Donne e diabete

L’intelligenza artificiale prevede il diabete gestazionale nelle donne cinesi

pregnant, pregnant woman, gestation

Photo by Fotorech on Pixabay

WASHINGTON – L’apprendimento automatico, una forma di intelligenza artificiale, può prevedere quali donne sono ad alto rischio di sviluppare il diabete gestazionale e portare a un intervento precoce, secondo un nuovo studio pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism della Endocrine Society .

Pubblicità

Il diabete gestazionale è una complicanza comune durante la gravidanza che colpisce fino al 15% delle donne in gravidanza. L’alto livello di zucchero nel sangue nella madre può essere pericoloso per il bambino e portare a complicazioni come la morte in utero e il parto prematuro. Alla maggior parte delle donne viene diagnosticato il diabete gestazionale durante il secondo trimestre, ma alcune donne sono ad alto rischio e potrebbero beneficiare di un intervento precoce.

“Il nostro studio ha sfruttato l’intelligenza artificiale per prevedere il diabete gestazionale nel primo trimestre utilizzando i dati delle cartelle cliniche elettroniche di un ospedale cinese”, ha detto l’autore dello studio He-Feng Huang Ph.D. della Shanghai Jiao Tong University School of Medicine e dell’International Peace Maternity and Child Health Hospital di Shanghai, Cina. “Questi risultati possono aiutare i medici a identificare le donne ad alto rischio di diabete all’inizio della gravidanza e ad avviare interventi come i cambiamenti nella dieta prima. La tecnologia dell’intelligenza artificiale continuerà a migliorare nel tempo e ci aiuterà a comprendere meglio i fattori di rischio per il diabete gestazionale”.

I ricercatori hanno analizzato quasi 17.000 cartelle cliniche elettroniche di un ospedale in Cina nel 2017 con modelli di apprendimento automatico per prevedere le donne ad alto rischio di diabete gestazionale. Hanno confrontato le loro previsioni con i dati delle cartelle cliniche elettroniche del 2018 e hanno scoperto di essere riusciti a identificare chi avrebbe sviluppato il diabete gestazionale. I modelli di previsione hanno anche trovato un’associazione tra bassa massa corporea e diabete gestazionale.

###

Altri autori dello studio includono: Yan-Ting Wu, Chen-Jie Zhang, Cheng Li, Yu Wang, Jian-Xia Fan e Lei Chen della Shanghai Jiao Tong University School of Medicine e dell’International Peace Maternity and Child Health Hospital; Ben Willem Mol e Andrew Kawai della Monash University di Melbourne, Australia; Jian-Zhong Sheng della Zhejiang University di Zhejiang, Cina; e Yi Shi dell’Università Jiao Tong di Shanghai.

Il manoscritto ha ricevuto finanziamenti dal National Key Research and Development Program of China, dalla National Natural Science Foundation of China, dalla Foundation of Shanghai Municipal Commission of Health and Family Planning, dalla Clinical Skills Improvement Foundation della Shanghai Jiaotong University School of Medicine, dal Natural Science Foundation di Shanghai, il Shanghai Shenkang Hospital Development Center, il Clinical Technology Innovation Project, il Program of Shanghai Academic Research Leader, il CAMS Innovation Fund for Medical Sciences e gli Outstanding Youth Medical Talents of Shanghai Rising Stars of Medical Talent Youth Development Program.

Il manoscritto “Early Prediction of Gestational Diabetes Mellitus in the Chinese Population Via Advanced Machine Learning” è stato pubblicato online, prima della stampa.

Gli endocrinologi sono al centro della risoluzione dei problemi di salute più urgenti del nostro tempo, dal diabete e l’obesità all’infertilità, alla salute delle ossa e ai tumori correlati agli ormoni. La Endocrine Society è la più antica e la più grande organizzazione al mondo di scienziati dediti alla ricerca sugli ormoni e di medici che si prendono cura di persone con condizioni correlate agli ormoni.

La Società ha più di 18.000 membri, inclusi scienziati, medici, educatori, infermieri e studenti in 122 paesi. Per saperne di più sulla Società e sul campo dell’endocrinologia, visitare il nostro sito http: // www. endocrino. org . Seguici su Twitter su @TheEndoSociety e @EndoMedia.

Pubblicità