Complicanze varie/eventuali

L’aumento del rischio di grave malattia da COVID-19 riscontrato nel diabete di tipo 1 e di tipo 2 è simile

Secondo uno studio pubblicato su Diabetes Care, gli individui con diabete di tipo 1 e quelli con diabete di tipo 2 hanno rischi aumentati simili per il ricovero in ospedale COVID-19 e la malattia grave rispetto a quelli senza diabete .

“Il messaggio da portare a casa dal nostro studio prospettico di coorte è che i pazienti con diabete di tipo 1 infettato da SARS-CoV-2 hanno un rischio da tre a quattro volte maggiore di ospedalizzazione e malattia grave rispetto ai pazienti che non hanno il diabete, dopo l’aggiustamento per altri fattori di rischio, come età, BMI, ipertensione e altri, ” Justin M. Gregory, MD, MSCI , assistente professore di pediatria nella divisione di endocrinologia pediatrica e diabete presso il Vanderbilt University Medical Center, ha detto. “Questo rischio in eccesso è quasi lo stesso dei pazienti con diabete di tipo 2”.

Pubblicità e progresso

Gli adulti con diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2 avevano un rischio aumentato simile di ospedalizzazione per COVID-19 rispetto a quelli senza diabete.

Gregory e colleghi hanno condotto uno studio prospettico di coorte su pazienti del sistema sanitario del Vanderbilt University Medical Center risultati positivi per COVID-19 dal 17 marzo al 7 agosto. I dati sono stati compilati dal data warehouse Epic Clarity del centro medico. Gli individui sono stati classificati come affetti da diabete di tipo 1 o di tipo 2 in base alla diagnosi dell’elenco dei problemi. Per quantificare la gravità del COVID-19, sono stati raccolti dati su ricoveri, ricoveri in terapia intensiva, intubazione endotracheale e ventilazione meccanica e morte entro 14 giorni da un risultato positivo del test.

Rischi simili nel diabete di tipo 1 e di tipo 2

Su 69.701 individui testati per COVID-19 durante il periodo di studio, 6.451 sono stati confermati positivi. Degli individui COVID-19 positivi, 6.138 non avevano il diabete, 40 avevano il diabete di tipo 1 e 273 avevano il diabete di tipo 2. Gli individui con diabete di tipo 1 avevano circa tre volte più probabilità di essere ricoverati in ospedale rispetto a quelli senza diabete (22,5% contro 7,1%; P <0,001) mentre quelli nel gruppo del diabete di tipo 2 avevano un tasso di ospedalizzazione quasi il doppio rispetto al tipo 1 coorte di diabete (44,3% contro 22,5%; P = 0,009). Non ci sono stati decessi nel gruppo del diabete di tipo 1, mentre il 4,8% con diabete di tipo 2 e lo 0,5% degli individui senza diabete sono morti.

Dopo l’aggiustamento per età, razza, sesso, ipertensione, fumo e BMI, individui con diabete di tipo 1 (OR aggiustato = 3,9; 95% CI, 1,75-8,69) e diabete di tipo 2 (aOR = 3,36; 95% CI, 2,49-4,55 ) avevano maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale con complicanze COVID-19 rispetto a quelli senza diabete. Entrambi i gruppi con diabete di tipo 1 (aOR = 3,35; 95% CI, 1,53-7,33) e con diabete di tipo 2 (aOR = 3,42; 95% CI, 2,55-4,58) avevano un rischio simile aumentato di peggioramento della gravità della malattia . Quelli con diabete di tipo 2 avevano anche un aumento del rischio di morte rispetto agli individui senza diabete (aOR = 3,21; IC 95%, 1,54-6,7).

“Quando abbiamo progettato lo studio, abbiamo ipotizzato che i pazienti con diabete di tipo 1 avessero maggiori probabilità di avere una maggiore gravità della malattia da COVID-19 rispetto alle persone senza diabete, ma avrebbero meno probabilità di avere una malattia grave rispetto ai pazienti con diabete di tipo 2”, ha detto Gregory . “Invece, la nostra analisi mostra che i pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2 hanno quasi lo stesso livello di aumento del rischio di ospedalizzazione e una maggiore gravità della malattia”.

Fattori clinici, determinanti sociali

I ricercatori hanno anche condotto una revisione dettagliata del grafico di 37 individui nella coorte del diabete di tipo 1. Quindici dei 37 hanno anche accettato di partecipare a un sondaggio telefonico per rispondere a domande sulla loro storia medica e sui determinanti sociali della salute. Dei 37 partecipanti alla revisione del grafico, il 76% non ha richiesto il ricovero in ospedale, il 14% è stato ricoverato senza supporto respiratorio o ricovero in terapia intensiva, il 3% è stato ricoverato con supporto respiratorio a bassa acutezza, il 5% è stato ricoverato in terapia intensiva e il 3% ha richiesto endotracheale intubazione e ventilazione meccanica. I fattori clinici associati alla peggiore gravità del COVID-19 includevano una precedente diagnosi di ipertensione, un HbA1c più alto, l’assunzione di qualsiasi farmaco antipertensivo diverso da un ACE inibitore o un bloccante del recettore dell’angiotensina, con almeno un ricovero per chetoacidosi diabetica nell’ultimo anno,

Degli individui neri che hanno partecipato al sondaggio, il 71% è stato ricoverato in ospedale contro l’11% per i partecipanti bianchi. Solo l’8% di quelli con assicurazione privata è stato ricoverato, mentre il 60% di quelli con sola assicurazione pubblica e il 67% senza assicurazione sono stati ricoverati. C’era un tasso di ospedalizzazione del 9% per gli utenti CGM contro il 47% per coloro che utilizzavano un monitor della glicemia. Solo il 6% degli individui che utilizzavano un microinfusore è stato ricoverato in ospedale contro il 33% degli individui che utilizzavano più iniezioni giornaliere.

Gregory ha affermato che i risultati della ricerca mostrano che gli individui con diabete di tipo 1 hanno un rischio simile per i risultati di cattiva salute di quelli con diabete di tipo 2 e alcuni sottogruppi, come gli individui neri e quelli senza assicurazione, hanno un rischio ancora maggiore di malattie gravi.

“Il nostro studio fornisce prove importanti ai leader politici sani che indicano la necessità di dare la priorità all’immunizzazione per le persone con diabete di tipo 1 insieme ad altre con condizioni mediche ad alto rischio come il diabete di tipo 2”, ha detto Gregory.


Divulgazioni: Gregory non riporta alcuna informativa finanziaria rilevante.