Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

I recenti progressi dell’insulina migliorano la gestione del diabete

A diabetic patient makes an insulin injection with insulin pen at home. Woman control her sugar diabetes. Diabetes lifestyle

Secondo un oratore, i recenti progressi tecnologici che aiutano a guidare il dosaggio dell’insulina in base al riconoscimento di modelli algoritmici hanno cambiato radicalmente la gestione del diabete sia per i pazienti che per i fornitori, e miglioramenti più “intelligenti” sono all’orizzonte.

“Sono stati entusiasmanti gli ultimi due anni da quando abbiamo finalmente messo nelle mani dei nostri pazienti i vari sistemi automatici di somministrazione di insulina, in gran parte grazie alla posizione proattiva della FDA e all’introduzione di nuove categorie normative che incoraggiano l’interoperabilità” , ha detto  George Grunberger, MD, FACP, MACE , presidente del Grunberger Diabetes Institute di Bloomfield Hills, Michigan. “Tutto ciò ha cambiato totalmente l’approccio alla gestione dei pazienti in regime di insulina intensivo – e sono in arrivo ulteriori miglioramenti . Il secondo grande sviluppo è stato, infine, un’ampia accettazione della telemedicina a causa del rimborso di tali visite durante la pandemia COVID-19. Ciò consente una gestione più efficiente per i pazienti che hanno la capacità di utilizzare e accedere alla tecnologia – non dati, ovviamente, nel nostro sistema di assistenza sanitaria disfunzionale “.

Pubblicità e progresso

Soluzioni con penna “intelligenti”

La somministrazione di insulina è cambiata radicalmente dai giorni in cui Grunberger guardava suo nonno sterilizzare una siringa di vetro e un ago d’acciaio, che dovevano essere affilati ogni giorno per ridurre il dolore delle iniezioni di insulina di origine animale.

“Ora stiamo entrando nell’era delle penne intelligenti per insulina”, ha detto Grunberger durante una presentazione online al Congresso mondiale virtuale su resistenza all’insulina, diabete e malattie cardiovascolari. “Fino ad ora, il problema è stato che quando il paziente inietta l’insulina, non sappiamo quanta insulina ha iniettato, a che ora è stata iniettata e altre cose facilmente dimenticate”.

Attualmente, InPen (Companion Medical) è l’unica penna intelligente per insulina disponibile negli Stati Uniti.vLa penna, che trasmette i dati di dosaggio con tecnologia Bluetooth e consente la programmazione dei rapporti dei carboidrati e dei fattori di sensibilità, ha semplificato la gestione per i medici, ha detto Grunberger.

“Puoi guardare una ‘tabella’ e dare un senso alle escursioni del glucosio”, ha detto Grunberger. “Ora è più facile gestire i pazienti con maggiore attenzione”.

Algoritmi di somministrazione dell’insulina

Un sistema di somministrazione di insulina completamente chiuso, a volte chiamato pancreas artificiale, rimane oggi fuori portata; tuttavia, i sistemi ibridi a circuito chiuso hanno contribuito a semplificare l’assistenza alle persone con diabete di tipo 1, anche se i carboidrati devono ancora essere inseriti manualmente prima di un pasto, ha detto Grunberger. Ci sono tre “cervelli” disponibili dietro i sistemi ibridi di somministrazione di insulina a circuito chiuso attualmente disponibili nel mercato statunitense: controllo derivato proporzionale-integrale, o PID; controllo predittivo modello o MPC; e controllo logico fuzzy, o FL.

“Lavorano tutti e ci sono fan in ogni angolo, a seconda da quale parte stai”, ha detto Grunberger. “Sistemi diversi usano ‘cervelli’ differenti, ma qual è il punto? Cosa stai cercando di ottenere? Si spera che un buon controllo del glucosio con la minore variabilità possibile, mantenendo i pazienti fuori dall’ipoglicemia “.

Per determinare l’aspetto del successo, i ricercatori hanno convocato una riunione di consenso internazionale sul tempo nell’intervallo a Berlino nel 2019. Lì, i ricercatori hanno convenuto che il tempo trascorso nell’intervallo di glucosio raccomandato, o tempo nell’intervallo, è la “metrica chiave, “Definito come da 70 mg / dL a 180 mg / dL.

“Almeno il 70% del tempo trascorso in questo intervallo costituisce un segno di successo”, ha affermato Grunberger. “Ora abbiamo le metriche. Prima, si trattava di HbA1c. “

La somministrazione avanzata di insulina ibrida a ciclo chiuso è in arrivo, ha detto Grunberger. Il Medtronic 780G, approvato in Europa ma non ancora negli Stati Uniti, può erogare automaticamente un bolo di correzione quando un paziente sta per entrare in iperglicemia. A dicembre 2019, la FDA ha autorizzato la commercializzazione dell’algoritmo di dosaggio automatico e interoperabile Tandem Diabetes Care Control-IQ di insulina, il primo controller di dosaggio che può essere utilizzato con altri dispositivi interoperabili per il diabete.

Il sistema di somministrazione automatica di insulina Omnipod 5 tubeless (Insulet), che può essere accoppiato con Dexcom G6 o CGM FreeStyle Libre, è anche in fase di sviluppo, ha detto Grunberger.

“Il sistema che, si spera, verrà prima delle autorità di regolamentazione è quello in cui gli utenti possono scegliere il proprio obiettivo”, ha affermato Grunberger. “Questo è ciò che abbiamo oggi sul mercato o in arrivo a breve.”

Opzioni di insulina non iniettata

Una capsula di insulina orale, per il diabete tipo 2, è in fase di sviluppo da parte di Oramed Pharmaceuticals. A febbraio, la società ha riportato i risultati di sicurezza ed efficacia della coorte finale del suo studio di fase 2b, dimostrando che il candidato principale per l’insulina orale, ORMD-0801, ha raggiunto il suo endpoint primario dimostrando che i partecipanti con diabete di tipo 2 che hanno ricevuto una volta al giorno e due volte -dosi giornaliere da 8 mg hanno ottenuto riduzioni statisticamente significative rispetto al basale di HbA1c. La società ha annunciato a novembre che è in corso uno studio di fase 3.

“Il Santo Graal non è sempre stato l’iniezione di insulina”, ha detto Grunberger. “È complicato, perché devi ‘rivestire’ quell’insulina in modo che non venga masticata dai succhi gastrici, proteggerla e alla fine ottenere alcuni stimolatori dell’assorbimento per assicurarti di ottenere l’effetto biologico.”

Se lo studio di fase 3 avrà successo, Oramed prevede di presentare il farmaco alla FDA entro il 2023, ha affermato.

“È stato un viaggio affascinante vedere cosa è successo dal 1921”, ha detto Grunberger. “Diverse modalità e modi per introdurre l’insulina nel nostro corpo non solo per vivere, ma vivere senza paura dell’ipoglicemia e migliorare la qualità della vita e quelle temute complicanze del diabete”.


Fonte: 

Grunberger G. Sistemi all’avanguardia per la somministrazione di insulina. Presentato a: World Congress on Insulin Resistance, Diabetes & Cardiovascular Disease; 3-6 dicembre 2020 (incontro virtuale).

Divulgazioni: Grunberger riferisce di ricevere onorari per conferenze o ricerche da AstraZeneca, Eli Lilly, Medtronic e Novo Nordisk.