Terapie

Una nuova combinazione di farmaci migliora il controllo del glucosio e del peso nel diabete tipo 2

L’aggiunta di un farmaco sperimentale contro il cancro a un farmaco per il diabete ampiamente utilizzato migliora la gestione del glucosio e il controllo del peso nei topi

Gli scienziati hanno dimostrato che l’aggiunta di un farmaco sperimentale contro il cancro a un trattamento del diabete ampiamente utilizzato migliora il controllo della glicemia e la perdita di peso nei topi, secondo uno studio pubblicato oggi su eLife .

I risultati aprono la strada a studi clinici sulla nuova combinazione di farmaci come trattamento a lungo termine più efficace per milioni di persone con diabete e obesità.

Gli agonisti del peptide 1 simile al glucagone (analoghi del GLP-1) sono una classe relativamente nuova di farmaci che riducono i livelli di zucchero nel sangue e abbassano il peso corporeo. Funzionano parzialmente legandosi al recettore del peptide 1 simile al glucagone sulle cellule beta pancreatiche, che porta le cellule a produrre insulina. Ma non tutti i pazienti raggiungono la normalizzazione del controllo del glucosio nel sangue con i farmaci GLP-1 e pochissimi raggiungono la completa inversione dell’obesità.

“Abbiamo già dimostrato che l’associazione prolungata degli agonisti del GLP-1 con il recettore del peptide 1 simile al glucagone supporta la secrezione di insulina nelle cellule beta pancreatiche”, spiega il capo del team del progetto, il dottor Prasenjit Mitra, dell’Istituto di scienze della vita del Dr. Reddy. “Questo ci ha portato a vedere se potevamo migliorare gli effetti dell’agonismo del GLP-1 sulla regolazione dei livelli di glucosio con una terapia complementare”.

Il team ha iniziato con una libreria di potenziali farmaci e li ha testati su cellule beta pancreatiche per vedere se hanno potenziato gli effetti di un farmaco GLP-1 sull’attività del recettore dell’incretina, misurando una seconda molecola messaggera chiamata cAMP. Hanno trovato quattro molecole che hanno migliorato l’attività del farmaco GLP-1. Il più efficace, MS-275 (chiamato anche entinostat), ha generato 3,5 volte i livelli di cAMP rispetto al solo farmaco GLP-1. L’MS-275 è un membro di una famiglia di farmaci chiamati inibitori HDAC di classe 1 che vengono studiati come trattamenti per altre malattie, incluso il cancro.

Dato l’effetto sinergico dei farmaci sulle cellule beta pancreatiche, il team ha testato se le loro scoperte sarebbero state valide nei topi obesi, alimentati con una dieta ricca di grassi. Shilpak Bele, lo studente laureato sotto la direzione del dottor Mitra, e altri membri del team hanno scoperto che i topi trattati con la combinazione di GLP-1 agonista e MS-275 avevano un livello di glucosio a digiuno molto più basso rispetto ai topi di controllo che sono stati sostenuti con dosi ripetute. Laddove una dieta ricca di grassi aumentava la glicemia a digiuno nei topi non trattati, i topi del trattamento combinato hanno mantenuto il controllo.

Dati questi effetti sulla glicemia, il team ha esaminato se il trattamento combinato ha anche ridotto al minimo l’aumento di peso. I topi trattati con il trattamento combinato hanno avuto una riduzione significativa e sostenuta dell’assunzione di cibo, che ha portato alla perdita di peso. Quando il trattamento è stato interrotto, i topi hanno ripreso peso. Una volta ripreso il trattamento, solo i topi che hanno ricevuto il trattamento combinato hanno mostrato di nuovo una significativa perdita di peso.

“I farmaci GLP-1 sono emersi nell’ultimo decennio come farmaci unici che forniscono miglioramenti sostanziali nel controllo glicemico e nel peso corporeo; tuttavia, raramente raggiungono il pieno recupero metabolico o aiutano a trattare le comorbidità associate come il peso corporeo”, spiega il dott. Mitra. “I nostri risultati suggeriscono che l’inibitore di classe 1 HDAC MS-275 può migliorare significativamente l’azione dei farmaci GLP-1, normalizzando più efficacemente la glicemia e riducendo l’aumento di peso. Questo pone le basi per studi clinici di combinazioni di GLP-1 / inibitori HDAC per la gestione a lungo termine del diabete e dell’obesità negli esseri umani “.

###

Riferimento

Il documento “MS-275, un inibitore della deacetilasi dell’istone di classe 1 aumenta l’agonismo del recettore del peptide-1 simile al glucagone per migliorare il controllo glicemico e ridurre l’obesità nei topi obesi indotti dalla dieta” può essere liberamente consultato online all’indirizzo https: / / doi. org / 10. 7554 / eLife. 52212 . I contenuti, inclusi testo, figure e dati, possono essere riutilizzati gratuitamente con una licenza CC BY 4.0.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.