Vista e dintorni

Speranze da nuove strategie per il trattamento del glaucoma

Nella ricerca di nuovi modi per trattare il glaucoma della malattia degli occhi incurabile, i ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital in Svezia hanno scoperto più indizi sulla sua patogenesi. Un nuovo studio mostra come i disturbi metabolici dei neuroni coincidano con l’aumento della pressione nell’occhio. In modelli animali e cellulari, i trattamenti con rapamicina e piruvato hanno dimostrato di avere un effetto protettivo. Lo studio è pubblicato sulla rivista PNAS.

Il glaucoma è una malattia incurabile che porta alla perdita parziale o totale della vista in 80 milioni di persone in tutto il mondo, di cui 100.000 – 200.000 in Svezia. I tre principali fattori di rischio sono l’età, l’elevata pressione intraoculare e la predisposizione genetica. Le uniche strategie di trattamento attualmente disponibili mirano alla pressione nell’occhio utilizzando colliri o interventi chirurgici; nonostante ciò, il rischio di cecità da un occhio è ancora alto.

Pubblicità e progresso

Un nuovo studio ora rivela una connessione tra i disturbi metabolici nelle cellule gangliari della retina (cellule nervose nella retina i cui assoni costituiscono il nervo ottico) e l’alta pressione intraoculare. In modelli animali, i ricercatori hanno trovato un blocco della capacità delle cellule di convertire il glucosio in altre molecole essenziali, una delle quali è il piruvato.

“Dimostriamo come il glaucoma sia associato a disturbi metabolici in queste cellule”, afferma Pete Williams, leader del gruppo di ricerca presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet e capo del nuovo laboratorio di glaucoma del St. Erik Eye Hospital. “Più specificamente, dimostriamo che esiste una correlazione tra alta pressione intraoculare e bassi livelli di piruvato. Quando abbiamo dato un integratore di piruvato, ha avuto un effetto protettivo sia nei modelli animali che cellulari”.

Continua: “Dobbiamo esplorare più da vicino questa connessione e vedere se si applica anche agli esseri umani. Vogliamo concentrarci su sostanze economiche e prontamente disponibili e integratori alimentari in grado di integrare gli attuali metodi di trattamento per il glaucoma”.

I ricercatori hanno anche studiato la relazione tra la regolazione di mTOR, una proteina importante nel metabolismo cellulare, e il glaucoma. I loro risultati dimostrano come la rapamicina, inibitore di mTOR, approvato per altre malattie, sia stata anche in grado di proteggere le cellule gangliari della retina.

Lo studio è stato condotto su modelli di roditori di glaucoma e modelli di cellule e tessuti e ha coinvolto, tra le altre tecniche, il sequenziamento dell’RNA e la metabolomica per identificare i cambiamenti nelle cellule gangliari della retina.

Il gruppo di ricerca del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital ha studiato per molti anni il glaucoma e in precedenza ha trovato una correlazione tra bassi livelli della molecola NAD e vecchiaia e pressione intraoculare elevata. Uno studio clinico pubblicato questa estate ha dimostrato che dopo la somministrazione di nicotinamide (l’ammide della vitamina B3), un quarto dei partecipanti allo studio ha riportato un miglioramento della vista.

Uno studio clinico è attualmente in corso presso il Columbia University Medical Center che combina piruvato con nicotinamide.

“Nel frattempo, stiamo continuando la ricerca di base sul metabolismo nelle cellule gangliari della retina e stiamo cercando di trovare biomarcatori per la malattia”, aggiunge il dottor Williams. “Questo ci darà più strumenti per il trattamento di questi pazienti in futuro”.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag: