Terapie

Diabete tipo 1: la Novo Nordisk ha sviluppato l’insulina smart che autoregola lo zucchero nel sangue

Migliore trattamento del diabete: la nuova molecola di insulina può autoregolare lo zucchero nel sangue

I ricercatori dell’Università di Copenaghen e l’azienda biotecnologica Gubra hanno sviluppato una nuova molecola di insulina che renderà la regolazione della glicemia più facile e più sicura per le persone con diabete di tipo 1

La vita quotidiana degli oltre 46 milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di diabete di tipo 1 potrebbe diventare molto più facile e sicura.

I ricercatori dell’Università di Copenaghen e l’azienda biotecnologica Gubra hanno sviluppato una nuova molecola di insulina che, in futuro, garantirà ai diabetici la giusta quantità di insulina.

L’insulina oggi sul mercato non è in grado di identificare se un paziente con diabete di tipo 1 necessita di un piccolo o grande effetto dall’insulina, che abbassa lo zucchero nel sangue.

“Questo è il motivo per cui abbiamo sviluppato il primo passo verso un tipo di insulina che può autoregolarsi in base al livello di zucchero nel sangue del paziente. Questo ha un enorme potenziale per migliorare notevolmente la vita delle persone con diabete di tipo 1″, spiega il professor Knud J. Jensen, del Dipartimento di Chimica dell’Università di Copenaghen, uno dei ricercatori dietro un nuovo studio su questa nuova insulina.

Efficace nei ratti

I ricercatori dietro lo studio hanno sviluppato un tipo di insulina con un legame molecolare incorporato in grado di rilevare la quantità di zucchero nel sangue nel corpo. Man mano che la glicemia aumenta, la molecola diventa più attiva e rilascia più insulina. Quando lo zucchero nel sangue diminuisce, viene rilasciato meno.

“La molecola rilascia costantemente una piccola quantità di insulina, ma varia a seconda delle necessità”, afferma Knud J. Jensen, che continua:

“Fornirà ai pazienti con diabete di tipo 1 un trattamento più sicuro e più facile. Oggi, una persona con diabete di tipo 1 deve iniettarsi insulina molte volte durante il giorno e monitorare frequentemente il livello di zucchero nel sangue pungendosi il dito con un misuratore di glicemia. Questo qui, consente a una persona di iniettare la nuova molecola di insulina meno spesso nel corso della giornata e quindi pensarci meno “, afferma Knud J. Jensen.

Sebbene la nuova insulina “automatizzata” rappresenti un importante passo avanti verso un migliore trattamento del diabete, ci vorrà del tempo prima che la rivoluzionaria insulina diventi parte della vita quotidiana dei diabetici.

“Abbiamo testato la molecola di insulina sui ratti e si è dimostrata efficace. Il passo successivo è sviluppare la molecola in modo che funzioni più rapidamente e con precisione. E infine, testarla sugli esseri umani – un processo che può richiedere molti anni. Ma vale sicuramente la pena riporre le proprie speranze “, spiega il professor Jensen.

Un’idea che è nata negli Stati Uniti

L’idea di creare un tipo di insulina che si autoadatta alle esigenze di un paziente è nata molti anni fa, mentre il professor Jensen viveva negli Stati Uniti. È qui che un suo amico con diabete di tipo 1 gli ha raccontato una storia:

“Il mio amico autore Jan Sonnergaard mi ha parlato di una coppia sposata che aveva ballato una notte. L’uomo aveva il diabete di tipo 1 e non si sentiva bene. La moglie pensava di stabilizzare il suo zucchero nel sangue dandogli insulina. Sfortunatamente, l’insulina si è verificata in lei della morte del marito. Volevo assicurarmi che questo tipo di tragedia non si sarebbe mai ripetuta “, dice Knud J. Jensen, concludendo:

“La cosa difficile con il diabete è che l’insulina funziona sempre allo stesso modo. Abbassa lo zucchero nel sangue, anche se questo potrebbe non essere ciò che un paziente richiede. Questo è ciò che cerchiamo di affrontare con la nostra nuova molecola”.

Categorie:Terapie

Con tag:,