Ricerca

Il diabete nei cani può indicare un rischio elevato di diabete di tipo 2 nei loro proprietari

puppy, dog, pet

Photo by 3194556 on Pixabay

I proprietari di un cane con diabete hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto ai proprietari di un cane senza diabete. Non è stato possibile rilevare alcun rischio condiviso di diabete per i proprietari di gatti e i loro gatti. Questi nuovi risultati, da uno studio basato su registri condotto presso l’Università di Uppsala in collaborazione con altre tre università, sono stati ora pubblicati su The BMJ .

Studi precedenti hanno riportato una possibile associazione tra adiposità nei proprietari di cani e nei loro cani. Ma potrebbe esserci anche un rischio condiviso di diabete per i proprietari di animali domestici, i loro cani e gatti? I ricercatori dell’Università di Uppsala, dell’Università svedese di scienze agrarie, del Karolinska Institutet e dell’Università di Liverpool hanno ora esaminato insieme la questione in un ampio studio di coorte.

Combinando un registro assicurativo veterinario svedese con i registri della popolazione e della salute svedesi, i ricercatori hanno potuto estrarre informazioni sui proprietari di animali domestici residenti in Svezia. Nello studio sono stati inclusi più di 175.000 proprietari di cani e quasi 90.000 proprietari di gatti, nonché i loro cani e gatti.

I proprietari di cani e gatti erano tutti di mezza età o più all’inizio dello studio e sono stati seguiti fino a sei anni. I ricercatori hanno quindi analizzato l’incidenza del diabete di tipo 2 nei proprietari di animali domestici e del diabete canino e felino nei cani e nei gatti.

Beatrice Kennedy,  ricercatrice post-dottorato, Dipartimento di Scienze Mediche, Università di Uppsala.

Il risultato principale è stato che rispetto al possedere un cane senza diabete, possedere un cane con diabete era associato a un aumento del 38% del rischio di diabete di tipo 2. Non è stato possibile rilevare alcun rischio condiviso di diabete nei proprietari di gatti e nei loro gatti. L’elevato rischio per i proprietari di cani non può essere spiegato dall’età, dal sesso o dalle circostanze socioeconomiche dei proprietari, o dall’età, dal sesso o dalla razza dei cani.

“I nostri risultati indicano che un cane con diabete in casa potrebbe segnalare un aumento del rischio che il proprietario del cane sviluppi anche il diabete di tipo 2. Non abbiamo avuto accesso alle informazioni sui comportamenti dello stile di vita familiare, ma pensiamo che l’associazione potrebbe essere dovuta a modelli di attività fisica e possibilmente anche abitudini alimentari condivise, nonché rischio condiviso di adiposità. Se le abitudini di esercizio condivise sono davvero un fattore chiave, potrebbe ulteriormente aiutare a spiegare perché non vediamo alcun rischio di diabete condiviso nei proprietari di gatti e nei loro gatti “, dice Beatrice Kennedy, ricercatrice post-dottorato in epidemiologia medica presso l’Università di Uppsala, uno degli autori senior dello studio.

Il diabete canino generalmente richiede una terapia insulinica per tutta la vita. Il diabete è più comunemente diagnosticato nei cani anziani e nelle femmine che non sono state sterilizzate (castrate) durante la loro fase di diestro prolungata. Anche il diabete nelle femmine è stato collegato al sovrappeso e si verifica più spesso in alcune razze di cani da caccia svedesi. La frequenza della sterilizzazione e la relativa popolarità delle diverse razze variano tra i paesi e il rischio di diabete condiviso osservato in questo studio potrebbe quindi non essere applicabile ad altre parti del mondo con pratiche di proprietà del cane diverse.

“Gli esseri umani e i cani vivono insieme da almeno 15.000 anni e continuano a condividere la loro vita quotidiana nel bene e nel male. In questo studio unico, dimostriamo che potrebbero esserci stili di vita comuni e fattori ambientali che influenzano il rischio di diabete in casa , sia nei cani che nei loro proprietari “, commenta Tove Fall, Professore di Epidemiologia Molecolare all’Università di Uppsala, l’altro autore senior dello studio.

Categorie:Ricerca

Con tag:,