Batticuore

Strategie di prevenzione dello scompenso cardiaco sono necessarie nei diabetici

smiley, scared, surprised

Photo by Conmongt on Pixabay

Secondo i risultati dello studio pubblicati su JAMA Cardiology, le strategie preventive per lo scompenso cardiaco devono essere ampliate per raggiungere i pazienti con diabete .

“Il diabete aumenta il rischio di SC, indipendentemente dalla cardiopatia ischemica (IHD); negli ultimi decenni, la comunità medica si è concentrata principalmente sulla prevenzione delle complicanze macrovascolari del diabete (infarto e ictus), nonché delle complicanze microvascolari (neuropatia, nefropatia, retinopatia) “, Michael C.Honigberg, MD, MPP, cardiologo e ricercatore presso il Massachusetts General Hospital e istruttore di medicina presso la Harvard Medical School, ha detto. “Volevamo capire come questi tradizionali sforzi di prevenzione per i pazienti con diabete hanno influenzato le tendenze nello scompenso cardiaco in questa popolazione ad alto rischio”.

Pubblicità e progresso

Per indagare sul peso dell’HF rispetto all’IHD, i ricercatori hanno estratto i dati sui pazienti di almeno 18 anni utilizzando il CDC National Health Interview Survey dal 1995 al 2015. I ricercatori hanno ulteriormente analizzato i dati e stimati i tassi di ospedalizzazione utilizzando il campione nazionale di pazienti ospedalizzati degli Stati Uniti.

L’incidenza aggiustata per età di ospedalizzazione per IHD era doppia rispetto a quella del ricovero per SC nel 1995 (37,6 [IC 95%, 33,8-41,4] per 1.000 adulti con diabete vs 19 [IC 95%, 17,2-10,8] per 1.000 adulti con diabete) , secondo i ricercatori.

Tuttavia, i tassi di ospedalizzazione per IHD sono diminuiti dal 1995 al 2015 del 67,8% (95% CI, 57,5-78,1) negli adulti con diabete, mentre i tassi di ospedalizzazione per HF sono diminuiti del 38,9% (95% CI, 29,1-48,8) in quella popolazione.

In un’analisi geometrica, la variazione media dei ricoveri per IHD è stata di –6,3% all’anno ( P <0,001), più ripida della variazione media di –3,4% all’anno ( P <0,001) nei ricoveri per SC; entrambe le tendenze erano non lineari ( P per la differenza nelle pendenze <0,001).

Ulteriori analisi hanno mostrato un calo del ricovero totale per SC tra i pazienti di almeno 65 anni, mentre l’incidenza del ricovero per SC è rimasto stabile nei pazienti più giovani. Dopo il 2012, i ricoveri per SC sono stati più elevati negli uomini con diabete rispetto alle donne con diabete (12,6 per 1.000 adulti con diabete contro 9,9 per 1.000 adulti con diabete; differenza del 27%; P <.001).

“Abbiamo riscontrato miglioramenti complessivi sostanziali nell’IHD nella popolazione con diabete. In contrasto con questi miglioramenti, sono rimasto sorpreso dalla relativa mancanza di progressi nazionali nei ricoveri per HF “, ha detto Honigberg. “ Gli inibitori SGLT2, originariamente sviluppati come farmaci antidiabetici, sono emersi come un potente strumento per mitigare il rischio di scompenso cardiaco . È anche importante non dimenticare le basi e l’importanza della prevenzione primordiale e primaria – dieta salutare per il cuore, esercizio fisico e perdita di peso – sebbene questi sforzi possano non avere successo o essere sufficienti per mitigare il rischio una volta che il diabete si sviluppa. Come si suol dire, un’oncia di prevenzione vale una libbra di cura. ”


Divulgazioni: Honigberg riferisce di aver ricevuto sovvenzioni dal NIH. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Categorie:Batticuore

Con tag:,,