Vista e dintorni

Retinopatia diabetica: le opzioni di trattamento chirurgico e farmacologico portano a risultati simili

Andrew Antoszyk, MD, con un paziente in clinica. “Immagine per gentile concessione di Andrew Antoszyk”

Lo studio NIH rileva che alcuni pazienti necessitano di entrambi i trattamenti per migliorare la vista a lungo termine

Gli approcci farmacologici chirurgici e iniettabili sono ugualmente efficaci per il trattamento del sanguinamento all’interno dell’occhio da retinopatia diabetica proliferativa (PDR), secondo uno studio clinico supportato dal National Eye Institute (NEI) del DRCR Retina Network ( DRCR.net. Una conseguenza del diabete, la PDR comporta la crescita di nuovi vasi sanguigni anormali nella retina sensibile alla luce. Questi vasi sanguigni tendono a sanguinare nel vitreo gelatinoso che riempie l’occhio, causando la perdita della vista. NEI fa parte del National Institutes of Health.

I ricercatori hanno confrontato le iniezioni oculari del fattore di crescita endoteliale anti-vascolare (VEGF) con la rimozione del sangue tramite chirurgia di vitrectomia e fotocoagulazione laser. Entrambi i trattamenti hanno migliorato la visione centrale per la maggior parte dei partecipanti, sebbene circa un terzo dei partecipanti avesse bisogno sia di iniezioni anti-VEGF che di interventi chirurgici. I risultati aiuteranno a guidare il trattamento per le persone con sanguinamento negli occhi da PDR. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of the American Medical Association .

“Questo studio clinico è stato un’opportunità per confrontare due trattamenti comunemente usati per l’emorragia del vitreo dalla retinopatia diabetica proliferativa testa a testa. I risultati forniscono una guida utile per i medici che gestiscono pazienti con questa condizione “, ha affermato Adam Glassman, Jaeb Center for Health Research, direttore del centro di coordinamento DRCR.net.

La vitrectomia rimuove chirurgicamente il sangue dall’interno dell’occhio. Per prevenire la formazione di più vasi sanguigni, la vitrectomia viene solitamente associata a un trattamento laser (fotocoagulazione laser). Questo trattamento spesso ripristina la visione centrale, ma il trattamento laser può ridurre la visione periferica. Più recentemente, studi supportati da NEI hanno scoperto che le iniezioni di anti-VEGF nell’occhio aiutano a controllare la PDR e altre complicazioni oculari diabetiche. Questi trattamenti farmacologici riducono la crescita dei vasi sanguigni negli occhi e prevengono le canne mentre il sangue nel corpo vitreo viene assorbito.

“Negli ultimi 15 anni, il DRCR Retina Network ha condotto studi che hanno contribuito a stabilire lo standard di cura per le malattie oculari diabetiche”, ha affermato Jennifer Sun, MD, Harvard University, Cambridge, Massachusetts, presidente di Diabetes Initiatives for the Network. “Ci sono stati importanti progressi nella tecnologia e tecnica chirurgica dagli studi iniziali che hanno valutato il trattamento chirurgico della PDR. Questo ultimo studio DRCR Retina Network ci permette di capire come i risultati nell’era moderna della chirurgia retinica siano paragonabili al trattamento con iniezioni intraoculari anti-VEGF per l’emorragia del vitreo da PDR “.

In questo nuovo studio clinico, il team del DRCR Retina Network ha confrontato questi due trattamenti standard per vedere se uno dei due era più efficace nel migliorare l’acuità visiva in due anni. Dei 205 partecipanti, a 100 è stato assegnato un farmaco anti-VEGF, aflibercept (marchio Eylea), e a 105 è stata assegnata la vitrectomia immediata e la fotocoagulazione laser. I ricercatori hanno monitorato la migliore acuità visiva corretta in due anni. A quattro settimane, l’acuità visiva nel gruppo chirurgico era significativamente più alta rispetto al gruppo anti-VEGF, ma entro 24 settimane l’acuità visiva nel gruppo anti-VEGF aveva raggiunto il gruppo chirurgico. L’acuità visiva era simile tra i due gruppi fino a due anni. Circa un partecipante su tre in ciascun gruppo alla fine ha ricevuto entrambi i tipi di trattamenti per aiutare a controllare il proprio PDR durante quel periodo.

“Questa è una malattia molto comune per i pazienti con diabete, in particolare dopo aver convissuto con il diabete per diversi decenni. Per i pazienti che soffrono di perdita della vista a causa di sanguinamento dovuto alla PDR, queste strategie sono entrambi trattamenti eccellenti e possono migliorare e quindi preservare l’acuità visiva per un periodo compreso tra sei mesi e due anni “, ha affermato Sun. “Ma ci sono alcune sottigliezze in questo studio che aiuteranno i medici a personalizzare i loro piani di trattamento per un singolo paziente”.

Per le persone con gravi emorragie o che hanno bisogno di migliorare la loro vista rapidamente, la chirurgia si traduce in un miglioramento più rapido, ha detto Sun. Ma per le persone che non possono ricevere un intervento chirurgico o preferiscono evitare un intervento chirurgico se possibile, il trattamento anti-VEGF porta comunque a risultati visivi equivalenti a lungo termine.

“Circa un terzo dei partecipanti allo studio ha finito per aver bisogno di entrambi i trattamenti”, ha detto Glassman, “quindi riteniamo che sia fondamentale che le persone continuino a seguire i loro medici dopo aver iniziato il trattamento per la PDR, perché potrebbero dover adattare il loro trattamento lungo il percorso per ottenere il miglior risultato. “

Si stima che 30 milioni di americani abbiano il diabete . Le anomalie dei vasi sanguigni, inclusa la crescita di nuovi vasi sanguigni, sono comuni nelle persone con diabete. La PDR può portare alla morte del tessuto retinico, alla perdita permanente della vista e infine alla cecità in alcuni pazienti. Prima dello sviluppo di trattamenti chirurgici e laser per rimuovere il sangue e far regredire la crescita anormale dei vasi sanguigni, la PDR era una delle principali cause di cecità negli Stati Uniti.

L’identificatore Clinicaltrials.gov per questo studio è NCT02858076. Lo studio è stato sostenuto da NEI e dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases attraverso un accordo di cooperazione (EY14231). Regeneron ha fornito un accordo per lo studio e fondi a DRCR.net per sostenere i costi del sito clinico dello studio.

NEI guida la ricerca del governo federale sul sistema visivo e sulle malattie degli occhi. NEI supporta programmi scientifici di base e clinici per sviluppare trattamenti per il salvataggio della vista e affrontare le esigenze speciali delle persone con perdita della vista. Per ulteriori informazioni, visitare  https://www.nei.nih.gov .

Informazioni sui National Institutes of Health (NIH): NIH, l’agenzia di ricerca medica della nazione, comprende 27 istituti e centri ed è una componente del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. NIH è la principale agenzia federale che conduce e sostiene la ricerca medica di base, clinica e traslazionale e sta studiando le cause, i trattamenti e le cure per malattie comuni e rare. Per ulteriori informazioni su NIH e sui suoi programmi, visitare www.nih.gov .

Riferimento

Antoszyk AN, Glassman AR, Beaulieu WT, Jampol LM, Jhaveri CD, Punjabi OS, Salehi-Had H, Wells JA III, Maguire MG, Stockdale CR, Martin DF e Sun JK, per il Diabetic Retinopathy Clinical Research Network. “Effetto di aflibercept intravitreale rispetto alla vitrectomia con fotocoagulazione panretinica sull’acuità visiva in pazienti con emorragia vitrea da retinopatia diabetica proliferativa: uno studio clinico randomizzato”. JAMA. 15 dicembre 2020