Reni

Trovato un trattamento promettente per proteggere la funzione renale nel diabete

Uno studio clinico che ha coinvolto ricercatori dell’Università di Limerick, in Irlanda, ha dimostrato i potenziali benefici di nuovi farmaci nella protezione della funzione renale nel diabete

Uno studio clinico che ha coinvolto ricercatori dell’Università di Limerick, in Irlanda, ha dimostrato i potenziali benefici dei nuovi farmaci nella protezione della funzione renale nel diabete.

Pubblicità e progresso

Il nuovo studio ha scoperto che la combinazione di due trattamenti che abbassano le concentrazioni di acido urico nel sangue riduce la fuoriuscita di albumina nelle urine, uno dei primi segni di danno renale nel diabete.

La scoperta potrebbe aiutare a prevenire l’insufficienza renale nei pazienti diabetici, ritengono i ricercatori dell’UL.

I ricercatori della University of Limerick School of Medicine e dell’University Hospital Limerick, in collaborazione con i ricercatori dell’Università della California di San Diego, USA e di AstraZeneca, hanno scoperto che la combinazione di Verinurad e Febuxostat riduceva l’albuminuria nelle urine del 39,4% nei pazienti con tipo 2 diabete dopo 12 settimane di trattamento rispetto al placebo.

I risultati di questo studio clinico di Fase 2a sponsorizzato da AstraZeneca sono stati recentemente pubblicati sull’American Journal of Kidney Disease .

Verinurad è un nuovo inibitore del trasportatore dell’acido urico (URAT1) ed è attualmente in fase di studio per il trattamento dell’iperuricemia e delle malattie renali. Febuxostat è un potente inibitore selettivo della xantina ossidasi utilizzato per abbassare i livelli di urati nei pazienti con gotta e iperuricemia.

I risultati della sperimentazione clinica CITRINE mostrano che la combinazione di farmaci riduce la fuoriuscita di proteine ??attraverso i reni.

“Questa è una notizia entusiasmante poiché la fuoriuscita di proteine ??è il primo segno clinico di danno renale”, ha affermato il professor Austin Stack, presidente della Fondazione di medicina presso la Scuola di medicina dell’UL e consulente nefrologo presso l’ospedale universitario di Limerick, autore principale dello studio.

“I risultati sono molto promettenti in quanto dimostrano un’importante riduzione dell’albuminuria e dell’iperuricemia nei pazienti con diabete di tipo 2 quando trattati con una combinazione di Verinurad e Febuxostat.

“Se riusciamo a intervenire precocemente, è più probabile che i pazienti non vadano incontro a insufficienza renale. I risultati aumentano la speranza per i 350 milioni di persone con diabete di tipo 2 a livello globale che sono maggiormente a rischio di insufficienza renale”, ha aggiunto il professor Stack, direttore del National Kidney Disease Surveillance System (NKDSS).

Nello studio clinico multicentrico randomizzato, 60 pazienti con diabete di tipo 2 con albuminuria e livelli elevati di acido urico sono stati randomizzati a ricevere Verinurad 9 mg e Febuxostat 80 mg o placebo. I pazienti sono stati seguiti per 24 settimane.

L’endpoint primario dello studio è stato raggiunto e ha mostrato una riduzione del 39% dell’albuminuria, dopo 12 settimane con il trattamento combinato di Verinurad e Febuxostat rispetto al placebo. Questo effetto è persistito a 24 settimane con una riduzione complessiva del 49% dell’albuminuria. I pazienti trattati hanno anche sperimentato una riduzione del 57% dei livelli di acido urico a 12 settimane. Sia Verinurad che Febuxostat sono stati ben tollerati dai pazienti, secondo lo studio.

“Uno dei primi segnali di malattia renale è lo sviluppo di albuminuria (fuoriuscita di albumina nelle urine) e studi recenti hanno dimostrato che questo può essere associato ad alti livelli di acido urico”, ha detto il professor Stack, un ricercatore principale finanziato dalle HRB il cui il lavoro in questo settore ha innalzato il profilo dell’acido urico come potenziale fattore di rischio per malattie renali e cardiache.

“Un obiettivo chiave nella protezione della funzione renale è l’abbassamento dell’albuminuria nelle urine, poiché i pazienti con livelli elevati sono a rischio di progredire verso l’insufficienza renale. Questo studio clinico è stato progettato per esaminare gli effetti di una strategia di riduzione intensiva dell’acido urico sull’albuminuria mediante associazione di Verinurad con Febuxostat in pazienti con diabete mellito di tipo 2 con albuminuria preesistente.

“Sebbene questi siano i primi risultati clinici, i nostri risultati mostrano che il trattamento combinato con Verinurad e Febuxostat in pazienti con diabete si traduce in una rapida riduzione dell’albuminuria che è stata mantenuta fino alla settimana 24”, ha aggiunto il professor Stack.

Uno studio clinico più ampio, lo studio SAPPHIRE, è attualmente in corso per determinare se una strategia intensiva di riduzione dell’acido urico che combina Verinurad con un inibitore della xantina ossidasi rallenterà la progressione della malattia renale cronica.

“Il diabete è il maggior contributore agli 850 milioni a livello globale di malattie renali croniche”, ha spiegato il professor Stack.

“Più del 40% dei pazienti con diabete è a rischio di sviluppare malattie renali e un numero significativo di questi progredirà verso l’insufficienza renale. Prevenire l’insufficienza renale è un obiettivo chiave in tutti i sistemi sanitari per ridurre la morbilità del diabete e migliorare i risultati dei pazienti”, egli aggiunto.

###

È stato pubblicato lo studio Stack AG, Dronamraju N, Parkinson J, Johansson S, Johnsson E, Erlandsson F, Terkeltaub R, Effect of Intensive Urate Lowering With Combined Verinurad e Febuxostat on Albuminuria in Patients With Type 2 Diabetes: A Randomized Trial. in in American Journal of Kidney Disease . Vedi di più qui: https: / www. ajkd. org / articolo / S0272-6386 (20) 31072-6 / fulltext.

Categorie:Reni, Terapie

Con tag:,