Assistenza sociosanitaria

OMS: 7 dei 10 principali killer pre-Covid erano malattie non trasmissibili

Le malattie non trasmissibili (NCD) rappresentavano sette delle 10 principali cause di morte prima della pandemia di coronavirus, ha detto mercoledì l’Organizzazione mondiale della sanità, con malattie cardiache che uccidono più persone che mai.

Le nuove stime globali sulla salute dell’OMS, aggiungendo i dati del 2019 alle statistiche risalenti al 2000, hanno rilevato che le persone vivevano una vita più lunga, ma quegli anni extra non erano necessariamente vissuti in buona salute.

Lo studio, che espone le tendenze negli ultimi due decenni in termini di mortalità e morbilità causate da malattie e lesioni, ha mostrato che le malattie non trasmissibili costituivano solo quattro delle prime 10 cause di morte nel 2000, salendo a sette lo scorso anno.

È probabile che COVID-19 figuri nella top 10 del 2020, hanno detto i funzionari dell’OMS, con il bilancio delle vittime che ha superato la soglia di 1,5 milioni il 3 dicembre.

Nel 2019 sono stati registrati circa 55,4 milioni di decessi in tutto il mondo.

Le prime 10 cause di morte hanno rappresentato il 55% di questi decessi. Si dividono in tre grandi categorie: cardiovascolare, respiratoria e neonatale.

Le prime cinque cause di morte, nell’ordine, erano malattie cardiache; ictus; broncopneumopatia cronica ostruttiva; infezioni respiratorie inferiori; e condizioni neonatali.

Aumento del diabete

Le cifre “evidenziano chiaramente la necessità di una maggiore attenzione globale sulla prevenzione e il trattamento di malattie cardiovascolari, cancro, diabete e malattie respiratorie croniche, nonché sulla lotta agli infortuni”, ha affermato l’OMS in una dichiarazione.

Le malattie cardiache sono state la principale causa di morte al mondo negli ultimi 20 anni.

“Tuttavia, ora sta uccidendo più persone che mai”, ha detto l’OMS, con nove milioni di vittime nel 2019 – due milioni dal 2000.

Le malattie cardiache rappresentano il 16% dei decessi totali per tutte le cause, con ictus che reclamano l’11% e la broncopneumopatia cronica ostruttiva il 6%.

Il diabete è entrato nelle prime 10 cause di morte dopo un aumento del 70% del numero di decessi dal 2000.

Bente Mikkelsen, il capo della sezione malattie non trasmissibili dell’OMS, ha affermato che sebbene l’insulina sia stata scoperta 100 anni fa, meno della metà delle persone che ne hanno bisogno ne ha accesso.

“C’è l’urgenza di agire”, ha detto ai giornalisti.

Mikkelsen ha affermato che il modo più efficiente per proteggere le persone dai fattori di rischio delle malattie non trasmissibili è “aumentare la tassa sul tabacco e sulle bevande zuccherate” e altri prodotti malsani.

“È anche un modo molto importante per aumentare i budget sanitari”.

Le malattie non trasmissibili insieme hanno rappresentato il 74% dei decessi a livello globale nel 2019.

“Dobbiamo intensificare rapidamente la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle malattie non trasmissibili”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Calo HIV / AIDS, e della tubercolosi

L’HIV / AIDS è sceso dall’ottava causa di morte nel 2000 alla 19 nel 2019.

Rimane comunque al quarto posto in Africa, nonostante il numero di morti nel continente sia sceso da oltre un milione a 435.000 nell’arco di 20 anni.

Anche la tubercolosi è uscita dalla top 10 mondiale, passando dal settimo posto nel 2000 al 13esimo dello scorso anno, grazie a una riduzione del 30% delle morti globali.

Le nuove stime hanno rilevato che nei paesi a basso reddito, le malattie trasmissibili hanno avuto un prezzo più alto, rappresentando sei delle prime 10 cause di morte, tra cui malaria (sesta), tubercolosi (ottava) e HIV / AIDS (nona).

L’aspettativa di vita media globale era di oltre 73 anni nel 2019, rispetto a quasi 67 nel 2000, con i maggiori guadagni nelle regioni meno sviluppate.

Tuttavia Bochen Cao, del dipartimento dati e analisi dell’OMS, ha avvertito che l’aspettativa di vita in buona salute non stava aumentando allo stesso ritmo.

La partnership globale di NCD Alliance ha affermato che il rapporto descrive un “bilancio devastante” sulla vita umana che avrebbe potuto essere evitato.

I governi devono investire meglio nella salute, promuovere una vita sana e combattere i fattori di rischio, ha affermato l’amministratore delegato Katie Dain.

L’aumento del diabete è una “tragica dimostrazione” del fallimento delle politiche di governo della salute pubblica, ma anche della ricerca e medicina, ed  è “chiaramente insostenibile in futuro”, ha detto.