Comunicazione

Sempre più in alto: 2020 il professor Paolo Fiorina il più letto

sunset, mountain, balance

Photo by GidonPico on Pixabay

Per Il Mio Diabete, inteso come blog, è il momento dei bilanci, anche se il 2020 non è ancora terminato ma si possono già tirare le somme per come è andata.

Complessivamente il sito ha totalizzato 4 milioni di visualizzazioni, un dato che via via si consolida sempre più nel tempo, ma il fatto più rilevante sta nell’aver ampliato notevolmente la platea proveniente da fuori Italia: il 40% dei lettori sono di altri paesi ed in particolare il 30% proviene dagli USA e Canada.

Pubblicità e progresso

Ma quali sono stati i primi tre articoli/post più visualizzati/letti?

Il n. 1 assoluto è: La ricerca sul diabete tipo 1 va avanti: intervista con il professor Paolo Fiorina (400.000 visualizzazioni totali)

Al centro dell’intervista che potete qui ascoltare e vedere, il Professore ha dato una visione ampia nell’immediato sullo sviluppo della ricerca scientifica per la cura del diabete tipo 1, che procede, secondo parametri di sicurezza per i ricercatori e i pazienti, nonostante la congiuntura attuale legata alla pandemia da COVID-19.

Secondo posto ex aequo per

Verso le cure: la protezione delle cellule beta dallo stress può proteggere dal diabete di tipo 1

BOSTON – (27 luglio 2020) – Il diabete di tipo 1 si verifica quando il sistema immunitario di una persona distrugge le cellule beta che producono insulina nel pancreas. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno imparato a far crescere grandi volumi di cellule beta sostitutive, ma i ricercatori stanno ancora provando molte opzioni per proteggere queste cellule dall’attacco immunitario. I ricercatori del Joslin Diabetes Center hanno ora trovato una strategia insolita che alla fine potrebbe aiutare a proteggere tali cellule beta trapiantate o a rallentare l’insorgenza originale della malattia.

Verso la cura del diabete tipo 1: scoperta una nuova combinazione di farmaci per indurre alti tassi di rigenerazione delle cellule beta umane

I ricercatori della Icahn School of Medicine di Mount Sinai hanno scoperto una nuova combinazione di due classi di farmaci che, insieme, portano il più alto tasso di proliferazione mai osservato nelle cellule beta umane adulte – le cellule del pancreas che producono insulina – senza danneggiare la maggior parte delle altre cellule del corpo. Il risultato è un passo importante verso un trattamento del diabete che ripristina la capacità del corpo di produrre insulina.

Entrambi gli articoli hanno totalizzato 300.000 visualizzazioni

Terzo posto: Il muovo microinfusore Medtronic MiniMed™ 780G riceve il marchio CE

DUBLINO, 11 giugno 2020  Medtronic plc  (NYSE: MDT), leader mondiale nella tecnologia medica, ha annunciato oggi la marcatura CE (Conformité Européenne) del suo sistema MiniMed ™ 780G, un sistema di pompa per insulina a circuito chiuso di prossima generazione per il trattamento del diabete di tipo 1 nelle persone di età compresa tra 7 e 80 anni. Sfruttando l’algoritmo SmartGuard ™ più avanzato dell’azienda, il sistema automatizza la consegna di insulina basale e boli di correzione ogni cinque minuti per aiutare le persone con diabete a evitare gli alti e i bassi con maggiore facilità. Il sistema MiniMed 780G consente la personalizzazione degli obiettivi del glucosio con un’impostazione del bersaglio regolabile a partire da 100 mg / dL (5,5 mmol / L) – inferiore a qualsiasi altro sistema ibrido a circuito chiuso avanzato – ed è progettato per aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e ulteriormente migliorare il controllo del glucosio.

Il post ha raccolto 200.000 visualizzazioni

Per altri bilanci non mi sbilancio: si avanti perché finché c’è vita c’è speranza per la cura in ogni ambito.

Auguri di buone feste e buon anno nuovo

Categorie:Comunicazione

Con tag: