanza, spesso con una connessione video in diretta tramite smartphone o tablet.

Il mese scorso, Teladoc ha concluso un accordo da oltre 18 miliardi di dollari per acquistare la società tecnologica Livongo. Separatamente, il fornitore di telemedicina ha affermato che le sue visite totali sono più che raddoppiate fino a 7,6 milioni quest’anno, poiché COVID-19 ha spinto più persone a provare l’assistenza a distanza.

Il 49enne Gorevic ne ha parlato di recente con The Associated Press. La conversazione è stata modificata per chiarezza e lunghezza.

D: Hai parlato dell’utilizzo dell’affare Livongo per creare cure virtuali per l’intera persona. Che aspetto avrà?

A: Potresti essere qualcuno con la pressione alta che usa un bracciale per la pressione sanguigna Livongo e che sta caricando i dati. Se un giorno hai la pressione alta, potremmo inviarti una alert digitale che ti avvisa: “Ehi, dovresti assicurarti di tenerti sotto controllo”. Se è alto per una settimana, possiamo contattare un coach. E se è alto per alcune settimane, ora abbiamo un medico che è disponibile per connettersi e magari cambiare i tuoi farmaci e assicurarti che tu li stia assumendo e che sia il dosaggio giusto.

D: Il dottore chiamerebbe il paziente?

A: No, ti invieremo qualcosa che ti dà l’opportunità di richiedere una visita. E se non rispondi, potremmo contattare un coach che si offre di metterti in contatto.

D: Prima della pandemia, una delle maggiori sfide della telemedicina era far ricordare ai pazienti di utilizzare il servizio quando ne avevano bisogno. Qual è la prossima grande sfida?

R: Continuando a renderli consapevoli dell’ampiezza delle condizioni che possono essere trattate virtualmente. Ciò che possono ottenere dalle cure virtuali apre gli occhi alla maggior parte delle persone.

D: Al di fuori dell’assistenza primaria, nomina una specialità preparata per la crescita della telemedicina.

A: Abbiamo un’attività dermatologica in rapida crescita. Ma va oltre. Lavoriamo con gli ospedali su una varietà di casi che vanno dall’oncologia alla cardiologia alle visite di controllo post-chirurgico.

D: Che posto occupa l’intelligenza artificiale nelle cure virtuali? I pazienti avranno esigenze di assistenza di base gestite da un algoritmo informatico che pone domande e raccoglie dati?

R: Riteniamo che l’intelligenza artificiale possa aumentare il sostegno ai medici per aiutarli a fornire cure migliori. Ma riteniamo fortemente che la scienza dei dati possa fornire cose come spinte intelligenti alla salute, osservare i livelli di zucchero nel sangue e ricordarti in base al fatto che tu abbia fatto colazione, ehi, forse uscire e portare il cane a fare una passeggiata sarebbe una buona cosa.


© 2020 The Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Categorie:Telemedicina