Terapie

Un comune farmaco per il diabete può innescare complicazioni rare per i pazienti COVID-19

pill, capsule, medicine

Photo by qimono on Pixabay

I medici del Brigham esortano i pazienti malati a sospendere l’uso di SGLT2i, soprattutto se sospettano un’infezione da COVID-19

Il diabete è un noto fattore di rischio di morbilità e mortalità correlata a COVID-19. Nei pazienti diabetici, complicazioni rare ma gravi, come la chetoacidosi diabetica (DKA) potenzialmente letale, possono insorgere quando la malattia o determinate condizioni impediscono alle cellule di ricevere abbastanza glucosio per alimentare il loro funzionamento. Un aumento in un particolare tipo di DKA chiamato euDKA al Brigham and Women’s Hospital durante la pandemia COVID-19 ha portato i ricercatori a ipotizzare che i pazienti diabetici che assumono farmaci ipoglicemizzanti possano essere a maggior rischio di euDKA quando contraggono COVID-19. La serie di casi osservazionali è stata pubblicata su The American Association of Clinical Endocrinologists Clinical Case Reports .

Pubblicità e progresso

EuDKA è un sottoinsieme della complicanza del diabete nota come DKA, che si verifica quando le cellule del corpo non assorbono abbastanza glucosio e compensano invece metabolizzando i grassi, creando un accumulo di acidi chiamati chetoni. EuDKA differisce da DKA in quanto è caratterizzato da livelli di zucchero nel sangue più bassi, rendendo più difficile la diagnosi. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha avvertito che il rischio di DKA ed euDKA può essere aumentato per le persone che usano una classe popolare di farmaci per il diabete chiamati inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2 (SGLT2i), che funzionano rilasciando glucosio in eccesso nelle urine. Alla base di quasi tutti i casi di euDKA c’è uno stato di fame che può essere innescato da malattie che causano vomito, diarrea e perdita di appetito e può essere aggravato dall’effetto diuretico dei farmaci SGLT2i.

I ricercatori di Brigham hanno studiato cinque casi insoliti di euDKA portati ai servizi di degenza per il diabete nell’arco di due mesi, tre dei quali si sono verificati in una settimana, al culmine della pandemia a Boston nella primavera del 2020. I cinque casi hanno rappresentato un’incidenza notevolmente aumentata di euDKA rispetto a quello dei due anni precedenti, quando i servizi di degenza hanno visto meno di 10 casi di euDKA. Tutti e cinque i recenti casi di euDKA sono stati osservati in pazienti COVID-19 che stavano assumendo SGLT2i; tre pazienti sono stati dimessi in strutture di riabilitazione, uno è stato dimesso a casa e uno, un uomo di 52 anni con sindrome da distress respiratorio acuto, è morto.

“Abbiamo le conoscenze di base per riconoscere che gli inibitori SGLT2 possono causare DKA ed euDKA”, ha detto l’autore corrispondente Naomi Fisher della Divisione di endocrinologia, diabete e ipertensione. “Il nostro rapporto rafforza che se i pazienti sono malati o hanno perdita di appetito o digiunano, dovrebbero sospendere il trattamento e non riprenderli finché non stanno bene e mangiano correttamente”.

Gli autori dello studio sospettano anche che COVID-19 possa esacerbare particolarmente i rischi di euDKA. Quando il virus infetta un paziente, si lega alle cellule del pancreas che producono insulina e può esercitare un effetto tossico su di esse. Gli studi sul precedente virus SARS-CoV-1 hanno scoperto che molti pazienti infetti avevano un aumento della glicemia. “E ‘stato ipotizzato attraverso altri modelli che il virus potrebbe distruggere preferenzialmente le cellule produttrici di insulina”, ha detto Fisher.

Inoltre, la risposta infiammatoria disadattiva associata a COVID-19, che produce alti livelli di proteine ??correlate alla risposta immunitaria chiamate citochine, può aumentare i rischi di DKA. “Questi alti livelli di citochine sono visti anche in DKA, quindi questi percorsi infiammatori possono interagire”, ha detto Fisher. “È speculativo, ma potrebbe esserci una sinergia tra loro”.

Sebbene questi risultati siano osservazionali, piuttosto che i risultati di uno studio controllato randomizzato, rapporti simili di maggiore incidenza di euDKA sono emersi da altre istituzioni. Gli autori incoraggiano pazienti e medici a interrompere l’uso di SGLT2i in caso di malattia, che è già pratica standard per il farmaco per il diabete più comune, la metformina.

“I pazienti dovrebbero continuare a monitorare la loro glicemia, e se la malattia è prolungata o se la loro glicemia è molto alta, possono parlare con il loro medico di altre forme di terapia”, ha detto Fisher. “Ma spesso si tratta di un ciclo molto breve di assenza del farmaco. Siamo fiduciosi che con una diffusa educazione di pazienti e medici, non vedremo un altro gruppo di casi di euDKA nel prossimo aumento di infezioni da COVID-19”.

###

Documento citato: Vitale, RJ, Valtis, YK, et al. “Chetoacidosi diabetica euglicemica con infezione da Covid-19 in pazienti con diabete di tipo 2 che assumono inibitori SGLT2” The American Association of Clinical Endocrinologists Clinical Case Reports DOI: 10.4158 / ACCR-2020-0551