Assistenza sociosanitaria

Il controllo glicemico nel diabete di tipo 1 è migliorato durante il lockdown

In media, il controllo glicemico è migliorato durante il blocco tra le persone che vivono con il diabete di tipo 1, secondo uno studio pubblicato online il 23 dicembre su Diabetes Care.

Louis Potier, MD, dell’ospedale Bichat di Parigi, e colleghi hanno condotto una valutazione osservazionale da un questionario auto-riferito sui cambiamenti comportamentali e le informazioni glicemiche dal monitoraggio flash del glucosio (MGF) durante il blocco in 1.378 individui che vivono con diabete di tipo 1 . La variazione del livello medio di glucosio due mesi prima e un mese dopo il blocco era il risultato principale.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno osservato un miglioramento del glucosio medio da 9,1 ± 1,7 mmol / L a 8,7 ± 1,7 mmol / L. La diminuzione del consumo di alcol, un aumento della frequenza delle scansioni MGF e del numero di eventi ipoglicemici e una più facile percezione del controllo del diabete erano fattori associati a un migliore controllo glicemico (odds ratio, rispettivamente 1,75, 1,48, 1,67 e 1,71).

“Il nostro studio suggerisce che mentre il blocco era una fonte di ansia per molte persone con diabete di tipo 1, era anche un’opportunità per apportare cambiamenti comportamentali positivi “, scrivono gli autori. “La loro persistenza dopo l’allentamento del blocco dovrebbe essere studiata”.

Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con le industrie biofarmaceutiche e dei dispositivi medici. In particolare: Abbot, Dexcom,Medtronic.