Assistenza sociosanitaria

Gran Bretagna: triplicati i diabetici in 25 anni

human, observer, exhibition

Photo by geralt on Pixabay

La percentuale di adulti con diabete diagnosticato è triplicata tra il 1994 e il 2019, riferiscono i ricercatori dell’UCL e del Centro nazionale per la ricerca sociale (NatCen), che hanno analizzato gli ultimi risultati dell’Health Survey for England (HSE).

Il rapporto, commissionato da NHS Digital, analizza i dati di oltre 8.200 adulti e 2.000 bambini che vivono in famiglie private in Inghilterra e mostra che la percentuale di persone a cui è stato diagnosticato il diabete è aumentata dal 1994, dal 3% al 9% tra gli uomini. e dal 2% al 6% tra le donne.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che il diabete totale (che include sia i casi diagnosticati sia le persone che secondo il sondaggio hanno un diabete non diagnosticato) è molto più comune tra le persone con redditi più bassi e anche tra quelle con obesità . Ad esempio, il 16% delle persone nel gruppo a reddito più basso aveva il diabete ma solo il 7% nel gruppo a reddito più alto. La percentuale di adulti con diabete totale è aumentata dal 5% di quelli con peso normale al 9% degli adulti con sovrappeso e al 15% degli adulti con obesità.

Inoltre, il rapporto evidenzia che gli adulti che vivono nelle aree più svantaggiate hanno maggiori probabilità di essere obesi. Questa differenza è stata particolarmente pronunciata per le donne, dove il 39% delle donne nelle aree più svantaggiate era obeso, rispetto al 22% nelle aree meno svantaggiate. Il sondaggio ha anche rilevato che l’obesità dei bambini era strettamente associata al fatto che i loro genitori fossero in sovrappeso o obesi.

La professoressa Jennifer Mindell, co-editrice del rapporto, (UCL Research Department of Epidemiology and Public Health) ha dichiarato: “Negli ultimi decenni, il diabete è diventato più comune sia nei paesi ad alto che a basso reddito. Lo sappiamo da molto tempo che il diabete aumenta i rischi di sviluppare malattie circolatorie e tumori.

“Abbiamo visto quest’anno che aumenta anche i rischi di infezione grave e morte nelle persone infettate da COVID-19. Il diabete è molto più comune nelle persone con obesità. La pandemia COVID-19 ha giustamente spinto una maggiore attenzione sulla riduzione dell’obesità, che aiuterà anche con il problema dell’aumento del diabete “.

Per la prima volta, il sondaggio ha anche chiesto informazioni sulle consultazioni del medico di famiglia. Mostra che il 69% degli uomini e l’82% delle donne aveva consultato un medico di base nei 12 mesi precedenti. Le visite del medico di famiglia sono più comuni nelle età più anziane, specialmente tra gli uomini, e aumentano anche con l’indice di massa corporea (BMI): l’80% degli adulti con obesità ha riferito di aver avuto un consulto del medico di famiglia nell’ultimo anno, rispetto al 74% degli adulti in sovrappeso e peso normale .

L’84% degli intervistati ha affermato di aver consultato il proprio medico di famiglia esclusivamente per un problema di salute fisica, il 5% per un problema di salute mentale, nervoso o emotivo e l’11% per entrambi i tipi di problema negli ultimi 12 mesi. Le donne avevano più probabilità degli uomini di aver discusso di un problema di salute mentale con il proprio medico di famiglia e di utilizzare servizi di consulenza o terapia per un problema di salute mentale.

Il rapporto rileva che le consultazioni per problemi di salute mentale erano più comuni tra coloro con redditi più bassi: il 25% degli adulti nel gruppo a reddito più basso ha avuto una consulenza su un problema di salute mentale nell’ultimo anno, rispetto al 15% degli adulti con il reddito più alto gruppo.

Ulteriori rapporti su HSE 2019 includono risultati su comportamenti di salute degli adulti , assistenti e disturbi alimentari.

Elizabeth Fuller, co-editrice del rapporto e direttrice della ricerca presso NatCen, ha dichiarato: “Oltre ai risultati sul diabete , il rapporto di quest’anno include approfondimenti significativi sulla prevalenza di disturbi alimentari. Una donna su cinque e un uomo su otto in Inghilterra sono risultati positivi allo screening. per un possibile disturbo alimentare, che può significare mangiare troppo o troppo poco, ossessionarsi con il peso o la forma del corpo, avere routine rigide intorno al cibo o eliminare dopo aver mangiato. Abbiamo scoperto che le persone che sono obese, i giovani adulti e le donne hanno maggiori probabilità di essere positivi allo screening per un possibile disturbo alimentare “.