Complicanze varie/eventuali

Lo studio collega il diabete tipo 2, l’inquinamento atmosferico alla fibrosi polmonare

Il diabete di tipo 2 e la resistenza all’insulina sono fattori di rischio per lo sviluppo della fibrosi polmonare.

Le persone con pre-diabete o diabete che vivono in aree inquinate da ozono possono avere un aumentato rischio di una malattia irreversibile con un alto tasso di mortalità. Un nuovo studio pubblicato su Environmental Health Perspectives collega la resistenza all’insulina e l’esposizione ripetitiva all’ozono allo sviluppo della malattia polmonare interstiziale.

“I nostri risultati sono particolarmente importanti oggi in quanto siamo nel bel mezzo della pandemia COVID-19, in cui abbiamo grande preoccupazione per la convergenza degli effetti sulla salute dell’inquinamento atmosferico e della SARS-CoV-2 in popolazioni sensibili come le persone con diabete” ha detto James Wagner, autore principale e professore associato per il Dipartimento di Pathobiology and Diagnostic Investigation del MSU College of Veterinary Medicine.

L’ozono – un gas spesso definito “smog” – è noto per esacerbare alcune malattie polmonari, come l’asma e la rinite, che sono principalmente malattie delle vie aeree superiori. Ma una recente epidemiologia (Johannson et al. E Sesé et al.) Suggerisce un’associazione tra alte concentrazioni di ozono ed effetti nocivi sulla salute nel polmone profondo, che causano difficoltà respiratorie a causa della restrizione e rigidità polmonare.

“Più di 170.000 persone negli Stati Uniti soffrono di malattia polmonare interstiziale. Inoltre, il diabete di tipo 2 e la resistenza all’insulina sono recentemente suggeriti fattori di rischio per lo sviluppo della fibrosi polmonare”, ha affermato Jack Harkema, Distinguished Professor dell’Università, Albert C. e Lois E. Dehn Endowed Cattedra di Medicina Veterinaria e direttore del Laboratorio di Patologia Ambientale e Tossicologica e dei Laboratori Mobili di Ricerca sull’Aria presso la MSU.

Nello studio, Wagner, Harkema e i loro collaboratori, Robert Tighe e Christina Barkauskas del Dipartimento di Medicina della Duke University, hanno studiato topi sani, topi con lieve insulino-resistenza e topi con marcata insulino-resistenza. Lo studio ha trovato una relazione diretta tra i livelli di insulino-resistenza e la gravità dell’infiammazione polmonare e delle cicatrici (fibrosi); I topi predisposti al diabete erano particolarmente suscettibili all’infiammazione e al rimodellamento dei tessuti causati dall’esposizione ripetuta all’ozono.

“Le prove suggeriscono che l’esposizione all’ozono potrebbe esacerbare la fibrosi polmonare, in particolare nei soggetti diabetici”, ha detto Tighe, pneumologo specializzato in malattie interstiziali alla Duke. “Il diabete scarsamente controllato, in particolare, può essere un’importante comorbilità per il peggioramento del danno polmonare”.

Secondo Wagner, questi risultati sono di fondamentale importanza per la salute pubblica.

“I nostri risultati propongono un nesso causale per l’esposizione all’ozono per promuovere preferenzialmente la fibrosi polmonare precoce e la malattia polmonare interstiziale nei topi pre-diabetici. Abbiamo esposto questi topi solo per tre settimane, ma ci sono milioni di persone che vivono in città come Los Angeles e New York che sono esposti ad alti livelli di ozono giorno dopo giorno “, ha detto. “Quindi, è necessario considerare la prevalenza di persone pre-diabete – circa il 33% in questo paese. I risultati del nostro studio suggeriscono che le persone che sono borderline insulino-resistenti – o diabetiche – e che vivono in aree con alti livelli di inquinamento da ozono potrebbero essere a maggior rischio di sviluppare malattie polmonari interstiziali “.

Questo studio è solo l’ultimo degli sforzi di ricerca di Wagner e Harkema, che descrivono il pre-diabete come un fattore di rischio per molteplici possibili risposte avverse all’inquinamento atmosferico. Wagner ha precedentemente dimostrato effetti deleteri su frequenza cardiaca, pressione sanguigna e infiammazione del tessuto adiposo in roditori pre-diabetici che erano esposti all’ozono (Wagner et al. E Zhong et al.).

Gli autori ritengono che questo studio sia il primo del suo genere, in quanto descrive un’infiammazione polmonare esacerbata e il rimodellamento dovuto all’esposizione ripetitiva a breve termine all’ozono in roditori resistenti all’insulina che mostrano anche altre manifestazioni del diabete di tipo 2. Il lavoro è stato sostenuto in gran parte dalla sovvenzione dei ricercatori del Great Lakes Air Center for Integrative Environmental Research (GLACIER) dell’Agenzia per la protezione ambientale presso l’MSU. Per ulteriori informazioni su questa ricerca, contattare il Dr. James Wagner.