Terapie

I disturbi psichiatrici sono associati alla terapia con ormoni tiroidei negli adolescenti e nei giovani adulti con diabete di tipo 1?

question mark, pile, questions

Photo by qimono on Pixabay

A questi interrogativo hanno cercato di dare una risposta un team multicentrico di ricercatori tedeschi capeggiato dall’Istituto di epidemiologia e biometria medica, ZIBMT, Università di Ulm, Germania.

Gli scienziati hanno cercato di valutare l’associazione tra autoimmunità tiroidea e disturbi psichiatrici (depressione, ansia, disturbi alimentari, schizofrenia o disturbo da deficit di attenzione / iperattività) tra adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1 (11-25 anni).

Pubblicità e progresso

Per farlo sono stati confrontati 9.368 pazienti con diabete di tipo 1 con autoimmunità tiroidea (3.789 dei quali trattati con levotiroxina) con 62.438 pazienti con diabete di tipo 1 senza alcuna malattia tiroidea da un registro di follow-up di pazienti diabetici multicentrici (DPV) in termini di psichiatria disturbi. L’autoimmunità tiroidea è stata definita come diagnosi documentata di tiroidite di Hashimoto o di anticorpi positivi contro la perossidasi tiroidea o la tireoglobulina. Sono stati utilizzati modelli di regressione logistica multivariabile per calcolare gli odds ratio per i rispettivi disturbi psichiatrici nei pazienti con diabete di tipo 1 con autoimmunità tiroidea (complessiva e stratificata dalla terapia con levotiroxina) rispetto ai pazienti con diabete di tipo 1 senza malattie della tiroide (riferimento).

Dei 9.368 pazienti con autoimmunità tiroidea, il 62% era di sesso femminile con un’età mediana [Q1-Q3] di 16,3 [14,2-17,6] anni. L’autoimmunità tiroidea (con o senza terapia con levotiroxina) ha rivelato una probabilità lieve, ma significativa, maggiore di depressione (odds ratio 1,35 [IC 95%: 1,19; 1,52]), disturbi alimentari (1,25 [1,03; 1,51]), deficit di attenzione / disturbo da iperattività (1,22 [1,07; 1,39]) e schizofrenia (1,63 [1,04; 2,56]). Negli individui a cui è stata prescritta una terapia con levotiroxina a causa di disfunzione tiroidea, le probabilità di depressione significativamente più elevate (1,63 [1,34; 1,99]), ansia (1,60 [1,18; 2,18]) e disturbo da deficit di attenzione / iperattività (1,71 [1,38; 2,12]) erano osservato rispetto al riferimento. L’autoimmunità tiroidea senza terapia con levotiroxina richiesta non ha rivelato differenze rispetto al gruppo di riferimento.

Conclusioni: i pazienti che assumevano levotiroxina avevano probabilità significativamente più alte di disturbi psichiatrici, ma l’autoimmunità tiroidea solo in termini di alti livelli di anticorpi non mostrava probabilità più elevate per alcun disturbo psichiatrico.

Lo studio è stato pubblicato su Journal of Diabetes del 15 dicembre 2020.