Telemedicina

La cura comportamentale e psicologica è passata alla telemedicina durante COVID-19

Secondo una ricerca pubblicata online il 17 novembre negli Annals of Internal Medicine, le visite in ufficio per condizioni comportamentali e psichiatriche sono diminuite in associazione con la pandemia COVID-19, sebbene l’aumento delle visite di telemedicina abbia compensato queste diminuzioni .

Omar Mansour, della Johns Hopkins University di Baltimora, e colleghi hanno caratterizzato la telemedicina trimestrale e le visite in ufficio dal primo trimestre del 2018 (2018Q1) fino al secondo trimestre del 2020 (2020Q2) e si sono concentrati sulla cura di sei dei più diffusi comportamenti e condizioni psichiatriche .

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che per le sei condizioni, le visite totali sono diminuite da una media di 15,9 milioni durante il primo trimestre del 2018 e del 2019 a 13,0 milioni nel 2020Q1 (diminuzione del 18%) per poi aumentare a 15,8 milioni nel 2020Q2. Si è registrata una diminuzione delle visite in ufficio, da un volume trimestrale medio di 15,5 milioni prima del 2020 a 11,9 e 5,3 milioni rispettivamente nel 1 ° trimestre 2020 e 2 ° trimestre 2020. Le visite di telemedicina hanno rappresentato meno del 3% delle visite prima del 2020 e sono aumentate al 9 e al 66% delle visite durante 2020Q1 e 2020Q2 (1,1 e 10,5 milioni, rispettivamente). Anche dopo il passaggio alla telemedicina a partire dal 2020, la maggior parte delle visite sono state visite successive piuttosto che nuove visite.

“Date le preoccupazioni sui potenziali effetti deleteri della pandemia sui bisogni comportamentali e psichiatrici delle popolazioni vulnerabili, nonché sull’attuazione di politiche per mitigare tali danni, gli aumenti delle visite di telemedicina sono degni di nota”, scrivono gli autori.

Due autori hanno rivelato legami finanziari con le industrie della sanità e delle scienze della vita.

Categorie:Telemedicina

Con tag:,